Femminicidio e violenza di genere in Repubblica Dominicana: emergenza nazionale

0 commenti


Nella Repubblica Dominicana, i numeri della violenza contro le donne fanno venire i brividi. Sono già 211 i femminicidi commessi dall’inizio dell’anno. L’ultimo proprio oggi, Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne. Una giovane di appena 16 anni è  stata  uccisa a coltellate dal suo convivente ad Haina, non lontano dalla capitale Santo Domingo,  proprio mentre vari settori e associazioni della società civile stavano marciando verso il Palazzo Nazionale chiedendo al governo di dichiarare  lo stato di  “emergenza nazionale” per l’elevato numero di femminicidi che si stanno registrando nel paese. Parliamo del fenomeno con la D.ssa Lourdes Contreras, coordinatrice del Centro di Studi di Genere dell’università INTEC,  Istituto Tecnologico di  Santo Domingo.

Di  Annalisa Melandri/Héctor de la Rosa

Santo Domingo, 25  novembre  2011

D.ssa Contreras ci potrebbe fornire  alcuni dati sulla violenza contro le donne nel paese, anche rispetto all’ America latina e centrale?

La Repubblica Dominicana è stata classificata come uno dei paesi con i più alti indici di violenze contro contro le donne, anche in relazione alla quantità di popolazione. Ci troviamo al primo o secondo posto insieme al  Messico e al Guatemala. Dall’ inizio dell’ anno ad oggi sono state 210 le donne uccise dai loro compagni, ex compagni e uomini con i quali hanno avuto alcun legame intimo.  (altro…)


La violenza contro le donne è un problema politico

0 commenti

da http://alainet.org/active/51146

traduzione dallo spagnolo di Ilaria Dematteis per http://mujeres_libres.blog.tiscali.it

La violenza contro le donne è un problema politico

Lily Muñoz - 25/11/11

Quasi sempre quando si parla di violenza contro le donne, prevale nell’opinione pubblica l’idea di un problema familiare, della sfera privata. Per questo sembra che la soluzione più semplice sia sensibilizzare gli uomini contro il machismo e la violenza e lavorare con le donne affinché conoscano i propri diritti.

Ma questa è una concezione riduttiva, che non prende in considerazioni le radici del problema. Confinare la questione della violenza contro le donne entro le quattro mura di casa, non è solo un errore, ma è anche una trappola. Perché questa è solo una parte del problema, che è in realtà presente nella vita delle donne a casa, sul posto di lavoro, in strada, sui marciapiedi, nelle università, nelle aziende agricole, nelle chiese, nell’organizzazione e in tutti i luoghi in cui noi donne ci muoviamo ogni giorno.

Continua a leggere qui

 


Feminicidios y violencia de género en la República Dominicana: emergencia nacional

0 commenti

En la República Dominicana los números  de la violencia contra las mujeres son escalofriantes. Son ya 211 los feminicidios cometidos desde el principio del año hasta la fecha. El ultimo, hoy mismo,  Día Internacional de la No Violencia Contra la Mujer. Una joven de  de 16 años asesinada  a puñaladas en Haina mientras sectores y asociaciones de la sociedad civil marchaban hacia el Palacio Nacional pidiendo al  gobierno que declare la “emergencia  nacional” por los altos índices de violencia contra las mujeres que está enfrentando la  sociedad.  Hablamos del fenómeno con la Licda.  Lourdes Contreras, coordinadora del Centro de Estudios de Genero del  Instituto Tecnológico de Santo Domingo (INTEC).

 

Por Annalisa Melandri/Héctor de la Rosa

Santo Domingo, 25  noviembre de 2011

Licda. Contreras, ¿podría facilitarnos  algunos  datos sobre  la violencia contra las mujeres en el país,  relacionados también respecto  a América latina y  Caribe? 

