Prigionieri politici colombiani decretano sciopero della fame in vari penitenziari del paese

0 commenti

Imagen Areito

Aggiornamento 22/03/2012 196 detenuti hanno abbandonato lo sciopero della fame dopo aver trascorso 36 ore senza ingerire alimenti di nessun genere. Restano in sciopero della fame 416 detenuti.
.

Aggiornamento 21/03/2012 554 prigionieri politici in sciopero della fame da 24 ore, nessun seguito e’ stato dato alle loro richieste

I guerriglieri colombiani detenuti in alcuni istituti  carcerari del paese hanno dichiarato il 20 marzo giornata nazionale di sciopero della fame in segno di protesta contro la decisione del ministro della Giustizia Juan Carlos Esguerra di concedere l’autorizzazione a una visita di verifica nelle prigioni da parte di una Commissione Internazionale di Osservazione della Situazione dei Diritti Umani negli Istituti Carcerari e della Situazione delle Prigioniere e Prigionieri Politici in Colombia. La Commissione era integrata, tra gli altri membri, dall’ex senatrice Piedad Cordoba, portavoce di Colombiane e Colombiani per la Pace. Il ministro colombiano ha inoltre negato l’esistenza di prigionieri politici nel paese. Il riconoscimento di un conflitto sociale e politico da parte del governo, sarebbe un segnale importante di volontà di risoluzione dello stesso. Le FARC, Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia,  avevano  chiesto la visita negli istituti penitenziari come condizione per la liberazione di 11 membri delle forze di sicurezza dello Stato  che si trovano  ancora nelle loro mani.  Nelle prigioni colombiane ci sono oltre 8.000 prigionieri politici . (A.M.)

  

COMUNICATO PUBBLICO

PRIGIONIERE E PRIGIONIERI POLITICI  DICHIARANO GIORNATA NAZIONALE DI SCIOPERO DELLA FAME

La Fondazione  Lazos de Dignidad COMUNICA alla Comunità Nazionale e Internazionale che Collettivi di Prigioniere e Prigionieri Politici di  11  penitenziari  colombiani ci hanno informato che a partire dal 20 marzo del 2012 hanno dato inizio a una GIORNATA NAZIONALE DI SCIOPERO DELLA FAME chiedendo che il  governo colombiano autorizzi la visita della Commissione Internazionale di Osservazione della Situazione dei Diritti Umani negli Istituti Carcerari e della Situazione delle Prigioniere e Prigionieri Politici in Colombia.

 

FATTI

 

1.       Il giorno di oggi, 19 marzo del 2012, abbiamo ricevuto alcuni comunicati con i  quali i Collettivi delle Prigioniere e Prigionieri Politici del penitenziario di massima sicurezza “La Tramacúa” di Valledupar (Cesar), del penitenziario di massima sicurezza di Combita (Boyacá), del penitenziario di media sicurezza El Barne (Boyacá), del penitenziario di massima sicurezza di La Dorada (Caldas), del  penitenziario di massima sicurezza di Palo Gordo (Santander), del  carcere Villa Inés de Apartadó (Antioquia), del carcere di Quibdó (Chocó), del penitenziario di Girardot (Cundanamarca), di ERON Picota (Bogotá), del penitenziario Picota (Bogotá) e del reparto reclusione femminile del Buen Pastor di Bogotá ci informano che a partire dal giorno 20  marzo del 2012 inizieranno una GIORNATA NAZIONALE DI SCIOPERO DELLA FAME, alla quale aderiranno anche detenuti sociali.

 

2.       La  GIORNATA NAZIONALE DI SCIOPERO DELLA FAME, ha lo scopo di  respingere  con fermezza  la dichiarazione resa  dal governo colombiano nella persona del Ministro della Giustizia (Juan Carlos Esguerra) con la quale si nega l’esistenza di prigionieri politici ed ESIGERE al governo e alle autorità penitenziarie  l’autorizzazione alla  visita di verifica della Commissione Internazionale di Osservazione annunciata dal gruppo Mujeres Gestoras del Mundo por la Paz fin dal 26 febbraio del 2012 e che era stata precedentemente autorizzata dal ministro.

 

3.       I Collettivi di Prigioniere e Prigionieri Politici esortano Colombianas y Colombianos por la Paz, i  Settori Sociali e Popolari, le ONG dei Diritti Umani, i Sindacati, il  Movimento Studentesco, tra le altre espressioni social, perché accompagnino i prigionieri in questo giusto  reclamo e aprano spazi di discussione sul delitto politico in Colombia.

