Annalisa Melandri



« | »

El caso Lage — Perez Roque y los cambios en Cuba

Lage-Roque

Propongo questo articolo, scritto da un intellettuale e una persona che stimo moltissimo, sperando che possa scaturirne un dibattito sereno.(AM)
.
El caso Lage — Perez Roque y los cambios en Cuba      
 
Escrito por Narciso Isa Conde   
miércoles, 11 de marzo de 2009
Fonte: CCB
La desinformación definitivamente no ayuda, como no ayuda el contenido común de las cartas publicadas, ambas estructuradas sobre un mismo y escueto patrón.
 
Esta forma de presentar el problema más bien siembra confusión, desata especulaciones, reitera un mal histórico dentro del denominado “socialismo de Estado”: el secretismo en el ejercer de funciones públicas y políticas que deben serejercida abiertamente, de cara al pueblo y a sus organizaciones políticas y sociales, frente a la base del partido y ante toda la sociedad a la que estos funcionarios y dirigentes políticos están en el deber de rendir cuentas.
 
En estos días me enviaron desde Cuba esta nota informativa:
 
“La Habana, 05/3/2009. RPA. El diario Juventud Rebelde publica hoy las cartas renuncias del Vicepresidente del Consejo de Estado y miembro del Buró Político del Partido Comunista de Cuba (BP PCC), Carlos Lage Dávila, y del destituido ministro de Relaciones Exteriores, Felipe Pérez Roque. En las cartas, breves, ambos ex-hombres importantes del gobierno y del estado cubano, reconocen sus errores, no especificados, y ratifican su lealtad a la Revolución, el Partido y a Fidel y Raúl Castro.”
 
“Lage renuncia a su condición de Vicepresidente del Consejo de Estado, a miembro del Buró Político y a su condición de Diputado en el Parlamento.
Por su parte, Pérez Roque renuncia a su condición de integrante del Comité Central del Partido Comunista de Cuba y a la de Diputado al parlamento.
En las cartas, fechadas el pasado día 3 de marzo, los ex–dirigentes dicen aceptar las conclusiones del análisis realizado por el Buró Político, pero hasta el momento dicho análisis no es del dominio público. Solamente el ex-presidente Fidel Castro en una reflexión publicada hace dos días (ver Radar Cubano) usó de una categoría moral (indignidad) como básica para la remoción de estos dos funcionarios y dirigentes; si bien el aspecto moral es esencial en todo funcionario público y/o político, buena parte de la ciudadanía, que no duda de las aseveraciones de Fidel Castro, se pregunta hasta dónde llegaron en su conducta moral. Otros ciudadanos estiman que además debía hacerse pública la valoración de su proceder en el ámbito político-administrativo.”
 
Un análisis y unos errores desconocidos por silenciados
 
Porque me siento parte de la revolución cubana, porque me duelen sus problemas y me alegran sus éxitos, porque su destino impacta sensiblemente el proceso hacia la nueva independencia, la nueva democracia y el tránsito al nuevo socialismo en nuestra América, me parece importante el debate sobre estos hechos relacionados con el presente y el futuro de esa revolución pionera.
 
A mi particularmente, abordado periódicamente y sistemáticamente por los medios de comunicación de mi país sobre los hechos que acontecen en Cuba, me resulta imposible evadir y guardar silencio sobre lo que aprecio y pienso sobre estos nuevos acontecimientos. Además, siempre hay lecciones y valoraciones útiles en situaciones como la comentada.
 
Concuerdo con le criterio que favorece conocer el análisis y los motivos que condujeron a calificar de “indignos” y “ambiciosos” y a sancionar, nada más y nada menos por el propio Fidel, a estas dos destacadas figuras de la llamada “segunda camada” o “segunda generación” de dirigentes revolucionarios cubanos.
 
Sobre ambos Fidel y los dirigentes históricos de la revolución cubana habían depositado una gran confianza, entendiendo que su edad y sus cualidades políticas, ideológicas y profesionales le daban frescura al proceso..
 
De ahí primero el impacto de las medidas administrativas anunciadas por el Consejo de Estado, luego de las descalificaciones morales planteadas por Fidel (quien nunca se a arriesgado a hacer una acusación moral sin fundamentos serios y hechos demostrables) y finalmente del contenido de sus respectivas cartas renunciando a todos los cargos electivos en el partido y en el Estado, admitiendo errores y expresando lealtad y fidelidad a la revolución y a sus máximas figuras: Fidel y Raúl.
 
Pero lo común –y un tanto desconcertante– ha sido que en esos tres momentos ni el Presidente Raúl Castro, ni el Consejo de Estado, ni el Buró Político del Partido, ni el Comité Central, ni Fidel, han dado a conocer en que consistieron los “errores” de Lage y Pérez Roque, cuales fueron sus faltas morales, que los hace indignos y en qué consistieron sus ambiciones. Y no creo que sea imposible decir lo esencial sin afectar zonas de seguridad, siempre con el interés de que la sociedad quede bienedificada y pueda sacar las lecciones correspondientes y sugerir correcciones.
 
El secretismo en estos casos no ayuda
 
La desinformación definitivamente no ayuda, como no ayuda el contenido común de las cartas publicadas, ambas estructuradas sobre un mismo y escueto patrón.
 
Esta forma de presentar el problema más bien siembra confusión, desata especulaciones, reitera un mal histórico dentro del denominado “socialismo de Estado”: el secretismo en el ejercer de funciones públicas y políticas que deben serejercida abiertamente, de cara al pueblo y a sus organizaciones políticas y sociales, frente a la base del partido y ante toda la sociedad a la que estos funcionarios y dirigentes políticos están en el deber de rendir cuentas.
 
Además, el secretismo impide en general apreciar la real magnitud de los errores, hasta donde fueron exclusivos e individuales y hasta donde no; hasta donde el análisis fue justo, las correcciones adecuadas y la crítica y la autocrítica acertadas; hasta donde llegan las responsabilidades individuales y hasta donde las colectivas; si hubo o no métodos y estilos de trabajo tradicionales, usos y costumbres –o situaciones estructurales– que pudieron servirles de caldo de cultivo a esos errores individuales;hasta donde esos errores fueron tolerados hasta convertirse en algo graves mientras no se habían generado determinadas tensiones políticas, y hasta donde hubo o no factores extras que provocaron ese desenlace.
 