La República Dominicana ha sido catalogada como uno de los países  donde la violencia contra las mujeres tiene mayor peso, incluso proporcionalmente hablando en relación a  la cantidad de la población estamos en el primer y segundo lugar. Ahí nos disputamos con México y  con  Guatemala que también tiene altos índices de violencia de género y de feminicidios. La situación  actual es que en el año 2011 van al dia de hoy unas 210 mujeres asesinadas en mano de su pareja, ex pareja o hombre con el cual ha tenido algún vinculo intimo. Esta  cifra es alarmante porqué el año aún no ha terminado y  normalmente noviembre y diciembre son meses de  altos niveles de feminicidios. Frente a otros aspectos de la violencia  de género, también estamos en una posición  alta respecto a otros países  y si los comparamos con países europeos es extraordinaria la distancia. (altro…)


La violencia contra las mujeres es un problema político

2 commenti

Lily Muñoz / colarebo.wordpress.com

Casi siempre que se habla de la violencia contra las mujeres, en la opinión pública predomina la idea de un problema doméstico, intrafamiliar, del ámbito privado. Por eso, pareciera que la solución es tan sencilla como sensibilizar a los hombres para que no sean tan machistas y violentos y trabajar con las mujeres para que conozcan sus derechos.Pero esa ha sido una concepción muy reduccionista del problema que no llega a examinar su raíz. Encerrar el problema de la violencia contra las mujeres entre las cuatro paredes de la casa es no sólo un error, sino que es también una trampa. Porque esa es sólo una parte del problema, que en realidad está presente en las vidas de las mujeres en la casa, en los lugares de trabajo, en la calle, en las veredas y caminos, en los centros de estudio, en las fincas, en las iglesias, en la organización y en todos los sitios donde las mujeres nos movemos en nuestro día a día.
Y es que la violencia contra las mujeres tiene muchas caras. La violencia física, la violencia psicológica, la violencia verbal, el incesto, la violación sexual, el acoso sexual, la pornografía infantil,… sigue 

A una semana de la Conferencia Mundial de Mujeres: comunicado de la coordinadora italiana

0 commenti

No hay revolución sin liberación de la mujer.

No hay  liberación de la mujer sin revolución.

Desde  casi dos años se ha lanzado  a nivel internacional  la convocatoria para la construcción de la Conferencia Mundial de las Mujeres de la Base,  que tendrá lugar  en Caracas desde el  4 hasta el  08 de marzo de este año 2011, en el que celebramos el centenario del Primer Día Internacional de  la Mujer. En todos los países del mundo,  grupos más o menos numerosos de mujeres, colectivos feministas, organizaciones  y sindicatos están trabajando para que esta Conferencia se transforme en una experiencia colectiva de debate y reflexión y  para que pueda representar un pequeño aporte a la lucha por la libertad de las mujeres en todo el mundo.

En Italia, desde el primer momento,  diferentes realidades,  asociaciones de mujeres y mujeres individuales  se ha ido sumando  al llamado,  formando una heterogénea  coordinadora   italiana (Coordinamento italiano) preparatoria para la  Conferencia Mundial de las Mujeres de la Base.

Se han llevado a  cabo diferentes  iniciativas para promover la Conferencia y para la recaudación de fondos en distintas ciudades: Milán, Imperia,  Nápoles,  Roma y Turín. Nos hemos sumado y hemos participado en varias manifestaciones, inclusive en el  Foro Social Europeo de Estambul, en la manifestación en Italia del 16 de octubre 2010 convocada por la Federación de obreros  metalúrgicos (FIOM) y en la gran movilización del 13 de febrero bajo  el lema  “¿Si no es ahora cuándo?” que ha visto  la participación de  más de un millón de mujeres, pero también de muchos hombres saliendo a la calle en contra de la mercantilización del cuerpo femenino y para exprimir el rechazo al primer ministro Silvio Berlusconi.