 

APPOGGIAMO LA PETIZIONE ED ESIGIAMO GARANZIE

 

Appoggiamo la giusta petizione dei Collettivi  di Prigioniere e Prigionieri Politici ed esigiamo alle  autorità penitenziarie che offrano tutte le  garanzie per l’esercizio del diritto alla protesta pacifica delle prigioniere e  dei prigionieri , in ottemperanza  all’ articolo 37 della Costituzione  Politica della Colombia e della Sentenza T-571 del 2008 della Corte Costituzionale Colombiana.

 

Chiediamo al  governo nazionale che risolva  in modo favorevole la petizione delle prigioniere e dei prigionieri e che autorizzi l’azione umanitaria di verifica della situazione dei diritti umani e la situazione delle prigioniere e dei  prigionieri politici nelle carceri colombiane. Si allegano le dichiarazioni  dei diversi collettivi di prigionieri politici che hanno aderito  alla giornata nazionale.

Allegato prisioneros politicos c+írcel Anayanci de Quibd+¦, Choc+¦

Allegato prisioneros politicos El Barne, Boyaca

AllegatoPrisioneros Politicos La Dorada Caldas

Allegatoprisioneros politicos Palmira, Valle del cauca

Allegato Prisioneros politicos Villa Ines, Apartad+¦ Antioquia

Allegato Prisioneros politicos y de Guerra Palogordo Giron-Santander

Allegato Prisioneros Politicos, Combita, Boyaca

 

APPELLO ALLA SOLIDARIETA’

 

Facciamo un appello alla comunità nazionale e internazionale, e alle associazioni solidali affinché prestino attenzione allo sviluppo della GIORNATA NAZIONALE DELLO SCIOPERO DELLA FAME  al fine di prevenire violazioni ai diritti fondamentali degli scioperanti.

 

Chiediamo inoltre che si appoggi la petizione delle prigioniere e dei prigionieri e si emettano dichiarazioni di solidarietà dirette alle seguenti autorità colombiane:

 

JUAN MANUEL SANTOS CALDERÓN
Presidente della Repubblica di Colombia,
Carrera 8 No. 7 –26 Palacio de Nariño Bogotá
Fax: (+57 1) 566.20.71
E-mail: fsantosatpresidenciadotgovdotco  (fsantosatpresidenciadotgovdotco)  

ANGELINO GARZÓN
Vicepresidente della Repubblica di Colombia
Carrera 8 No.7–57 Bogotá D.C.
Teléfonos (57 1) 444 2120 — 444 2122
Fax: (57 1) 596 0651
E-mail: contactovicepresidenciaatpresidenciadotgovdotco  (contactovicepresidenciaatpresidenciadotgovdotco)  
Twitter: @angelino_garzon

JUAN CARLOS ESGUERRA
Ministro della Giustizia e del Diritto della Colombia
Carrera 9a. No. 14–10 — Bogotá, D.C.
e-mail: ministroatminjusticiadotgovdotco  (ministroatminjusticiadotgovdotco)  ‚ reclamosatmijdotgovdotco  (reclamosatmijdotgovdotco)  
PBX (+57) 444 31 00 Ext. 1820

GUSTAVO ADOLFO RICAURTE TAPIA
Direttore Nazionale del INPEC
PBX (57) 2347474 / 2347262/3382316
Calle 26 No. 27–48 — Bogotá, D.C., Colombia
E– mail: direccionatinpecdotgovdotco  (direccionatinpecdotgovdotco)  ‚ reclamosatinpecdotgovdotco  (reclamosatinpecdotgovdotco)  

ALEJANDRO ORDOÑEZ MALDONADO
Procuratore Generale della Nazione
Fax: (+571) 3429723 - 2847949 Fax: (+571) 3429723
Carrera 5 #. 15–80 — Bogotá, D.C., Colombia
E-mail: capatprocuraduriadotgovdotco  (capatprocuraduriadotgovdotco)  ‚ quejasatprocuraduriadotgovdotco  (quejasatprocuraduriadotgovdotco)  webmasteratprocuraduriadotgovdotco  (webmasteratprocuraduriadotgovdotco)  

WOLMAR ANTONIO PÉREZ ORTIZ
Difensore Nazionale del Popolo
Fax: (+571) 640.04.91
Calle 55 # 10–32, Bogotá.
E-mail: secretaria_privadaathotmaildotcom  (secretaria_privadaathotmaildotcom)  agendaatagendadotgovdotco  (agendaatagendadotgovdotco)  

Colombia, Marzo 19 de 2012.

 

Return to the Mobile Edition.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Prigionieri politici colombiani decretano sciopero della fame in vari penitenziari del paese | contromaelstrom - [...] saperne di più e leggere il comunicato delle prigioniere e dei prigionieri politici colombiani vai qui Condividi!CondivisioneFacebookEmailTwitterLinkedInLike this:LikeBe the …

Lascia un commento Trackback URL: