Annalisa Melandri



« | »

Francesco Cossiga terrorista di Stato. Reo confesso dell’omicidio di Giorgiana Masi

Sono gravissime le ultime dichiarazioni di Francesco Cossiga. Ma credo che sia ancor più grave banalizzare o fare della semplice ironia su di esse o sulla sanità mentale di chi le ha rilasciate. Grave e pericoloso. Giorgiana Masi è morta proprio applicando la “dottrina Cossiga”, un giorno di maggio del 1977. Aveva 19 anni. La stessa età dei  ragazzi che in questi giorni stanno riempiendo le strade e le piazze di tutta Italia.
Uccisa per mano di un poliziotto infiltrato in una manifestazione organizzata dal Partito Radicale.
 
A 31 anni di distanza da quel tragico giorno non si conosce ancora il nome dell’assassino. Noi non lo conosciamo. Francesco Cossiga, presidente emerito della Repubblica Italiana, che all’epoca era Ministro dell’Interno, invece sa benissimo come sono andati i fatti e chi sono i responsabili, come ha ammeso lui stesso in una recente intervista rilasciata al Corriere della Sera. Niente di strano, dal momento che è stato lui il mandante confesso di quell’omicidio di Stato: “Maroni dovrebbe fare quel che feci io quando ero Ministro dell’Interno (…) Infiltrare il movimento con agenti pronti a tutto…”
 
La chiamano la “strategia Cossiga” e trovo che sia un termine troppo tenero per indicare quello che in altri paesi viene generalmente chiamato con il nome di terrorismo di Stato. Spaventa il timore che si ha a chiamare le cose con il proprio nome,   anche da parte di chi scende oggi in piazza e quindi al  momento potrebbe essere la prossima vittima di un qualsiasi “agente pronto a tutto”.
 
Si ha paura di parlare o forse la potenza del linguaggio si è sopita insieme alla coscienza politica del nostro paese. Ci avviciniamo ad altre realtà, per esempio quella latinoamericana, senza timori, senza reticenze, non abbiamo  remore nel  chiamare un presidente paraterrorista o nel  denunciare e fare appelli contro l’impunità di cui godono alcune  istituzioni e le forze dell’ordine chiamate a rappresentarle.
 
Raccogliamo firme e manifestiamo contro i crimini di stato che avvengono a migliaia di chilometri di distanza dal nostro paese. Il linguaggio scritto e parlato, invece,  per qualche misteriosa inibizione, assume tutt’altro tono quando i crimini di stato avvengono a casa nostra.
 
La dichiarazione di Cossiga altro non è che la confessione di un omicidio.
 
Ha fatto scalpore nei giorni scorsi il presidente colombiano quando ha confessato pubblicamente, (costretto dall’ evidenza delle  immagini di un video della BBC) che la polizia ha sparato ad altezza d’uomo sui manifestanti indigeni nel corso della marcia di protesta della scorsa settimana. Noi le immagini di poliziotti in borghese con le armi in pugno ad altezza d’uomo le guardiamo da trentuno anni, da trentuno anni il nostro paese sa che da una strategia di Stato o di Cossiga che dir si voglia, è partito il colpo che ha ucciso Giorgiana Masi e ferito gravemente altre due persone.
 
A distanza di trentuno anni, il mandante, l’autore intellettuale di quell’omicidio, confessa pubblicamente sulle pagine  di un quotidiano che quella è stata una strategia studiata a tavolino e una tale dichiarazione provoca reazioni da operetta.
 
Lo stesso presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, al quale è stato rivolto un laconico appello a prendere posizione,  tace. E il silenzio, insegnano alcuni, spesso è sintomo di complicità.
 
Per ora pistole in giro non se ne sono viste,  ma armi improprie sì e in abbondanza. A Piazza Navona, nel corso degli scontri di due giorni fa c’erano in mano agli “studenti” del Blocco Studentesco bastoni avvolti dal tricolore, moschettoni, cinture con fibbie di metallo, caschi e quant’altro.
 
Giorgiana MasiE domandandosi come sia possibile che un camion carico di tale armamentario sia potuto arrivare fino a Piazza Navona, in una piazza assediata da forze dell’ordine in assetto antisommossa,  non possiamo non domandarci anche  chi fossero quegli strani personaggi che nei filmati che stanno circolando in rete in questi giorni si vedono parlottare con le forze dell’ordine.
 
Come inquietanti appaiono gli spezzoni dei  dialoghi tra i poliziotti, frasi raccolte  e testimoniate  da Curzio Maltese: “arrivano quei pezzi di merda dei comunisti!”, “allora si va in piazza a proteggere i nostri? Sì ma non subito”…
 
Perchè non si indaga su questi episodi? Perchè non si procede come si dovrebbe penalmente contro le dichiarazioni pubbliche di Francesco Cossiga che in un momento come questo non sono altro la rivendicazione che un terrorista fa di un suo attentato?
 
Da alcuni parlamentari Radicali-PD( Donatella Poretti   Maurizio Turco) è stato presentato in questi giorni un disegno di legge per l’istituzione di una Commissione Parlamentare di Inchiesta sull’omicidio di Giorgiana Masi. La proposta è stata accolta e sostenuta anche dai senatori Marco Perduca, Felice Casson e Gianrico Carofiglio. Alfio Nicotra invece,  responsabile del dipartimento Pace e Movimenti del Prc, portavoce del Genoa Social Forum durante il  G8 di Genova 2001, considera le parole di Cossiga una vera e propria confessione di colpevolezza.
 
