Annalisa Melandri



« | »

Discorso di Hugo Chávez a Copenhagen

Signor Presidente, signori, signore, amici e amiche, prometto che non parlerò più di quanto altri non abbiano già fatto questo pomeriggio, ma permettetemi un commento iniziale che avrei voluto facesse parte del punto precedente discusso da Brasile, Cina, India e Bolivia. Chiedevamo la parola, ma non ci è stato possibile prenderla.
Ha parlato la rappresentante della Bolivia, e porgo un saluto al compagno Presidente Evo Morales qui presente, Presidente della Bolivia. Tra le varie cose ha detto che, ho preso nota, il testo che è stato presentato non è democratico, non è rappresentativo di tutti i paesi. Ero appena arrivato e mentre ci sedevamo abbiamo sentito il Presidente della sessione precedente, la signora Ministra, dire che c’era un documento da queste parti, che però nessuno conosce: ho chiesto il documento, ancora non lo abbiamo avuto. Credo che nessuno sappia di questo documento top secret.
Certo, la collega boliviana l’ha detto, non è democratico, non è rappresentativo, ma signori e signore: siamo forse in un mondo democratico? Forse il sistema mondiale è rappresentativo? Possiamo aspettarci qualcosa di democratico e rappresentativo nel sistema mondiale attuale? Su questo pianeta stiamo vivendo una dittatura imperiale e lo denunciamo ancora da questa tribuna: abbasso la dittatura imperiale! E che su questo pianeta vivano i popoli, la democrazia e l’uguaglianza! E quello che vediamo qui è proprio il riflesso di tutto ciò: l’esclusione.
C’è un gruppo di paesi che si reputa superiore a noi del sud, a noi del terzo mondo, a noi sottosviluppati, o come dice il nostro grande amico Eduardo Galeano: noi paesi travolti come da un treno che ci ha avvolti nella storia [sorta di gioco di parole tra desarrollados = sviluppati e arrollados = avviluppati NdT]. Quindi non dobbiamo stupirci di quello che succede, non stupiamoci, non c’è democrazia nel mondo e qui ci troviamo di fronte all’ennesima evidenza della dittatura imperiale mondiale. Poco fa sono saliti due giovani, per fortuna le forze dell’ordine sono state decenti, qualche spintone qua e là, e i due hanno cooperato, no? Qui fuori c’è molta gente, sapete?
Certo, non entrano tutti in questa sala, sono troppi; ho letto sulla stampa che ci sono stati alcuni arresti, qualche protesta intensa, qui per le strade di Copenaghen, e voglio salutare tutte quelle persone qui fuori, la maggior parte delle quali sono giovani. Non ci sono dubbi che siano giovani preoccupati, e credo abbiano una ragione più di noi per essere preoccupati del futuro del mondo; noi abbiamo – la maggior parte dei presenti – già il sole dietro le spalle, ma loro hanno il sole in fronte e sono davvero preoccupati. Qualcuno potrebbe dire, Signor Presidente, che un fantasma infesta Copenaghen, parafrasando Karl Marx, il grande Karl Marx, un fantasma infesta le strade di Copenaghen e credo che questo fantasma vaga per questa sala in silenzio, aleggia in quest’aula, tra di noi, attraversa i corridoi, esce dal basso, sale, è un fantasma spaventoso che quasi nessuno vuole nominare: il capitalismo è il fantasma, quasi nessuno vuole nominarlo. È il capitalismo, sentiamo ruggire qui fuori i popoli. Stavo leggendo alcune delle frasi scritte per strada, e di questi slogan, alcuni dei quali li ho sentiti anche dai due giovani che sono entrati, ho preso nota di due. Il primo è ‘Non cambiate il clima, cambiate il sistema’.