A través de este proceso logramos obtener un primer resultado importante: la unidad de acción de diferentes  organizaciones de mujeres, y en la actualidad,  aproximadamente a una semana  del inicio de la Conferencia Mundial de las Mujeres,  vemos que el trabajo desarrollado por la coordinadora  italiana ha sido  muy importante y bien distribuido en todo el territorio nacional: el Coordinamento italiano es amplio y cuenta con el aporte de  organizaciones y mujeres individuales que aportan con entusiasmo sus  diferentes experiencias y  sensibilidades:  además de las camaradas del Partito Carc, participan el Comitato Donne Estella de Milán, las compañeras de  Lucha y Siesta ( mujeres migrantes e italianas que han ocupado  un edificio en Roma), el grupo del  Centro Social Askatasuna de Turín, las madres antifascistas del Centro Social Leoncavallo de Milán, las  compañeras del CSOA Forte Prenestino, las camaradas  del  Sindacato Lavoratori in Lotta, algunos comités de trabajadoras creados con el objetivo de promover la Conferencia, la Casa Internazionale delle Donne di Roma, las  compañeras del colectivo Natura e Avventura edizioni,  algunas compañeras de la Asociación de Amistad Italia – Cuba, la asociación de mujeres filipinas en Milán  Samakami, algunas partesanas  (Norina Brambilla y Miriam Pellegrini Ferri), la asociación feminista de Turín Me-Dea, el  Círculo Bolivariano José Carlos Mariátegui de Nápoles,  el Circúlo Bolivariano Antonio Gramsci de Caracas y otras mujeres cada una con su aporte político y social como Barbara Spinelli de los Juristas Demócratas y coordinadora de la página web http://femminicidio.blogspot.com yAnnalisa Melandri activista por los Derechos Humanos y autora de la página web http://www.annalisamelandri.it

También  la redacción de la  revista AlbainFormazione, desde el primer número de la misma ha garantizado un amplio espacio de difusión del trabajo del Coordinamento italiano colaborando con el financiamiento del viaje a Caracas de las compañeras italianas con la venta de algunos números de la revista.

El objetivo común era crear y consolidar una coordinadora que  a través del trabajo de preparación de la Conferencia,  pudiera reunir las trabajadoras y las organizaciones populares, las diferentes asociaciones,  las luchas diarias de las mujeres activas y presentes en la vida social y en donde todas pudieran reunirse, discutir, organizarse y comparar experiencias diferentes.  Una coordinadora  donde las sindicalistas más combativas, las intelectuales, las progresistas, las sinceras democráticas que hoy en día están luchando para no pagar la crisis económica. Una coordinadora   también para conquistar espacios cada vez más grandes  de  autonomía e  independencia,  donde se podrían  sentar las bases para poner  al orden del  día también la lucha para la construcción de  un mundo mejor, posible  y necesario, en donde se valore  a cada mujer por la contribución que pueda  aportar a la comunidad  y en donde se le favorezcan  las posibilidades para trabajar y tener una vida digna y libre de todos aquellos cargos y discriminaciones que este sistema les hecha por encima  (el trabajo doméstico y el cuidado de los niños y de los ancianos,  la discriminación salarial y a veces  la negación a una  maternidad segura y consciente).

El debate y el intercambio de experiencias entre las organizaciones pertenecientes al Coordinamento  italiano han llevado a elaborar los contenidos que es nuestra intención llevar a  la Conferencia en Venezuela:

- Compartir experiencias de lucha en temas ambientales,  políticos  y económicos  en que las  mujeres desempeñan un papel clave.

- La batalla contra la injerencia del Vaticano, el centro promovedor de la cultura que quiere las mujeres sumisas, similares a máquinas para producir  niños y relegadas a la vida  doméstica  pero que también representa  el centro de la movilización reaccionaria (los gobiernos burgueses sin el apoyo de la Santa Sede no pueden lograr nada).