Da quanti anni il paese chiede una commissione di inchiesta sull’omicidio di Giorgiana Masi? Da quanto tempo il paese sa e tollera che il mandante di quell’omicidio si prenda sberlefffo della memoria di una ragazza di diciannove anni? Quanto ancora dobbiamo aspettare perchè il paese venga scosso da questo torpore nel quale pericolosamente è caduto?
 
Duccio, uno studente di Filosofia che era a Piazza Navona due giorni fa,  ha detto ad un giornalista: “E’ il metodo Cossiga. Ci stanno fottendo”. Non è così, cari ragazzi,  ci hanno già fottuto tanti anni fa. E hanno continuato a farlo fino ad ora. E noi glielo abbiamo lasciato fare.
 
 
 
 
 

Posted by on 31/10/2008.

Categories: dblog, In Italia

15 Responses

  1. ottimo
    brava annalisa !

    by Duffy on nov 1, 2008 at 00:19

  2. Tutte le volte che passavo da Ponte Garibaldi (il luogo dove venne ammazzata Giorgiana) e guradavo la lapide dedicata a Giorgina Masi, pensavo ai tanti segreti (che in fin dei conti possiamo ben immaginare) che il signor Cossiga si portera’ nella tomba

    by LPG on nov 1, 2008 at 04:57

  3. questo è un video che riguarda i fatti che hanno portato alla morte di Giorgiana Masi… mi sembra interessante.
    scaricalo da qui: http://www.sendspace.com/file/grgcz4

    by fabrizio on nov 1, 2008 at 08:52

  4. Kossiga è un cristiano e quindi doveva confessare la sua colpa. ma se dio possa perdonarlo è affar suo. Noi lo si dovrebbe processare!

    by saturninox on nov 1, 2008 at 11:47

  5. Cossiga apparteneva a Gladio,
    organizzazione eversiva legata alla NATO,
    che includeva fascisti e nazisti ricercati per strage.
    La politica di Cossiga e del tutto simile
    a quella dei regimi dittatoriali sudamericani,
    regimi che con la P2 avevano buoni rapporti,
    cosi come con le gerarchie vaticane.

    by Marco Sbandi on nov 1, 2008 at 12:51

  6. ma sai la cosa strana?
    sul sito dei Radicali non riesco a trovare proteste in merito.
    (sarò distratto io?)

    by filomeno on nov 1, 2008 at 15:29

  7. TROVATO!! era su una pagina interna del sito(metterlo in prima pagina no?!)

    http://www.radicali.it/view.php?id=131236

    by filomeno on nov 1, 2008 at 15:35

  8. Partecipiamo ai cortei, alle manifestazioni nelle città, andiamo in piazza, informiamo la gente che apra gli occhi, cominciamo a contrattare contro la P2, la loggia massonica e i poteri forti … Alessio da Treviso

    by Alessio on nov 1, 2008 at 19:22

  9. mi sono permesso di linkare il tuo post all’interno di un post sul mio blog.
    ciò che sta accadendo è vergognoso e la parole del governo non fanno altro che creare ancora più rabbia, oltre a confermare il fatto che tutto è stato voluto dalla polizia per ordini superiori. ma siamo in italia e nessuno pagherà, questa storia finirà nell’archivio dei tg e un altro Kossiga sarà onoreficiato da tutto come emerito pres. e senatore a vita. ciao e ancora complimenti per il post

    by dalai87 on nov 2, 2008 at 11:33

  10. @Fabrizio, l’ho scaricato ma non riesco ad aprirlo : - ( come si fa?

    by Annalisa on nov 3, 2008 at 15:34

  11. scarica VLC (è gratis) ed aprilo con quello

    http://www.videolan.org/vlc/

    fabrizio

    by Anonimo on nov 3, 2008 at 20:13

  12. Ma Cossiga è stato anche s*****o nell’ammetterlo… Penso sinceramente che sia affetto da arteriosclerosi. Non ci vedo altra spiegazione.

    by Clavdia on nov 5, 2008 at 00:33

  13. Interessante lettera

    Senatore Cossiga, già una volta Le scrissi una lettera, e Lei mi denunciò alla Procura Generale della Cassazione, ottenendo come unico risultato la gioiosa ilarità di chi ebbe ad esaminare lettera e denuncia, che fu subito archiviata. Questa volta Le scrivo con animo diverso: ho appreso dalla stampa il suo inconcepibile comportamento, da ministro degli interni all’epoca dei moti studenteschi, che Lei ha indicato come esempio da seguire all’attuale ministro. Lo sbalordimento è pari all’indignazione: c’è solo da sperare in quest’Italia affidata a squallidi personaggi, che l’esempio non sia seguito e che un ministro della Lega – che è quanto dire – si riveli diverso e migliore di un ex ministro democristiano: comunque oggi c’è chi quella sua strategia parrebbe averla già applicata contro gruppi di studenti inermi: complimenti senatore, Lei ha fatto scuola. Nel periodo che Lei richiama con disinvolta iattanza, fu assassinata Giorgiana Masi: ora possiamo ipotizzare qual è stata la causa di quella morte.
    Gabriele Battimelli
    Presidente di Cassazione a riposo

    (5 novembre 2008)
    http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=34121&sez=HOME_MAIL

    by Gavino on nov 5, 2008 at 23:46

  14. La frase riportata in neretto nel tuo blog ed attribuita a Cossiga è frutto di un sapiente taglia e cuci dell’intervista

    by Markus on mag 14, 2010 at 00:15

  15. …nessuna arterisclerosi.
    E’ la confessione e testamento politico di Kossiga,lui ora é libero di dichiararlo.….

    by Allen on mag 14, 2010 at 02:12

Leave a Reply

 

« | »




Articoli recenti


Pagine