Io lo riprendo qui per noi. Non cambiamo il clima, cambiamo il sistema! E di conseguenza cominceremo a salvare il pianeta. Il capitalismo, il modello di sviluppo distruttivo sta mettendo fine alla vita, minaccia di metter fine alla specie umana. E il secondo slogan spinge alla riflessione. In linea con la crisi bancaria che ha colpito, e continua a colpire, il mondo, e con il modo con cui i paesi del ricco Nord sono corsi in soccorso dei banchieri e delle grandi banche degli Stati Uniti, si è persa il conto, per quanto è astronomico. Ecco cosa dicono per le strade: se il clima fosse una banca, l’avrebbero già salvato. E credo che sia la verità. Se il clima fosse una delle grandi banche, i governi ricchi l’avrebbero già salvato. Credo che Obama non sia arrivato, ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace quasi nello stesso giorno in cui mandava altri 30mila soldati ad uccidere innocenti in Afghanistan, e ora viene qui a presentarsi con il Premio Nobel per la Pace, il Presidente degli Stati Uniti. Gli USA però hanno la macchinetta per fare le banconote, per fare i dollari, e hanno salvato, vabbhé, credono di aver salvato, le banche ed il sistema capitalista.
Bene, lasciando da parte questo commento, dicevo che alzavamo la mano per unirci a Brasile, India, Bolivia e Cina nella loro interessante posizione, che il Venezuela e i paesi dell’Alleanza Bolivariana condividono fermamente; però non ci è stata data la parola, per cui, Signor Presidente, non mi conteggi questi minuti, la prego. Ho conosciuto, ho avuto il piacere di conoscere Hervé Kempf – è qui in giro -, di cui consiglio vivamente il libro “Perché i mega-ricchi stanno distruggendo il pianeta”, in francese, ma potete trovarlo anche in castigliano e sicuramente in inglese. Hervé Kempf: Perché i mega-ricchi stanno distruggendo il pianeta. Per questo Cristo ha detto: E’ più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio. Questo l’ha detto Cristo nostro Signore.
I ricchi stano distruggendo il pianeta. Pensano forse di andarsene su un atro pianeta quando hanno distrutto questo? Hanno qualche piano a tal proposito? Fino adesso nell’orizzonte della galassia non se ne vede nessuno come la terra. Questo libro mi è appena arrivato, me l ha regalato Ignacio Ramonet, che è anche lui qui presente, ho terminato il prologo ed il preambolo, questa frase è molto importante, Kempf dice quanto segue: “Non possiamo ridurre il consumo materiale a livello globale se non facciamo in modo che i potenti scendano di vari gradini e se non combattiamo la disuguaglianza. È necessario che al principio ecologista tanto utile al momento di prendere coscienza, pensare globalmente ed agire localmente, aggiungiamo il principio che impone la situazione: consumare meno e distribuire meglio”. Credo che sia un buon consiglio che ci da questo scrittore francese Hervé Kempf.
Bene, Signor Presidente, il cambiamento climatico è senza dubbio il problema ambientale più devastante di questo secolo, inondazioni, siccità, tormente, uragani, disgeli, innalzamento del livello del mare, acidificazione degli oceani e ondate di calore, tutto questo acuisce l’impatto delle crisi globali che si abbattono su di noi.  L’attività umana d’oggi supera i limiti della sostenibilità, mettendo in pericolo la vita del pianeta, ma anche in questo siamo profondamente disuguali. Voglio ricordarlo: le 500 milioni di persone più ricche del pianeta, 500 milioni, sono il sette per cento, sette per cento, seven per cento della popolazione mondiale.  Questo sette per cento è responsabile, queste cinquecento milioni di persone più ricche sono responsabili del cinquanta per cento delle emissioni inquinanti, mentre il 50 per cento più povero è responsabile solo del sette per cento delle emissioni inquinanti. Per questo mi sembra strano mettere qui sullo stesso piano Stati Uniti e Cina. Gli Stati Uniti hanno appena 300 milioni di abitanti. La Cina ha una popolazione quasi 5 volte più grande di quella degli USA. Gli Stati Uniti consumano più di 20 milioni di barili di petrolio al giorno, la Cina arriva appena ai 5,6 milioni di barili al giorno, non possiamo chiedere le stesse cose agli Stati Uniti e alla Cina.