En los paneles de la Conferencia por lo tanto queremos presentar  un vídeo sobre la lucha no TAV en Italia (la lucha contra la conexión ferroviaria de alta velocidad  más grande en Europa con un impacto ambiental y social demasiado elevado respecto a sus beneficios), una entrevista en video con Margherita Hack, una a las mujeres de Terzigno en lucha contra el enorme vertedero en el área del Vesuvio , queremos que se conozca la lucha de las mujeres  precarias del proyecto  Bros y  por último, tenemos la intención de presentar un libro sobre el trabajo de la  CGIL (Confederación General  Italiana del Trabajo) con las mujeres  migrantes en Italia. También es nuestra intención llevar una relación sobre las batallas históricas de las mujeres italianas para obtener la legalización del aborto  (derecho negado a muchas mujeres en muchos países alrededor del mundo, especialmente en América Latina, donde la injerencia  de la Iglesia es muy fuerte) y un momento de reflexión sobre la violencia contra la mujer (un  tema que une a las mujeres de todo el mundo), que  ocurre con más frecuencia entre las paredes domésticas y que se  cruza con la cuestión de clase cuando las  mujeres que sufren mayormente sus  efectos se encuentran  sin trabajo y completamente dependientes económicamente por sus maridos y compañeros.

Todavía no es tiempo de balances y  faltan unos días al comienzo de la Conferencia,  el quehacer  por  la preparación del material y la organización del viaje es febril, pero ya está claro que el trabajo  desarrollado hasta la fecha demuestra la importancia de la participación activa de las mujeres en la lucha para evitar que ellas paguen la crisis,  para construir una sociedad diferente, pero  también aparece con claridad cuanto sea importante compartir experiencias con las mujeres de otros países.  Distintos caminos de lucha a veces surgen de reivindicaciones  similares. Sólo mediante el intercambio y la comparación de las estrategias,  propuestas y proyectos  será posible encontrar soluciones comunes.

Coordinación Italiana de la Conferencia Mundial  de las Mujeres de Base

http://conferenzamondialedonne.wordpress.com

Caracas 4 / 08 de marzo 2011


Micro radial para la difusión de la Conferencia de las Mujeres MINCI21


A una settimana dalla Conferenza Mondiale delle Donne: comunicato del Coordinamento italiano

0 commenti

 

 

Non c’è rivoluzione senza liberazione della donna.

Non c’è liberazione della donna senza rivoluzione.

Da circa due anni è stato lanciato a livello internazionale l’appello per la costruzione della Conferenza Mondiale delle Donne di Base, che si terrà a Caracas dal 4 all’ 8 marzo 2011, nel centenario della Prima Giornata Internazionale della Donna. In ogni paese del mondo gruppi più o meno numerosi,  collettivi, associazioni di donne e sindacati stanno lavorando per renderla un’ esperienza collettiva di confronto e riflessione, un contributo alla libertà delle donne di tutto il mondo.

In Italia fin dal primo momento,  varie realtà,  associazioni di donne e singole compagne  hanno aderito all’appello,  dando vita a un eterogeneo Coordinamento Italiano per la Conferenza Mondiale delle Donne della Base.

Si sono svolte  iniziative per promuovere la Conferenza e per la raccolta di fondi  in varie città: da Milano a Imperia, da Napoli a Roma  a Torino. Infine abbiamo aderito e partecipato a diverse mobilitazioni tra cui il Social Forum Europeo di Istanbul, la manifestazione del 16 ottobre 2010 indetta dalla FIOM e la grande mobilitazione del 13 febbraio “Se non ora quando?” che ha visto oltre un milione di donne, ma anche uomini, scendere in piazza contro la mercificazione del corpo femminile e per la cacciata di Berlusconi.

Attraverso questo percorso abbiamo ottenuto un primo, importante risultato: l’unità d’azione di vari organismi femminili, ed oggi, a una settimana circa dalla data di inizio della Conferenza Mondiale delle Donne possiamo constatare che il lavoro svolto dal Coordinamento italiano  è stato prezioso e capillare:  si è esteso e raccoglie il contributo di organizzazioni e singole donne con diverse esperienze e sensibilità: partecipano ai lavori oltre alle compagne del  Partito dei Carc, ilComitato Donne Estella di Milano, le compagne di Lucha y Siesta (donne migranti e italiane che hanno occupato un edificio a Roma), il collettivo delle compagne dell’Askatasuna di Torino, le mamme antifasciste del Leoncavallo Spa, le compagne del CSOA Forte Prenestino, le compagne del Sindacato Lavoratori in Lotta, comitati di lavoratrici nati con l’obiettivo di promuovere la Conferenza,  la Casa Internazionale delle Donne di Roma, le compagne del collettivo Natura Avventura edizioni, alcune compagne dell’Associazione di Amicizia Italia-Cuba, l’associazione delle donne filippine di Milano Samakami, alcune partigiane (Norina Brambilla e Miriam Pellegrini Ferri), l’associazione di Torino Me-Dea, il Circolo Bolivariano José Carlos Mariategui di Napoli, il Circolo Bolivariano Antonio Gramsci - Caracas  e altre singole compagne ognuna con il suo percorso tra cui Barbara Spinelli dei Giuristi Democratici e coordinatrice del sitohttp://femminicidio.blogspot.com/Annalisa Melandri attivista per i Diritti Umani che gestisce il sito www.annalisamelandri.it.

La redazione della rivista AlbainFormazione inoltre dal primo numero ha dato ampio spazio alla divulgazione dei lavori del Coordinamento italiano, contribuendo con il ricavato della vendita di alcuni numeri della stessa  al finanziamento del viaggio a Caracas.

L’obiettivo comune era quello di  creare e consolidare un coordinamento che attraverso il lavoro di preparazione della Conferenza raccogliesse  gli organismi popolari e operai, le varie associazioni, le battaglie quotidiane di singole donne impegnate nel sociale,  in cui tutte potessero ritrovarsi, confrontarsi  e organizzarsi. Un coordinamento in cui  le sindacaliste più combattive, le intellettuali, le progressiste, le sincere democratiche  che oggi lottano per non pagare la crisi dei padroni ma anche per conquistare spazi sempre più grandi di autonomia e indipendenza  potessero porre  le basi per mettere  all’ordine del giorno anche la lotta per la costruzione di un mondo migliore, possibile e necessario, in cui  ogni donna  sia valorizzata per il contributo che può dare alla collettività, sia messa nella condizione di poter svolgere un lavoro e una vita dignitosa, libera da tutte quelle incombenze e discriminazioni che questo sistema scarica sulla loro pelle (dal lavoro domestico alla cura dei bambini e degli anziani, dalle discriminazioni salariali alla negazione di una maternità sicura e consapevole).

Il dibattito e lo scambio di esperienze tra gli organismi aderenti al Coordinamento ha portato a elaborare i contributi che vogliamo portare alla Conferenza Mondiale in Venezuela:

- condivisione di esperienze di lotta in ambito ambientale, politico ed economico in cui le donne hanno un ruolo determinante

- la lotta al Vaticano, il centro promotore della cultura che vuole le donne sottomesse, sforna-figli e relegate alla vita domestica e centro della mobilitazione reazionaria (ogni governo borghese senza il sostegno del Vaticano non può niente).

Ai forum della Conferenza intendiamo dunque presentare un video sulla lotta No TAV, una video-intervista a Margherita Hack, una alle donne di Terzigno, far conoscere la lotta delle precarie BROS di Napoli e, infine, intendiamo presentare un libro della CGIL sul lavoro delle migranti in Italia. Inoltre presenteremo  un resoconto delle storiche battaglie per la legalizzazione dell’aborto in Italia (diritto negato a molte donne in molti paesi del mondo soprattutto in America latina dove l’ingerenza della Chiesa è molto forte) e un momento di riflessione sulla violenza contro le donne, (tema che accomuna purtroppo le donne di tutto il mondo), violenza che sempre più spesso avviene tra le mura domestiche e che si interseca con la questione di classe  laddove le donne che ne subiscono maggiormente le conseguenze sono quelle senza lavoro e completamente dipendenti economicamente dai loro mariti e compagni.