Ci sono questioni da discutere, almeno potessimo noi Capi di Stato e di Governo sederci a discutere davvero di questi argomenti.  Inoltre, Signor Presidente, il 60% degli ecosistemi del pianeta hanno subito danni e il 20% della crosta terrestre è degradata; siamo stati testimoni impassibili della deforestazione, della conversione di terre, della desertificazione e delle alterazioni dei sistemi d’acqua dolce, dell’iper-sfruttamento del patrimonio ittico, della contaminazione e della perdita della diversità biologica. Lo sfruttamento esagerato della terra supera del 30% la sua capacità di rigenerazione. Il pianeta sta perdendo ciò che i tecnici chiamano la capacità di autoregolarsi, il pianeta la sta perdendo, ogni giorno si buttano più rifiuti di quanti possano essere smaltiti. La sopravvivenza della nostra specie assilla la coscienza dell’umanità. Malgrado l’urgenza, sono passati due anni dalle negoziazioni volte a concludere un secondo periodo di compromessi voluto dal Protocollo di Kyoto, e ci presentiamo a quest’appuntamento senza un accordo reale e significativo.
Voglio dire che riguardo al testo creato dal nulla, come qualcuno l’ha definito, il rappresentante cinese, il Venezuela e i paesi dell’Alleanza Bolivariana per le Americhe, noi non accettiamo nessun altro testo che non derivi dai gruppi di lavoro del Protocollo di Kyoto e della Convenzione: sono i testi legittimi su cui si sta discutendo intensamente da anni. E in queste ultime ore credo che non abbiate dormito: oltre a non aver pranzato, non avete dormito. Non mi sembra logico che ora si produca un testo dal niente, come dite voi.
L’obiettivo scientificamente sostenuto di ridurre le emissioni di gas inquinanti e raggiungere un accordo chiaro di cooperazione a lungo termine, oggi a quest’ora, sembra aver fallito. Almeno per il momento. Qual è il motivo? Non abbiamo dubbi. Il motivo è l’atteggiamento irresponsabile e la mancanza di volontà politica delle nazioni più potenti del pianeta, nessuno si senta offeso, ricorrendo al grande José Gervasio Artigas quando disse: “Con la verità non temo e non offendo”. È davvero un atteggiamento irresponsabile di marce, di contromarce, di esclusione, di gestione elitaria, un problema di tutti e che solo possiamo risolvere collettivamente. Il conservatorismo politico e l’egoismo dei grandi consumatori, dei paesi più ricchi testimoniano di una grande insensibilità e della mancanza di solidarietà con i più poveri, con gli affamati, con coloro più soggetti alle malattie, ai disastri naturali, Signor Presidente, è chiaramente un nuovo ed unico accordo applicabile a parti assolutamente disuguali, per la grandezza delle sue contribuzioni e capacità economiche, finanziarie e tecnologiche, ed è evidente che si basa sul rispetto assoluto dei principi contenuti nella Convenzione.
I paesi sviluppati dovrebbero assumersi degli impegni vincolanti, chiari e concreti per la diminuzione sostanziale delle loro emissioni e assumere degli obblighi di assistenza finanziaria e tecnologica ai paesi poveri per far fronte ai pericoli distruttivi del cambiamento climatico. In questo senso, la peculiarità degli stati insulari e dei paesi meno sviluppati dovrebbe essere pienamente riconosciuta. Signor Presidente, il cambio climatico non è l’unico problema che colpisce la umanità, altri flagelli ed ingiustizie ci colpiscono, la forbice che separa i paesi ricchi da quelli poveri non ha smesso di crescere, nonostante tutti gli obiettivi del millennio, la riunione di finanziamento di Monterrey, tutte questi vertici, come diceva qui il presidente del Senegal, denunciando una grande verità, promesse e promesse incompiute ed il mondo continua nella sua marcia distruttiva.