Non è ancora tempo di bilanci, manca ancora qualche giorno all’inizio della Conferenza e i lavori per la preparazione del materiale e dell’organizzazione del viaggio procedono febbrili, ma è già chiaro che il percorso sviluppato fino ad oggi dimostra quanto sia importante il contributo attivo delle donne nella lotta per non pagare gli effetti della crisi, per costruire una società diversa ma soprattutto quanto siano importanti i contributi che le donne italiane potranno condividere con le compagne di altri paesi. Percorsi di lotta diversi spesso si  originano da rivendicazioni simili. Solo condividendo e confrontandosi su strategie,  proposte e progetti  sarà  possibile infatti trovare soluzioni comuni.

Il Coordinamento italiano per la Conferenza Mondiale delle Donne di Base

http://conferenzamondialedonne.wordpress.com/

Caracas 4/8 marzo 2011


Per ogni donna

0 commenti

Per ogni donna forte, stanca di dover apparire debole

C’è un uomo debole stanco di dover apparire forte

Per ogni donna stanca di dover agire come una tonta

C’è un uomo stanco di dover simulare di sapere tutto

Per ogni donna stanca di dover essere qualificata come un essere emotivo

C’è un uomo al quale è stato negato il diritto a piangere e ad essere delicato

Per ogni donna considerata poco femminile quando compete

C’è un uomo che si sente obbligato a competere affinché

Non si dubiti della propria mascolinità

Per ogni donna stanca di sentirsi oggetto sessuale

C’è un uomo preoccupato di sembrare sempre disposto

Per ogni donna che si sente attaccata ai suoi figli

C’è un uomo a cui si è negato il piacere alla paternità

Per ogni donna che non ha avuto accesso ad un lavoro o salario soddisfacente

C’è un uomo che deve assumere la responsabilità economica di un altro essere umano

Per ogni donna che non conosce i meccanismi di una automobile

C’è un uomo che non ha appreso i segreti dell’arte del cucinare

Per ogni donna che avanza di un passo per la sua propria liberazione

C’è un uomo che riscopre il cammino alla libertà.

Centro per il Controllo Popolare – Comuna socialista en construccion – Ataroa

Barquisimeto – Esd. Lara – Repubblica Bolivariana del Venezuela

Link: Conferenza Mondiale delle Donne — Caracas 2011


Iniziativa a sostegno della Conferenza Mondiale delle Donne

0 commenti

Serata a sostegno della Conferenza Mondiale delle donne della base – Caracas 2011

promossa dal  Coordinamento Romano Donne

Venerdì 18 giugno h. 21,00

Via dei Volsci 26 (San Lorenzo)

Non c’è liberazione della donna  senza rivoluzione, non c’è rivoluzione senza liberazione della donna!


Il coordinamento nazionale per la Conferenza Mondiale delle Donne – Caracas 2011 sostiene la rivolta di Joy

0 commenti

Il coordinamento nazionale per la Conferenza Mondiale delle Donne – Caracas 2011 sostiene la rivolta di Joy

Joy è la donna nigeriana che – nell’agosto del 2009 – ha denunciato un tentativo di stupro compiuto da Vittorio Addesso, ispettore capo del Cie di Via Corelli, a Milano, dove allora si trovava rinchiusa. In quell’occasione fu aiutata da una compagna di reclusione, Hellen, come lei vittima della “tratta”.

Dopo le proteste scoppiate nel Cie contro “il pacchetto sicurezza” di Maroni, le due donne vennero portate in carcere insieme ad altre migranti. Al processo denunciarono di esser state spogliate e picchiate dagli uomini di Addesso, il quale avrebbe preteso “prestazioni sessuali gratuite”. In tribunale, però, non vennero credute: la giudice decise di denunciarle per calunnia e di condannarle a sei mesi per le rivolte.

Dopo essere stata a San Vittore, poi nel carcere di Como, ora Joy ed Hellen sono di nuovo in un Cie, a Modena, in attesa dell’espulsione in Nigeria: ovvero di una probabile condanna a morte per aver cercato di fuggire alla “tratta”. Per questo, Joy ha tentato il suicidio.

La polizia stupra nei Cie” è stato lo slogan ripetuto nelle manifestazioni di solidarietà a Joy ed Hellen. La polizia stupra nei Cie, aggiungendo al già nutrito repertorio di metodi repressivi quello “classico”riservato alle donne. Niente di nuovo sotto il sole. Carceri e tribunali – strumenti cardine del dominio di classe – non offrono speranze di riscatto per gli oppressi.

La libertà di Joy ed Hellen, la nostra libertà, si ottiene con la lotta. Rompiamo le gabbie. Chiudiamo i Cie, luoghi di detenzione e di tortura. Il governo vuole costruirne altri vicino agli aeroporti. Impediamolo.

Impediamo le deportazioni.
Libertà per Joy ed Hellen. No allo stato di polizia.

Martedì 8 giugno alle 14,30, tutte davanti al tribunale di Milano, dove avrà luogo il cosiddetto “incidente probatorio” e il confronto tra Addesso, Joy ed Hellen.

NOI NON SIAMO COMPLICI
LOTTIAMO UNITE
Coordinamento nazionale
per la Conferenza Mondiale delle Donne – Caracas 2011
conferenzadonneatliberodotit
http://conferenzamondialedonne.wordpress.com/


Giorgiana vive!: Teniamocela aperta questa ferita

0 commenti

 

Il Coordinamento Romano Donne per la Conferenza Mondiale delle Donne di Caracas 2011 partecipa con un proprio striscione oggi alle 18 a Ponte Garibaldi al presidio in memoria di Giorgiana Masi, vittima del Terrorismo di Stato…

 

 

 

 

UN FIORE A GIORGIANA MASI, VITTIMA DEL TERRORISMO DI STATO

 

 

 

 

Il 12 maggio di 33 anni fa veniva assassinata dal piombo dello stato borghese la compagna Giorgiana Masi,  durante un sit-in indetto dai Radicali per l’anniversario della vittoria referendaria sul divorzio. Tale vicenda ha nell’allora Ministro degli Interni Francesco Cossiga il mandante politico e morale e, nelle “squadre speciali” da lui formate con l’avallo di tutto l’arco istituzionale dell’epoca, i vigliacchi esecutori dell’omicidio di una ragazza non ancora ventenne, colpita alle spalle e uccisa poi una seconda volta dal giudice che, dopo aver esaminato il caso, nel 1981 optò per l’archiviazione “in quanto sono rimasti ignoti i responsabili del reato”. Cossiga ha sempre sostenuto la tesi del “fuoco amico” di fantomatici autonomi e, a un certo punto si puntò il dito persino contro l’allora latitante Andrea Ghira (uno dei massacratori del Circeo), versioni poi smentite dalla pubblicazione delle celebri foto di Tano d’Amico , dove si vede chiaramente un’agente in borghese sparare e scappare via;  sui fatti di quel giorno D’Amico dirà:“Il segreto sulla morte di Giorgiana tiene non perchè non lo conosce nessuno, ma perchè lo condividono in molti”. Una conclusione tale deve essere accompagnata da un bilancio severo sul movimento di quegli anni, criticando la componente opportunista promotrice del successivo reflusso negli argini imposti dal Capitale, portando avanti invece l’esempio delle componenti rivoluzionarie che attaccarono frontalmente il padronato e i suoi apparati coercitivi. A distanza di così tanto tempo la conclusione logica dei compagni di allora e dei militanti di oggi è che lo stato non processa mai se stesso. Oggi, da Carlo Giuliani a Stefano Cucchi, sono ancora i giovani, i lavoratori, i disoccupati, gli immigrati a pagare con la vita la barbarie del capitalismo, di cui ogni governo è sempre sostenitore e difensore! Ieri come oggi, in  momenti di acuta  crisi  politica economica e sociale,  lo stato accentua il suo carattere repressivo contro quanti continuano a lottare per la difesa dei propri diritti (lavoro, casa, istruzione, sanità) e per la costruzione di una società migliore. 

 

NOI NON DIMENTICHIAMO ! GIORGIANA VIVE NELLE NOSTRE LOTTE!                                                              Le compagne

 

“Se la rivoluzione di Ottobre fosse stata di Maggio,
se tu vivessi ancora,
se io non fossi impotente di fronte al tuo assassinio,
se la mia penna fosse un’arma vincente,
se la mia paura potesse esplodere nelle piazze,
coraggio nato dalla rabbia strozzata in gola,
se l’averti conosciuta diventasse la nostra forza,
se i fiori che abbiamo regalato alla tua coraggiosa vita nella nostra morte
almeno diventassero ghirlande nella lotta di noi tutte donne, se..
Non sarebbero le parole a cercare di affermare la verità,
ma la vita stessa, senza aggiungere altro”
 

 

Costruiamo la Conferenza Mondiale delle Donne – Venezuela 2011 

 

 

Dall’appello del Comitato Promotore Internazionale: Noi, milioni di donne di tutti i continenti viviamo sulla nostra pelle la povertà, la disoccupazione, lavori con bassi salari e con pochissimi diritti alla sicurezza, subiamo la guerra e siamo obbligate a migrazioni di massa, (…). La maggior parte di noi donne di tutto il mondo è doppiamente sfruttata e oppressa dal capitalismo, in quanto parte della classe lavoratrice e, allo stesso tempo, in quanto oppresse per la nostra condizione di genere e per ampie masse in quanto parte dei paesi dipendenti e dei popoli e culture oppressi.Cresce la consapevolezza che è necessario uno scambio internazionale delle esperienze, una cooperazione, azioni di solidarietà e lottare per la liberazione della donna in un mondo completamene liberato dallo sfruttamento e dall’oppressione.

 

 

 

 

Il Coordinamento Romano Donne partecipa alla costruzione della CMD per dare il proprio contributo alla rinascita di un movimento combattivo delle donne. Anche nel nostro paese, la donna subisce feroci attacchi alla propria libertà. La vergognosa campagna reazionaria contro la RU486  contro il diritto ad una maternità consapevole, condotta dal Vaticano e la sua corte e supportata da questo governo di fascisti, razzisti, leghisti e mafiosi è solo un esempio. Crediamo che sia importante unire le forze di tutte le donne che oggi lottano e si mobilitano in ordine sparso, per ricominciare a ricostruire un percorso comune, per arricchirci con lo scambio di esperienza ed uscirne rafforzate!       Uniamo le nostre volontà per dare un impulso al movimento mondiale combattivo delle donne!                     Non c’è emancipazione della donna senza Rivoluzione!Non c’è rivoluzione senza emancipazione della donna! Lottiamo Unite!     

Coordinamento Romano Donne                                                     

 

 

 

 

Per adesioni, info (iniziative e materiali ecc.) e contatti: href=“coordinamentoromanodonneatyahoodotit“>coordinamentoromanodonneatyahoodotit                                                                 

 339 — 8489559 (Chiara); 327–1843601(Giorgia)

annalisamelandriatyahoodotit  (annalisamelandriatyahoodotit)    (Annalisa)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Pagina 2 di 3123