Le entrate totali delle 500 persone più ricche del mondo sono superiore alle entrate delle 416 milioni di persone più povere, le 2800 milioni di persone che vivono nella povertà, con meno di 2 dollari al giorno e che rappresentano il 40 per cento della popolazione mondiale, ricevono solo il 5 per cento delle entrate mondiale. Oggi muoiono all’anno 9,2 milioni di bambini prima di arrivare al 5’ anno di vita ed il 99,9% di queste morti avvengono nei paesi più poveri. La mortalità infantile è di 47 morti per mille nati vivi, ma nei paesi più ricchi è solo 5 per mille. La speranza di vita mondiale è di 67 anni, nei paesi ricchi è di 79 anni, mentre in alcune nazioni povere è solo di 40 anni. Ci sono 1100 milioni di persone che non hanno accesso all’acqua potabile, 2600 milioni prive di servizio di sanità, più di 800 milioni di analfabeti e 1020 milioni di persone affamate: ecco lo scenario mondiale. E ora, la causa, qual è la causa? Parliamo della causa, non evitiamo le responsabilità, non evitiamo la profondità del problema, la causa senza dubbio, torno all’argomento di questo disastroso scenario, è il sistema metabolico distruttivo del capitale e della sua incarnazione: il capitalismo.
Ho qui una citazione di quel gran teologo della liberazione che è Leonardo Boff, come sappiamo, brasiliano, che dice: Qual è la causa? Ah, la causa è il sogno di cercare la felicità con l’accumulazione materiale e il progresso senza fine, usando, per fare ciò, la scienza e la tecnica con cui si possono sfruttare in modo illimitato le risorse della terra; e cita qui Charles Darwin e la sua “Selezione Naturale” la sopravvivenza dei più forti, però sappiamo che i più forti sopravvivono sulle ceneri dei più deboli. Rousseau, dobbiamo ricordarlo sempre, diceva che tra il forte ed il debole la libertà opprime, per questo l’impero parla di libertà, è la libertà di opprimere, invadere, assassinare, annichilare, sfruttare, questa è la sua libertà, e Rousseau aggiunge la frase salvatrice: solo la legge libera.
Ci sono alcuni paesi qui che stanno giocando affinché non ci sia alcun documento, perché non vogliono una norma, perché l’inesistenza di questa norme permette loro la libertà si sfruttare, la libertà di travolgere gli altri. Facciamo uno sforzo e facciamo pressione qui, nelle strade, affinché si realizzi questo impegno, esca un documento che impegni i paesi più potenti della terra.Bene, si domanda Leonardo Boff. Avete conosciuto Leonardo Boff? Non so se è presente qui, l’ho conosciuto poco tempo fa in Paraguay, lo abbiamo sempre letto. Può una terra finita sopportare un progetto infinito?
La tesi del capitalismo, lo sviluppo infinito, è un modello distruttivo, accettiamolo. Dopo Boff ci domanda: Che possiamo aspettarci da Copenhagen? Solo questa semplice confessione: così come ci troviamo non possiamo continuare, ed un proposito semplice, andiamo a cambiare la rotta, facciamolo, ma senza cinismo, senza menzogne, senza doppie agende, senza documenti prodotti dal nulla, con la verità davanti a noi.
Fino a quando ci chiediamo dal Venezuela, signor Presidente, signore, signori, fino a quando andiamo a permettere simili ingiustizie e disuguaglianze; fino a quando andiamo a tollerare l’attuale ordine economico internazionale e i meccanismi di mercato vigente, fino a quando andiamo a permettere che grandi epidemie come l’HIV AIDS colpiscano la popolazione intera; fino a quando permetteremo che gli affamati non possano alimentarsi, ne nutrire i propri figli; fino a quando andiamo a permettere che continuino a morire milioni di bambini per malattie curabili, fino a quando andiamo a permettere conflitti armati che massacrano milioni di esseri umani innocenti, con il fine di appropriarsi delle risorse degli altri popoli da parte dei potenti? Noi popoli del mondo chiediamo agli imperi, a quelli che pretendono di continuare a dominare il mondo e noi, chiediamo loro che finiscano le aggressioni e le guerre. Niente più basi militari imperiali, né colpi di Stato, costruiamo un ordine economico e sociale più giusto e equitativo, sradichiamo la povertà, freniamo subito gli alti livelli di emissioni, arrestiamo il deterioramento ambientale ed evitiamo la grande catastrofe del cambiamento climatico, integriamoci nel nobile obiettivo di essere tutti più liberi e solidali.
Signor Presidente, da quasi due secoli, un venezuelano, libertador di nazioni e precursore di coscienze ha lasciato per la posterità un apoftegma pieno di volontà: “Se la natura si oppone lotteremo contro di lei e fare in modo che ci obbedisca…” era Simón Bolívar, el Libertador. Dal Venezuela Bolivariano, dove un giorno come oggi da circa dieci anni, dieci anni esatti viviamo la tragedia climatica più grande della nostra storia: la tragedia di Vargas così chiamata, da questo Venezuela che tenta con la sua Rivoluzione di conquistare la giustizia per tutto il suo popolo.
Il solo cammino possibile è quello del socialismo, il socialismo, l’altro fantasma del quale parlava Carlo Marx, anche questo aleggia da queste parti, il socialismo, questa è la rotta, questa la direzione per la salvezza del pianeta, non ho il ben che minimo dubbio, ed il capitalismo è il cammino dell’inferno e della distruzione del mondo.Il socialismo, da questo Venezuela, che per questo è minacciato dall’impero nordamericano. Dai paesi che conformano l’ALBA, la Alleanza Bolivariana esortiamo, lo dico con rispetto, però dal profondo della mia anima, a nome di molti su questo pianeta, esortiamo i governi ed i popoli della Terra, parafrasando Simón Bolívar, el Libertador: se la natura distruttiva del capitalismo si oppone, dunque lotteremo contro essa e faremo in maniera che ci ubbidisca, non aspettiamo con le braccia conserte la morte dell’umanità.
La storia ci chiama all’unità e alla lotta. Se il capitalismo ci oppone resistenza, noi siamo obbligati a dar battaglia contro il capitalismo ed aprire il cammino alla salvezza della specie umana, tocca a noi alzare le bandiere di Cristo, de Mahoma, della uguaglianza, dell’amore, della giustizia, dell’umanismo, del vero e più profondo umanismo. Se non lo facciamo, la più bella creazione dell’universo, l’essere umano, sparirà, sparirà.
Questo pianeta è vissuto migliaia di milioni di anni, e questo pianeta è vissuto per migliaia di milioni di anni senza di noi, la specie umana: non ha bisogno di noi per esistere. Bene, noi senza la Terra non viviamo, e stiamo distruggendo la Pachamama, come dice Evo e come dicono i nostri fratelli aborigeni del Sudamerica.
In conclusione, signor presidente, solo per concludere, ascoltiamo Fidel Castro quando dice: una specie è in pericolo di estinzione, l’essere umano. Ascoltiamo Rosa Luxemburg, quando dice: Socialismo o barbarie.
Ascoltiamo Cristo il redentore quando dice: Benvenuti i poveri perché loro sarà il regno dei cieli. Signor presidente, signore e signori, dobbiamo essere capaci di non fare di questa terra la tomba dell’umanità, ma facciamo di questa terra un cielo, un cielo di vita, di pace, di pace e fratellanza, per tutta la umanità, per la specie umana. Signor presidente, signori, mille grazie e buon appetito.   

[trad. dal castigliano RPTA/Italia – www.redportiamerica.com]

Posted by on 22/12/2009.

Categories: America latina, dblog, Venezuela

8 Responses

  1. Solidarieta al venezuela bolivariano ed al COMANDANTE CHAVEZ cui questo magnifico intervento dimostra la statura politica di questo grande forse il piu grande, dirigente rivoluzionario al momento…
    Da Caracas sta nascendo UNA NUOVA QUINTA
    INTERNAZIONALE!!!! I gangsters fascisti dell’impero lo hanno capito per questo stanno scatenando ultimi disperati atti di guerra in tutto il mondo… minacciano nuove guerre in Yemen, Somalia,Mauritania ed aree attigue organizzano golpe narco fascisti come in Honduras, organizzano “guarimbe” come si chiamano in Venezuela provocate da terroristi e provocatori e dai servizi poco segreti dell’impero, vedi Iran, assasinano decine di migliaia di innocenti come im Afghanistan,Irak, Pakistan, Palestina etc. etc
    Stamani mentre scrivo il governo Venezuelano denuncia gravi provocazioni Yanqui nei cieli bolivariani.…
    Il governbo narcotrafficante e fascista di Colombia cioe di NarcoUribe paladino della libera Europa,
    delle fosse comuni e dei paramilitari svolge ormai il ruolo dell’Israele del Sud america..La lotta di liberazione mondiale dei popoli avanza inarrestabile
    mentre lassu sugli inespugnabili e selvaggi altipiani afghani questi rudi guerriglieri invincibili sul loro terreno, che camminano tenendosi per mano come bambini, si tingono gli occhi col kajal (tradizioine antica dei Pasthun),
    indossando il loro copricapo simbolo di quelle terre che si chiama “Pakol”. continuano ad infliggere sempre piu sonore
    batoste alle armate mercenarie dell’impero
    ed ai suoi contractors.….Attenzione i media dell’impero non informano sulle reali perdite delle armate mercenarie ‚ogni giorno cadano come mele mature soldati occupanti di tutte le nazioni,basta leggere il sito governativo afghano:afghanislamipress.com.
    COSTRUIAMO LA NUOVA INTERNAZIONALE!!!!NO PASARAN..CARACAS SERA’ LA TUMBA DE LOS GOLPISTAS;DE LOS FASCISTAS, DE TODAS LA MAFIAS NACOTRAFFICANTES DEL MUNDO E DE L’IMPERO!!!!!!!
    COMANDANTE CHAVEZ PATRIA SOCIALISMO O MUERTE!!!!!!!!!

    by milioni di anonimi contro l'impero on gen 9, 2010 at 13:01

  2. Incredibile commento al discorso di Chavez a Copenaghen. Vi trovo un’ignoranza e non conoscenza dei problemi del Venezuela addirittura grotteschi. Se l’ignoranza ed il partito preso a prescindere sono i soli strumenti conoscitivi, non capisco perché si possa aprire un blog e dare voce a chi non sa quello che dice. Una cosa certa è che Cjavez ha già portato alla rovina Venezuela e di questo passo la porterà al livello di Cuba o Haiti.Alvise Moschen

    by Alvise Moschen on gen 17, 2010 at 13:10

  3. Alvise, le tue certezze potranno andare bene per gli stolti che si documentano con la prensa venezuelana in mano alle oligarchie… che non vogliono perdere i loro privilegi nei confronti di una società più equa e giusta… con Chavez è finito il tempo della “cuccagna”,

    by Paolo Rossignoli on gen 17, 2010 at 14:20

  4. Hai ragione Rossignoli, con Chavez è finito il tempo della “cuccagna”. Infatti inflazione al 30 %, di fatto doppia economia statale e privata. Portando alla chiusura dell’ industria e commercio privato. La cuccagna è proprio, finita, disoccupati e fame all’ orizzonte. Crescita delle importazioni alimentari, del 30 % nel ultimo anno. La Cuccagna è proprio finita non potevi dire meglio Rossignoli. Viva la società più equa e giusta.……Si ma di tutti poveracci.…..

    by da prensa oligarchica on gen 17, 2010 at 19:14

  5. Caro Rosignoli, e quanti altri come te, puoi credera a Chavea e alle castronerie che fa, ma la realtà è la seguente: mancanza di correnteelettrica, mancanza di acqua, esportazione di pertolio al minimo, uccisioni per rapina e quant’altro
    senza limite ( spesso è la polizia che lo fa), inflazione prevista per quest’anno oltre il 40 %, importazione di caffé e riso e polli di cui un tempo Venezuela era esportatrice, il controllo della burocrazia della stato da parte di agenti cubani ormai intutti i settori dello stato, la stessa guardia pretoriana di Chavez è formata da cubani, fallimento di banche grazie al furto generalizzato da parte dei personaggi intimi a Chavez.

    by Alvise on gen 18, 2010 at 06:47

  6. Poveri Alvise, e quello del post precedente, che nemmeno si firma, vi manca solo di riportare un paio di boiate e poi siete a posto.
    E si, è vero il Venezuela era il paradiso prima di Chavez, e la maggioranza dei venezuelani l’anno consegnato in mano al diavolo… votandolo!.…
    SPQV — Sono Pazzi Questi Venezuelani

    by Paolo Rossignoli on gen 18, 2010 at 09:25

  7. Il Comandante Chavez ha strappato il Venezuela da un abisso peggiore di Haiti : 1)il paese era in mano a una oligarchia narcotrafficante e mafiosa forse non vi ricordate i fratelli siciliani Cuntrera che erano piu potenti del Presidente della repubblica e che erano i padroni del Venezuela.…e che furono i maestri ed inventori dei cartelli di Medellin e Cali…Ma forse per voi la Cosa Nostra non esiste!
    2)Non vi ricordate le brutalita della oligarchia fascista e mafiosa e gli stermini della opposizione.…Ero a Caracas il giorno della rivolta popolare
    contro la miseria chiamato “Caracaso”, in cui l’esercito dell’oligarchia ammazzo’
    durante una disperata insurrezione piu di tremila “3000” persone innocenti che protestavano per le strade solo in poche ore di scontri,lo ricordino i nostrani difensori dei diritti umani in Tibet o Birmania,o Cuba
    3)Non vi ricordate i milioni e milioni di indigenti che vivevano nelle fogne come bestie, ho visto masse di disperati che mai una volta salirono da un medico in vita loro, mai hanno fatto una doccia o dormito in un letto in vita loro.…e che si aggiravano per le citta come morti viventi…
    4)Una putrida oligarchia venezuelana che ha venduto il proprio paese all’impero regalandogli petrolio gratis e sacrificando milioni di poveri analfabeti e di bambini mai stati a scuola o da un dottore…5)Ricordo il giorno del golpe dell’impero contro un governo eletto dal popolo che una marea di milioni e milioni di “camice rosse” per le strade si ripresero il loro Presidente.…
    Di fronte a tutto cio’ per concludere ricordo che Il Comandante Chavez ha istituito il salario minimo di un milione e duecentomila bolivar che e’ il piu alto del sudamerica…per non enumerare gli enormi progressi dell’economia ed i successi sociali
    Si rassegni la squallida oligarchia fascista schiava dell’impero NO VUELVERAN
    COMANDANTE CHAVEZ PATRIA SOCIALISMO O MUERTE!!!!

    by milioni di anonimi contro l'impero on gen 18, 2010 at 11:29

  8. A Paolo Rossignoli
    se l’insulto ed il linguaggio sboccato sono le tue armi politiche, beh… siamo a posto. Non ho detto che il Venezuela sia stato il paradiso terrestre, ma era un paese che poteve svilupparsi. Invece il governo di Chavez lo sta sprofondando nella miseria, nella delinquenza senza freni. Vedi, la realtà è più forte della propaganda ideologica e delle convinzioni basate sull’aria fritta. La realtà si incaricherà prima o poi di mandare in galera Chavez ed il popolo del Venezuela dovrà lavorare anni e anni per rimettere in sesto il paese e riappacificare i suoi abitanti. Tutto il resto, e le tue convinzioni, è aria fritta. Alvise

    by Alvise Moschen on gen 23, 2010 at 11:57

Leave a Reply

 

« | »




Articoli recenti


Pagine