Y lo que peor es que de esa forma es imposible conocer si hubo o no un examen del caso que posibilite una aproximación a determinar las causas, el porqué o los porqués de la generación periódica de ese tipo de errores y de situaciones, así como la razón o razones que determinan que dirigentes de ese calibre incurran en errores tan graves como para ser calificados de indignos y entonces asumir más allá de las sanciones institucionales una serie de renuncias, declarando a la vez su fidelidad a la revolución, a Fidel y a Raúl, aceptando errores no identificados y se auto-sancionándose más allá de lo anunciado a través de sendas cartas que evidentemente responden a un mismo patrón y que realmente no explican nada.
 
La reiteración de casos parecidos
 
El paso brusco de la gracia total a la desgracia total inexplicada es además de evidentemente defectuoso, realmente confuso y desconcertante. Pero resulta además que ese tipo de situaciones, con motivos, formas y sanciones distintas, es bastante repetitiva.
 
Ahora me llegan a la mente aquellas palabras de la doctora Tablada, prestigiosa profesional revolucionaria, cuando desde su condición de miembra del Consejo de Estado de Cuba, en ocasión del proceso contra el general Ochoa (héroe internacionalista de la campaña africana), planteó –sin objetar la sanción necesaria a los graves delitos cometidos por él– la necesidad de indagar en las causas estructurales que generaban la corrupción, al tiempo devaticinar que si eso no se abordaba como era debido, de seguro se iban a presentar nuevos casos. Y así ha sido.
 
Recuerdo, entre ellos, los casos posteriores de Carlos Aldana y del ex-canciller Roberto Robaina, comprobación de la certeza de esa sincera preocupación, entonces no escuchada; esto si nos atenemos estrictamente a los motivos oficiales que se alegaron para la sanción y exclusión total de esos dos altos dirigentes. Y hay otros casos parecidos, entre ellos el de Luis Orlando Domínguez, quien después de haber sido un Primer Secretario de la Unión de Jóvenes Comunistas (UJC) desempeñó el cargo de director del Instituto de Aeronaútica Civil de Cuba (IACC), donde estalló bajo su responsabilidad un grave escándalo de corrupción
 
En verdad situaciones de ese tipo, e incluso mucho más cuestionables, se presentanban periódicamente a lo largo de la historia de los modelos estatistas –burocráticos en el llamado socialismo euro-oriental y también en el asiático; en unos casos con formas más bárbaras y grotescas que en otros, y también con desenlaces trágicos y comisiones de graves injusticias, que felizmente no se han dado en el curso de la revolución cubana por los principios morales y la aversión al crimen que han animado a los líderes del proceso.
 
Esto de todas maneras nos remite a la cuestión estructural, a las características esenciales del modelo cubano, aun con todo lo atenuadas que puedanhaberse desarrollado sus aristas y esencias negativas, generadoras de corrupción, sistemas de privilegios, centralización extrema, intolerancia y negación de democracia integral y participativa.
 
Las ideas preeminentes en el pensamiento revolucionario y en los grandes referentes socialistas del siglo XX, la bi-polarización y la guerra fría, el trasplante deformador y dogmatizante del modelo soviético en una significativa dimensión del sistema cubano y, en consecuencia, la progresiva, contradictoria y tortuosa evolución del proceso cubano hacia el predominio de un estatismo-burocrático todavía no superado, es lo que puede explicar estas lamentables situaciones.
 
No se trata de casos aislados o debilidades personales. Es a todas luces un problema sistémico–estructural, que genera censuras y autocensuras e islas de poder que encumbren y posibilitan la acumulación de los males; que facilita formas de hacer políticas y métodos verticales de dirección, con ausencia de control social, poderes superpuestos a las bases de la sociedad, superestructuras y organismos incontrolables desde el pueblo y vulnerables a los excesos y a la repotenciación del patrimonialismo y del paternalismo estatal.
 
Por razones históricas, familiares, de formación, unos cuadros pueden tener una ética y una moral revolucionaria más recia y resistente que otros; pero de todas maneras el “ambiente” permea y contamina a no pocos y en amplias franjas de la sociedad, y los males acumulados en las alturas generalmente rodeado de un gran hermetismo tienden en algunos casos a estallar en función de la gravitación de ciertas diferencias políticas o de problemas adicionales de otra índole.
 
Crisis, cambios, vías y opciones
 
Cuba vive hoy una fase que exige cambios. El modelo estatista se estancó y se está agotando. Lo central ahora debería ser la discusión sin restricciones del nuevo rumbo a seguir.
 
Creo que de más en más la contradicción de más valor cualitativo es si se da el viraje en función de reformas económicas parecidas o inspiradas en las que se han dado en China (que a mi modo de ver, hasta el momento y tal y como se publicita, ha sido unreferente exitoso y atrayente que conduce a modelos antidemocráticos, combinación de capitalismo Estado con cierta vocación social y de capitalismo privado transnacionalizado con muchas desigualdades y sobre-explotación y demasiada corrupción), o si se asume el camino de socialización progresiva y diversa de lo estatal y la democratización del sistema político hacia una democracia basada en el poder popular, participativa e integral; esto es hacia un nuevo socialismo (que a mi entender es la opción paraprofundizar la revolución anticapitalista y anti-imperialista).
 
Es la disyuntiva entre la llamada “vía china” o “vietnamita”, adecuada a la realidad cubana (que conduce a la paulatina restauración o desarrollo capitalista con las características ya descritas), y el tránsito hacia el socialismo autogestionado, cooperativista, democrático y participativo (con variadas formas de propiedad social, sin descartar cierto grado de propiedad privada y mixtas subordinadas a la socialización progresiva, con democracia directa, participación y representación socialmente controlada).
 
Ambas vías implican superar el inmovilismo o estancamiento y evitar un eventual colapso del modelo en crisis; colapso que podría llevar a una tercera opción, la más o¬nerosa de todas: a la contra-revolución imperialista, al intento de restauración violenta y brusca del capitalismo, a la anexión de Cuba a los EEUU y al imperialismo occidental; sin descartar en ese contexto la guerra civil con resultados no previsibles.
 
Al tema del modelo agotado se agrega el serio problema generacional que afecta, debido al envejecimiento de la generación histórica y al distanciamiento político de una gran parte de la juventud por serios en esa dirección. La exclusión de dirigentes de la “camada intermedia” y de otros más jóvenes con cierto impactoen las nuevas generaciones, junto al peso excesivo en primera línea de los históricos afecta el tema y refuerza imágenes negativas. Recientemente, también, fueron sustituidos dos cuadros relativamente jóvenes y muy capaces: Elíades Acosta (del Departamento de Cultura del CC del PCC) y Marta Loma (Ministra de Inversiones y Colaboración), ésta última sustituida por Malmierca jr., que ahora asume la fusión de ese organismo con el Mincex, del cual quitaron a otro relativamente joven (de la Nuez).
 
No desprecio en absoluto la importancia de la experiencia en la política de cuadros, tampoco los valores positivos de las reestructuraciones del modelo estatista, las compactaciones, modernizaciones, separación de funciones y los nuevos métodos anunciados recientemente por el gobierno del comandante Raúl Castro; como tampoco la búsqueda de mejores modelos gerenciales, algunos de ellos ensayados con éxitos relativos por las propias Fuerzas Armadas Revolucionarias de Cuba.
 
Pero lo entiendo esas reestructuraciones muy insuficientes y a la vez compatibles con las dos vías apuntadas en el debate: la neo-china y la neo-socialista. Como también entiendo que existe en fuerte desequilibrio generacional en el desempeño de las funciones públicas y políticas en detrimento de la juventud y sus grandes valores creativos en la Cuba de hoy
 
Esas reestructuración del Estado es una cuestión importante, pero sin posibilidad alguna por sí sola de superar la crisis estructural delmodelo vigente, la cual exige definiciones de otro orden en cuanto al remonte de las relaciones de producción y distribución y servicios basadas en la propiedad estatal y el trabajo asalariado, en cuanto a la superación de la gestión burocrática, en cuanto al nuevo patrón tecno-científico del sistema, en cuanto a la inserción internacional de Cuba, en cuanto al rescate y renovación de los valores culturales y éticos del socialismo, en cuanto a los cambios en el sistema político, sus bases constitucionales del país y sus instituciones en todo lo que se refiera a democracia social, política, racial, de género, de generaciones y cultura.
 
De todo esto se ha estado hablando bastante y habrá que seguir insistiendo, proponiendo y recreando: cambio de modelo dentro de una orientación socialista, democratización socialista, relevo y equilibrio generacional y posicionamiento en el tema de la revolución y la integración continental, son desafíos actuales ineludibles para la revolución cubana de hoy. De lo contrario el camino habrá de ser tormentoso y los males se seguirán acumulando; mientras que la adopción de la llamada “vía china”, si bien puede evitar el derrumbe, equivale a una especie de Termidor cubano, al freno a la revolución desde adentro, a su reversión hacia modalidades capitalista asentadas y al cierre de la vía socialista.
 
Mas allá del caso Lage-Pérez Roque, los cambios ejecutados apuntan en dirección a una mayor hegemonía del equipo de gobierno del comandante Raúl Castro y de su visión a corto y mediano plazo, lo cual todavía no se ha desplegado como para ser evaluada, aunque es apreciable que no está muy inclinada ni hacia la socialización acelerada de lo estatal ni hacia la democracia participativa e integral, sino hacia otro tipo de reformas más asimilables por las elites políticas, burocráticas y tecnocráticas, y al parecer, aunque no inexorablemente, más próxima al referente chino– vietnamita.
 
De todas maneras no está predeterminado con claridad el nuevo rumbo, mucho menos desplegado su programa a ejecutar. Tampoco, debido a esos déficits, son tan previsibles el tipo y la intensidad de las contradicciones, consensos y disensos que habrá de provocar.
 
Lo importante ahora es debatir con altura, sin exclusiones ni intolerancia, las alternativas a decidir,procurando abrirle cada vez más espacio a la PARTICIPACIÓN Y A LA CREACIÓN HEROICA DEL PUEBLO.
 
 
7 de marzo 2009, Santo Domingo, RD
 

Posted by on 29/03/2009.

Categories: America latina, Cuba, dblog

212 Responses

  1. L’articolo di Isa Conde è bene informato sofferto e, in senso lato, del tutto condivisibile. Ma piuttosto miseramente scivola – cadendo su se stesso – allorché usa, per descrivere il caso Pérez-Lage, l’aggettivo “desconcertante”. Perché dico che cade su se stesso? Per la semplicissima ragione che, proprio alla luce della molto puntuale e sofferta ricostruzione dei precedenti offerta da Conde, chiaramente si vede come non vi sia assolutamente nulla di sconcertante nei comportamenti del governo cubano. Sconcertante, caso mai, sarebbe stato il fatto che il siluramento dei due dirigenti fosse, per una volta, avvenuto sulla base di motivazioni trasparenti. Perché mai Fidel e Raul avrebbero dovuto, in questo caso, seguire vie diverse da quelle percorse nei casi di Robaina, di Carlos Aldana, Luis Orlando Domínguez e via epurando? Isa Conde rammenta, come un positivo esempio al quale ispirarsi, l’intervento che, nel Consiglio di Stato, fece la “doctora Tablada, prestigiosa profesional revolucionaria”, allorquando, venti anni or sono, si trattò di confermare la condanna a morte del generale Armando Ochoa “eroe internazionalista”. Ma la verità è che proprio quella riunione fu – insieme al processo svoltosi poco prima – uno dei più infimi momenti della rivoluzione, forse il più sinistro e meno trasparente di tutta la sua storia (nella quale, pure, di trasparenza non vi sono grandi tracce). Isa Conde avrebbe dovuto ricordare, per onestà e completezza, anche l’intervento con il quale, seguendo i canoni della più torva tradizione stalinista, Fidel distrusse(sulla base di menzogne) la memoria di quell’ “eroe internazionalista”. Quella riunione fu una vergogna. Un crimine. E l’intervento della “prestigiosa profesional revolucionaria”, no fece certo eccezione. Se Isa Conde pensa che possa esser quello il punto di partenza per un cambio a Cuba, la cosa più gentile che gli si può dire è che sta prendendo lucciole per lanterne.

    by mc on mar 30, 2009 at 00:34

  2. E l cosa più gentile che si può dire a te è che vedi la pagliuzza negli occhi degli altri e non la trave nei tuoi. Siluramenti politici vengono fatti quotidianamente in tutti i paesi del mondo con motivazioni tra le più strabilianti che mai corrispondono alla realtà. Mi sembra che l’Italia non ne sia immune, anzi! A meno che uno creda alla rappresentazione mediatica, una l’abbiamo vista ieri, che vuol farci credere che tutto viene fatto alla luce del sole. Mi sembra che da quelle parti, centro destra, a volte le discussioni finiscono a coltellate. Poi le bombe, i Presidenti assassinati, giudici incrimati quando toccano i potenti e molto altro ancora. Ma come dice qualcuno che non guarda i fatti con occhi strabici, un soffio a Cuba diventa un uragano, una tempesta nel mondo “democratico” è una pioggerella di inizio primavera.
    Hasta cuando?

    by CM on mar 30, 2009 at 16:35

  3. CM, evidentemente, appartiene a quella curiosa (e tutto sommato simpatica) specie di castristi più castristi di Castro, per i quali – vedi Gianni Minà — il miglior modo di discutere su Cuba è quello di NON discutere i problemi di Cuba, Ovvero: di parlare di tutte le brutte cose che avvengono fuori di Cuba. Mi pare che Annalisa, al contrario, avesse pubblicato l’articolo di Isa Conde proprio al fine di provocare un “dibattito sereno su Cuba”. Non su travi e pagliuzze. Resto dunque in attesa – come credo anche la padrona di casa – di interventi più seri e più in tema.

    by mc on mar 30, 2009 at 17:04

  4. Il tema mi sembra serissimo, mc, e CM mi ha tolto le parole da bocca. Non so chi si naconda dietro le vostre sigle, ma dare dello ‘stalinista’ a Fidel mi sembra solo una idiozia, e stai sicuro che io non mi strappo i capelli per Gianni Minà. Se proprio vuoi leggere interventi più seri, non scrivere, e ti consiglio anche di non leggere nemmeno certi articoli alla Maurizio Chierici. Dibattiti sereni non si possono fare se non sono seri. Saludos

    by Ciro Brescia on mar 30, 2009 at 17:55

  5. E se davvero ci tenete ad ascoltare qualcosa di serio vi consiglio questa intervista allo scrittore argentino Nestor Kohan: http://video.google.com/videoplay?docid=9056031266533700174

    by Ciro Brescia on mar 30, 2009 at 17:57

  6. Que opinan los cubanos?
    Me he tomado la libertad de transcribir un artîculo escrito por la periodista cubana Norelys Morales Aguilera.
    Quiên quiere callar a Fidel?
    Por su peso cae la respuesta. Sî, quieren callar a Fidel.
    Durante la visita de la presidente de Chile a La Haban la derecha de ese paîs estaba escandalizada. Segûn Manuel Cabieses Donoso en Rebeliôn, “Fidel se equivocô al incluir en sus Reflexiones el derecho de Bolivia a una salida soberna al mar. Pero no se puede negar que tiene toda la razôn”.
    Osea, que le estâ pidiendo a Fidel castro, aunque lleve razôn, lo “polîticamente correcto” en ese supuesto malhadado dîa se habrîa renunciado a la êtica que los revolucionarios cubanos tenemos como un sagrado don.
    Ahora, el querido colega Pascual Serrano entra al rîo y no sabemos si se mojô la ropa o no. Dice Pascual: “Los cambios anunciados por el gobierno cubano este 2 de marzo no hubierna sido diferentes, en forma y fondo, a los sucedidos en el resto de los paîses del mundo si no hubiese sido por la reflexiôn del ex presidente cubano Fidel castro el dîa despuês”.
    para nuestro amigo que se publiquen las Reflexioes de Fidel en los diarios y sitios webs cubanos traen una contravenciôn a la institucionalidad. De verdad?
    Y añade: “Como resultado, los amigos de Cuba nos encontramos sin fuerzas ni informaciôn para explicar la institucionalidad cubana”.
    Me parece desmesurado que Pascual Serrano hable a nombre de todos los amigos de Cuba. Aquî Pascual renuncia a la “institucionalidad de la modestia”.
    Si hubiese hablado a tîtulo personal, no me havrîa tomado el trabajo de escribir una letra porque le asiste el derecho de no tener fuerzas y desconfiar de Cuba, mâs aûn, de querer callar a Fidel. Es un problema de Pascual.
    Acaso no hay suficientes fuerzas, para lo que sea en la inequîvoca êtica demostrada por el Gobierno revolucionario de Cuba y de Fidel Castro?
    No nos juzgueîs bajo las reglas del juego distintas a las nuestras!
    Unicamente a los cubanos nos corresponde revisar nuestra constitucionalidad en el sentido que sea. Tenemos el derecho de exigir respeto, aûn a los amigos de Cuba.
    Los amigos de Cuba no tienen mâs compromiso que con sus propias convicciones. Ya lo han demostrado muchas veces.
    Mâs de uno de los que criticô a Cuba cuando mâs feroces fueron los ataques, luego han podido demostrar la grandeza de reconocer el error.
    Norelys Morales, periodista cubana, creadora de blogueros y corresponsales de la revoluciôn.

    by Pedro on mar 30, 2009 at 18:51

  7. Ciro, Isa Conde come Chierici non ce lo vedo proprio eh… e x favore mi sai dire l’intervista a Kohan che ho linkato da Indymedia di quando è? gracias

    by Annalisa on mar 30, 2009 at 19:00

  8. Caro Ciro, non mi sorprende il fatto che tu, come CM, consideri “serio” discutere di un tema evitando di discuterlo. Sono, infatti, andato a vedere il link da te indicato come esempio di discussione seria. Ed ho ascoltato con molta pazienza – sono quasi 50 minuti di bla bla bla sulla storia del marxismo, oltretutto vecchi di quasi un anno – quello che Néstor Kohan ha da dire. Non una parola sulle vicende e sui problemi sollevati da Isa Conde e proposti da Annalisa come temi per un “sereno dibattito”. Sicché, mi chiedo anch’io, con CM, hasta cuando?, fino a quando la sinistra (certa sinistra) resterà – tutte le volte che si discute, o si tenta di discutere di Cuba – prigioniera di questa bambinesca forma di “benaltrismo”? Vorrei inoltre farti notare, caro Ciro, che io non ho affatto scritto che Fidel è uno stalinista. Ho scritto – e lo ribadisco con tutto il cuore – che nel suo intervento al Consiglio di Stato (quello che decretò la condanna a morte del generale Ochoa), Fidel seguì “i canoni della più torva tradizione stalinista”. Se sei convinto che questa affermazione sia “un’idiozia”, prova a spiegare perché. Possibilmente entrando nel merito. Un ringraziamento anche a Pedro per avere riportato l’articolo – in verità molto significativo e pertinente – scritto dalla “periodista cubana Norelys Morales Aguilera”. Articolo che può essere efficacemente riassunto in semplice concetto: Pascual Serrano pensa agli affaracci tuoi, non rompere le scatole e preparati all’autocritica. Insomma: dal “benaltrismo” di certa sinistra europea – quello stesso benaltrismo al quale, per una volta, il povero Serrano aveva timidamente cercato di sottrarsi – al “bennientismo” delle penne di regime cubane. Comincio a credere che il “sereno dibattito” proposto da Annalisa sia destinato a non cominciare mai.

    by mc on mar 30, 2009 at 19:36

  9. Efectivamente es imposible un debate sereno cuando se personaliza, se ironiza,y se cuelgan adjetivos a los comentaristas. La estrategia es siempre la misma , utilizar la provocaciôn.
    confundir,para arruinar una pâgina seria.
    Se pueden calificar de “ideas” las siguiente expresiòn:
    “Specie de castrisiti piu castristi que Castro”.
    Personalmente, por respeto a la creadora de este blog y a todos aquellos que presentan argumentos serios,ignorarê completamente las afirmaciones de mc.
    La realidad es evidente: pertenecemos a barricadas diferentes y nada, absolutamente nada, nos une.
    Sinceramente creo que con un enemigo de la revoluciôn cubana y de los movimientos sociales de Amêrica Latina no puede haber diâlogo.
    Cuando se trata de fascismo o libertad no existe la “neutralidad”.

    (

    by Pedro on mar 30, 2009 at 20:14

  10. @Cavallini un dibattito sereno voleva dire anche ragionare e discutere sul tema proposto dall’articolo di Narciso (e cioè le due ipotesi prospettate del dopo Castro) e non mettersi a fare come al solito il processo morale alla Rivoluzione cubana, altrimenti va a finire davvero che con coloro che amici non sono della Rivoluzione cubana, come dice Pedro non ci potrà essere mai dialogo. Il riferimento che Conde fa della doctora Tablada penso fosse marginale nell’insieme dell’articolo, come penso fosse anche marginale il pensiero di Conde rispetto a tutta la Rivoluzione. Il punto era: via cinese o socialismo partecipativo? E nel caso (più probabile) della via cinese quali sono le prospettive, le possibilità per i cubani, i rischi o i vantaggi?
    Saluti.

    by Annalisa on mar 30, 2009 at 21:26

  11. »>cuando se trata de fascismo o libertad no existe “neutralidad”«< . Giustissimo Pedro. Peccato che qui non si tratti affatto di “fascismo o libertà”, ma soltanto di discutere – con “serenità” come chiede Annalisa – i problemi sollevati, a partire dal siluramento della copia Lage-Pérez, dall’articolo di Isa Conde. Si tratta, insomma, di discutere i fatti, il loro svolgimento ed il loro più generale significato. CM ci ha invitato a discutere d’altro (a scelta una delle molte malvagità che si commettono in Occidente). Norelys Morales Aguilera, da te integralmente citata, ha svillaneggiato il povero Pascual Serrano (tempi duri per i troppo buoni) perché si è permesso di sollevare qualche timida critica a nome degli “amici di Cuba”. E, quindi,E ci ha perentoriamente invitato (Noreleys, non Pascual) non discutere di nulla perché quel che dice Fidel non è, per antonomasia, soggetto a discussione. Ed ecco che ora tu, facendo l’offeso solennemente tracci un confine tra “libertà e fascismo” (a proposito: Conde e Serrano da quale parte della barricata si trovano?) ed inviti a non discutere con chi “personalizza, iriniza y ataca adjetivos a los comentaristas”. Gira e rigira: tutti sembrate desiderare la medesima cosa: non discutere. Il che non mi sembra un modo molto educato d’accogliere l’invito della padrona di casa. Inoltre, caro Pedro, mi pare che chi davvero si attacca agli aggettivi sia tu. E mi pare anche che tu lo faccia per evitare un dibattito nel quale non hai niente da dire. O, peggio, del quale hai paura. Mi sbaglio? Spero di sì. E per smentirmi tu altro non devi fare che dire la tua sull’articolo di Isa Conde. Sono pronto all’autocritica.

    by mc on mar 30, 2009 at 21:54

  12. Per Annalisa. Discutiamo pure di modello cinese e di socialismo partecipativo. Discutiamo pure guardando al futuro. Tieni però presente due cose. La prima: che questa discussione si scontra in prima istanza – vedi l’illuminato articolo della Norylesis, riportato da Pedro – proprio con gli atteggiamenti di un regime per il quale la discussione (Pedro ce l’ha detto con il suo intervento) è “fascismo”. La seconda: che ogni discussione sul socialismo partecipativo non può prescindere da una analisi delle ragioni per le quali , nel socialismo cubano, sono fino ad oggi prevalsi l’autoritarismo , il dirigismo e la repressione d’ogni forma dissenso. Tutti elementi che Isa Conde ha correttamente rammentato, rifiutandosi tuttavia (come il suo “marginale” riferimento all’intervento della Tablada testimonia) di riconoscerne le radici.

    by mc on mar 30, 2009 at 22:07

  13. LA discusione, mi sembra alta. Per le umili conocenze. Rimane il fato che, Roque y Sopra tuto, Lage, sono due furboni, gente che si è arrichita, alle spalle del popolo, e sfruttato la infermita di Fidel. Poi trovo correto l’ articolo riportato. Senza scendere, in liti absurde, dico che siamo stufi di avere questi chivitones che ci comandano. Anche se le mie simpatie come noto no sono tanto per Raul, trovo che se la cosa e fata in buona fede, ha fato bene a cacciare via i due. Per il fato Ochao, lasiamo perdere,meglio non parlare, come disse bene il vostro Pasolini, io so ma non posso parlare, la situacione è simile al vostro periodo di stragia dela tensione. Nel Finale la via Chinese, a Cuba, la trovo dificile, per un basso consumo interno, che no permite uno svilupo industriale; poi con la crisi mondiale, di ora, gli usa comincerano a produrre in loco. pippo

    by Pippo ibarra on mar 30, 2009 at 23:41

  14. la domanda socialismo partecipato o modello cinese non può che far rispondere: modello cinese.Nel senso cioè che per raul e gran parte della vecchia guardia è molto piu’ facile continuare a detenere il potere, cambiando solo l’economia, piuttosto che permettere ai cubani di discutere col rischio di vederselo sfuggire.E’ difficile che le proposte avanzate da pedro campos, autogestione delle imprese pubbliche, libertà di uscita dal paese e di discussione, possano realizzarsi. Basta vedere quello che è successo dopo le lettere di lague e perez roque:nulla. Si è pubblicato l’articolo di fidel sul miele del potere che avrebbe attentato alla dignità dei 2, ma nessuno ha cercato di spiegare i motivi sui giornali cubani che hanno indotto i due a dimettersi da tutti gli incarichi, meno che dal partito.Forse perchè dire che sono stati fatti fuori politicamente, perchè potevano, solo in teoria, dare ombra a raul al sesto congresso del pc cubano, dove si presenterà chiedendo la carica di primo segretario, poteva suonare male.

    by nino on mar 30, 2009 at 23:47

  15. Nino, devo farte per l’ enesima volta i mie complimenti por la lucidita dei tuoi argomenti. Cmq, da voce di calle, se dice che Lage, sia agli aresti domiciliari.Ma quelo que se dice en calle.….tuto o niente.

    by pippo ibarra on mar 31, 2009 at 00:06

  16. Da quanto letto devo dedurre che i cubani sono disperati, si trovano di fronte ad un dilemma atroce: la via cinese o il socialismo partecipato. La situazione sull’isola devessere diventata insostenibile, come si sà quando ci si trova davanti ad un bivio se non si sa scegliere si diventa schizzofrenici. Per questo sembra che Obama dopo aver letto Cavallini abbia deciso, sentito il parere di Berlusconi, di inviare un milione di psichiatri umanitari per guarire i cubani vittime dell’atroce dilemma. A guarigione avvenuta provvederà a bombardare l’isola, nessuno potrà più accusarlo di aver aggredito un manicomio. Quando la peste del socialismo sarà stata debellata, Cavallini si trasferirà a Guantanamo e dall’alto del famoso faro di Mayarì osserverà che per caso qualche nave pirata socialista non osi avicinarsi all’isola. Non sia mai che ritornino con un altro yate! La storia non deve ripetersi!!!!!!
    P.s. Da Cuba mi arriva una nota ufficiale del popolo cubano che dice che loro di questa storia non ne sanno niente, continuano a fare la loro vita dignitosamente e ci chiedono di non preoccuparci che stanno tutti bene e che loro non si mettono a fare disquisizioni su come dovremmo uscire dalla crisi del capitalismo, iniziata ne 1929 e tenuta nascosta dai mezzi di informazione dei padroni. Dicono che se vogliamo continuare a farci infinocchiare dai padroni e regalare tre bilioni di dollari alle loro imprese, sono cazzi nostri, loro si fanno i loro.

    by PCCCPPCP on mar 31, 2009 at 00:35

  17. oddio, che tutti i cubani siano così contenti di vivere a cuba oggi non si azzarda a dirlo nemmeno raul ; - ). però hai ragione: siamo tutti geniali nel rappresentarci la cuba che vogliamo e ad attribuire i nostri sogni, idee, pensieri e critiche ai poveri cubani (poveri nel sensi di inconsapevoli). a cominciare da te. saluti comunisti.

    by Mark on mar 31, 2009 at 01:08

  18. Annalisa aveva chiesto un dibattito sereno. E tutto quello che le arriva in risposta sono le spiritosaggini da caserma di PCCCPCP. Il quale, sia detto per inciso, ha perfettamente ragione. L’unico dilemma che i cubani hanno di fronte è: in che direzione posso uscire dal paradiso socialista? Verso gli Usa o verso la Spagna? Un po’ te lo sei voluto, Annalisa. In fondo sei stata proprio tu a dar corda a questi cervelloni.

    by alex easdale on mar 31, 2009 at 01:10

  19. Per i complottisti:
    http://www.newsweek.com/id/189261
    ovviamente al buon Cotroneo la tesi deve averlo intrigato alquanto …

    by Annalisa on mar 31, 2009 at 01:10

  20. Castañeda ha, in realtà, messo per iscritto una versione dei fatti che andava da giorni circolando negli ambienti diplomatici latinoamericani (a me l’aveva racconta, tre giorni prima, un diplomatico uruguayano). La tesi è certo ardita (ed ovviamente indimostrabile), ma ha una sua logica. E la cosa più interessante è, a conti fatti, il tono assai moderato con il quale Chávez – leader notoriamente facile all’indignazione ed agli insulti – ha reagito a queste voci. Si è limitato a dire (cito da una France Press del 21 marzo): “Me he hecho amigo, amigo, de Raúl Castro. Yo casi no lo conocía. Por ahí hay una campañita diciendo que Raúl y yo estamos peleados”. Ed ha aggiunto qualche personale ricordo della sua recente visita alla casa di Raúl . ““Es un hombre muy sensible. Allá tiene las fotos de su eterno amor, la camarada Vilma Espín. Ese hombre recuerda a esa mujer y le brillan los ojos. Tiene una foto de cuando quería ser bailarina. Me llevó a la casa en la que vivieron hasta que enfermó”. Tutto qui. Sorprendentemente poco, specie se si considera che quelle voci lo accusavano di un complotto anti-Raúl in combutta con Lage e Roque. Comunque sia, tutto sarebbe più semplice se il governo cubano e Fidel avessero esplicitato le ragioni ufficiali del siluramento. Per parafrasare un antico proverbio: chi di complottologia ferisce, di complottologia perisce. I castristi (quelli di casa nostra in particolare) vedono complotti dappertutto (non escluso questo blog, quando appaiono ospiti indesiderati). Ora qualcuno ha visto un complotto in casa loro. Chiamatela, se vi pare, giustizia poetica. A proposito, Annalisa: che c’entra Cotroneo con tutto questo?

    by mc on mar 31, 2009 at 02:51

  21. Gentile pcccppp, Te lo dico da Cubano con tuto il cuore, guarda che se fose posibile e le leggi sul immigracione, mondiale lo permettessero a Cuba ci rimarebbero si e no 100.000 persone. Ti ricorda nulla Mariel 1 e Mariel 2. Tornando a cose serie, Signor cavallini, forse dimentica che il partito non puo’ sbagliare quindi neanche i suoi uomini. Se il (perrito) Roque, Lage, hanno sbagliato e sono stati cacciati, ci accontentiamo delle cose che ci dicono, tanto di piu’ non si sa. Magari alla Mesa Redonda, ci fosse un Santoro o per opposto un Feltri, ma c e Alonso.…..
    A buen intenditire poche parole.
    Poi, che Raul e Chavèz, non cora buon sangue, è noto. Basta guardare i rapporti riaperti con la russia, in materia petrolifera. Poi Chavèz con il petrolio a 45$ ha altro a cui pensare. Pippo

    by pippo ibarra on mar 31, 2009 at 09:52

  22. ho telefonato a Fidel Castro, si scusa sinceramente, e mi ha assicurato che invierà rapidamente completa documentazione al Cavallini,
    che dopo attenta traduzione e revisione sara autorizzato a renderla pubblica a tutti noi… spero che questa notizia possa rasserenare gli animi

    by Cienfuegos, la città on mar 31, 2009 at 09:56

  23. Hai visto Annalisa a lasciare spazio a questi 4 cialtroni. A spie piu’ o meno note, che con pensioni faraoniche, rubate ai lavoratori Italiani, svernano a Miami. Sanno buttare puzza nauseabonda, su tutto un popolo felice come i cubani. Fatevene una ragione, Cuba esiste ed è felice, senza i vostri sproloqui da cassandre. Il partito comunsta cubano, sa perfettamente quello che fa, e si difende dagli assalti imperialisti, terrostici di paesi ridotti ormai a elemosinare i soldi dalla Cina. Smettela di dire fesserie su un popolo fiero di essere socilaista. Hasta la victoria sempre. Annalisa ripulòidci il tuo blog da questi cialtroni puzzolenti.

    by bakunin on mar 31, 2009 at 10:22

  24. pippo, sarei cauto ad affermare che tra raul e chavez non corra buon sangue.Non c’è il legame politico che esiste con fidel, questo è certo, ma che non corra buon sangue è esagerato. Raul cerca di avere legami economici anche con la russia, la cina etc etc solo perchè è un uomo saggio e sa che se dovesse finire il rifornimento venezuelano, che in questo momento è vitale per cuba, senza un’alternativa sarebbero dolori. Comunque è difficile che cina e russia possano garantire come fa chavez 7 miliardi di dollari l’anno, grazie ai quali l’economia cubana si sta riprendendo dal periodo spoeciale, basti dare un’occhiata al pil cubano dal 1994 al 2002, cresciuto nel complesso di un 8–9%, e a quello dal 2003 al 2008, cresciuto del 35%. Proprio nel 2003, infatti, sono iniziate le missioni venezuelane che danno un grande apporto all’economia cubana.

    by nino on mar 31, 2009 at 11:10

  25. Bakunin, mi hai rubato lo pseudonimo, ma condivido in pieno quello che hai scritto. Perciò ti perdono. Io non scrivo più su questo blog perchè di discutere con Cavallini (uomo fissato e la fissazione è una grave malattia che divora la mente delle persone), con i Lupi e compagnia bella, mi sembra tempo sprecato edun affronto all’intelligenza. E’ vero che rappresentano il pensiero maggioritario dell’italiano medio (mediocre) che vive nella più avanzata democrazia del mondo, ma questa fobia anticubana è veramente pazzesca. Se a Cuba non si cambiano i ministri li si accusa di stalinismo, se li cambiano li si accusa di stalinismo, se parlano di bloqueo li si accusa di stalinismo, se si parla di diritti umani li si accusa di stalinismo, se si parla dei 5 prigionieri negli Usa li si accusa di stalinismo, ecc., ecc., ecc. Invito a paragonare i cambiamenti, o destituzione, di Ministri a Cuba ed in Italia, scoprirete che le modalità sono le stesse. Vi ricordate la destituzione nientemeno che del Super-Ministro dell’Economia? Qualcuno ha letto la motivazione per la quale il Nano catramato lo aveva destituito? Forse che il Tremariemonti si è risentito? Non è invece che si è tornato diligentemente all’Ovile della Libertà a baciare il padrone Nano dalla testa (catramata) ai piè (a spillo) ed ha ripreso il suo posto da dove continua a demolire economicamente, culturalmente ed ecologicamente il nostro paese come il Cavaliere siliconato comanda? Altro che pagliuzze e travi negli occhi, quì si tratta di lobotomizzazione dei cervelli!Ma lo sanno i nostri eroi che nel loro “democratico” paese il Presidente del Consiglio ha fondato un “partito” di cui ne è il padrone assoluto? Dovrebbero sapere, è appena successo, della farsa della “fusione” del Pollaio Della Libertà di Rubare (scusa CM se ti rubo le parole ma calzano a pennello) dove viene eletto Presidente da 6000 delegati-dipendenti senza nemmeno un voto contrario o un’astensione. Tra la democrazia dei padroni e la dittatura del socialismo dove il popolo elegge direttamente i propri delegati, scelgo la seconda. Cavallini e C. ovviamente preferiscono avere un padrone a cui leccare il culo che elargisce loro qualche lauta mancia per i servigi resi. Ovviamente tutta ricchezza prodotta dai lavoratori sfruttati e vergognosamente sottopagati. E questi villani pretendono pure di venire quì a pontificare. Se devono lavarsi la coscenza che vadano dal prete che magari li assolve, io no! li condanno al pubblico dileggio fino alla fine dei loro giorni. Spero che presto sia la maggioranza degli italiani a rendersi conto della truffa ed a mandarli a quel paese. Pippo Sbarra, che nel frattempo avrà deciso se scrivere in italiano o continuare a fingere di scrivere in italo-cubano (a proposito, cambia correttore, ogni volta corregge in modo diverso), li seguirà. Lui e il leccaculo dei leccaculi

    by Il vecchio Bakunin on mar 31, 2009 at 13:30

  26. io credo dialogare, litigare, discutere, confrontarsi con la rappresentazione del “pensiero maggioritario dell’italiano medio”, beh solo per questo ne valga la pena, no? punti di vista comunque …

    by Annalisa on mar 31, 2009 at 14:45

  27. @nino, si con la frase “non corre bueno sangue, volevo dire che non si “amano” come con Fidel.Certo i rapporti sono sempre otimi e abondanti.La cosa del pil,e interesante, io non sapevo neanche che era il pil, prima di venire in europa. Poi o capito che piu’ cresce la polacion sta meglio. Perchè a Cuba questo no sucede? Anzi da quando cresce in piu si sta pegio? Dove vano quei soldi?
    Per il personagio borioso, quelo che cambia sempre nome, forse è inseguito dala CIA:Aparte le fantasie che hai su cuba, che va be poso capire per chi no conosce la realida, ma volevo dirti che sono andato via da Cuba propio per non lecare piu il cu…al capo sector de la quadra, al delegado del cdr, al delegado del poder popular. A elemosinare e lecare il c..al gherente dela bodega, per avere 2 uova che avevo dirito nela libreta, che lui se vendeva al mercato negro. Isomma , io qui lavoro ho vinto un concorso publico senza racomandazioni, lo stipedio mi arriva al banco regolar, se vado in bodega compro in base alle mie posibilità. Se mi fano un torto, ho i sindacati, la policia, la magistratura senza corompere nessuno o leccare il c…
    Mi spieghi a chi leco il cu..qui in Italia? pippo

    by pippo ibarra on mar 31, 2009 at 15:25

  28. aggiungo i complimenti per l’acuto ed esilarante senso dell’umorismo di cienfuegos PCCPPP, strappa proprio la risata ; - ).…

    by mark on mar 31, 2009 at 17:52

  29. Dimenticavo x Cavallini. Cotroneo c’entra perchè tra le tante varie ipotesi per scrivere l’articolo sul Corriere della Sera ha ovviamente scelto quella complottista dal momento che gli ha offerto l’ennesima occasione per screditare Chavez. D’altra parte mica tutti i lettori del Corriere della Sera si prendono la briga di andarsi a leggere le altre ipotesi ; - )

    by Annalisa on mar 31, 2009 at 17:58

  30. »>D’altra parte mica tutti i lettori del Corriere della Sera si prendono la briga di andarsi a leggere le altre ipotesi ««. È vero Annalisa. In Italia solo pochissimi hanno il privilegio di accedere a fonti oggettive e complete come il Granma, Juventud Rebelde, o la Mesa Redonda…Scusa la battutina, ma era inevitabile dopo aver letto gli interventi dell’intera tribù dei Bakunin (per ora solo il Giovane ed il Vecchio, ma preparati all’arrivo anche del Bakunin poppante, del Bakukin adolescente, del Bakukinin nel mezzo del cammin di sua vita e del Bakunin Bacucco, tutti accompagnati da fratelli, sorelle, congnate, suocere, zii e cugini, PCCCPC e Cienfuergos. E, quel che più conta, tutti biblicamente discendenti da Abramo Bakunin Anarkik Eliolibre). Mi pare che il tuo “sereno dibattito” faccia ormai serenamente ridere. E ridere, notoriamente, fa bene alla salute. Chissà che un giorno anche tu non riesca a promuovere una discussione sul futuro di Cuba, senza essere catalogata – insieme a Isa Conde e Pascual Serrano (una compagnia di cui, ne sono certa, via legittimamente fiera) – tra i nemici del popolo. Credo, però, che, in attesa di quel giorno, dovresti chiederti per quale motivo la tribù dei Bakunin ha piantato le tende proprio nel tuo blog. Con affetto.

    by mc on mar 31, 2009 at 21:13

  31. Quindi se capisco bene, lo zelig, di questo interesante blog, e il mito Eliolibre. Bueno, è molto famoso en cuba, lo zimbelo di molti blog piu o meno legali de cuba.Il personagio defende i cubani e dice che lui e rispetato da noi. Por favor, andate a legere octavocerco, que se dice de eliolibre, jajaja. Meglio, su bc blogler, perfino i filo castristi lo ensulta. El personage, va su bc e parla male de italia, un ragazo le dice callate la boca.me dispiace por l’ Italia, que personage Eliolibre. pippo

    by pippo ibarra on mar 31, 2009 at 21:38

  32. Non c’è storia, Annalisa. Sulle questioni cubane il tuo blog è destinato a trasformarsi in un ring, e non certo per colpa tua. Peccato perché lo spunto di partenza era davvero interessante.…se poi i partecipanti contenessero aggressività e insulti personali sarebbe buon pro per tutti.…un saluto.

    by Anonimo on apr 1, 2009 at 00:37

  33. Bene, se quello che dice Nestor Kohan è solo un blablabla noioso sul marxismo, ha ragione Pedro, ci sono pochi margini di discussione con certi soggetti, stiamo su parti opposte della barricata. La traduzione è di una intervista — http://www.redportiamerica.com/entrevista_de_la_agencia.html — che risale al febbraio 2009, il video invece risale al 2008, ma entrambe sono estremamente attuali e vanno al di là di quelli che trovano soddisfazione a passare perversamente la propria vita a investigare in un ipotetico torbido. Saludos.

    by Ciro Brescia on apr 1, 2009 at 02:19

  34. Hai ragione Annalisa, Isa Conde, fortunatamente per lui, non ha nulla a che vedere con Chierici. ;)

    by Ciro Brescia on apr 1, 2009 at 02:27

  35. Nadie, medianamente informado pone en duda que Isa Conde, Pascual Serrano y Manuel Cabieses son amigos de Cuba y apoyan la revoluciôn. Ellos, han demostrado mil veces su compromiso polîtico y una neta posiciôn antiimperialista.

    by Pedro on apr 1, 2009 at 05:27

  36. Certo Pedro, sono persuaso anch’io di questo. Massimo rispetto e considerazione per Conde, Serrano, Kohan, Golinger, Petras, e tanti altri che senza dubbio stanno da questa parte della barricata, come dici tu, ognuno con la propria testa ed energia, ed ognuno apportando il proprio contributo. In questo periodo si sta librando sempre più vibratamente quella battaglia delle idee tra il vecchio che ancora non è morto ed il nuovo che sta nascendo, ed anche questo ‘ring’ è un campo di questa battaglia. Nonostante la sproporzione dei mezzi utilizzati tra le due parti in lotta, la battaglia si fa sempre più dura per i reazionari, ed impegnativa per noi, per il semplice fatto che la storia non li favorirà, mai. Sono costretti a perire, anche se tenteranno di fare tutti i danni possibili prima di tirare le cuoia. Sono il vecchio che avanza (nel senso che sono gli avanzi che finiscono inesorabilmente nell’immondezzaio della storia); sono i vecchi, non necessariamente in senso anagrafico, ‘che succhiano il sangue ad ogni gioventù’, come direbbe “la Banda Bassotti”, con il loro ‘disincanto’, con il loro ‘realismo’, con la loro ‘razionalità’, con il loro seminare sconforto, con i ‘loro compassionevoli sorrisi’. E’ proprio la guerra del fascismo contro la libertà, della reazione borghese contro il comunismo, degli oppressori contro gli sfruttati, della cultura depositaria contro la cultura problematizzante, così ci insegna Paulo Freire. Noi, caro Pedro, cara Annalisa e cari tutti, siamo emancipati ed insorgenti, il nostro tempo è prezioso, e come ben sapete, non lo sprechiamo a fare i reggicoda degli accademici asserviti e la loro crocchia di amici, come ben dimostra questo blog. Come Chavez saggiamente invitò il popolo a fare dopo aver sconfitto il colpo di stato reazionario, non ci faremo avvelenare. Saludos.

    by Ciro Brescia on apr 1, 2009 at 11:41

  37. Caro Ciro, sono ovviamente d’accordo con te su tutto. Voglio aggiungere che questa fase richiede, come anche tu dici, il massimo impegno da parte di tutti noi, che si deve tradure essenzialmente in studio, analisi ed osservazione critica della realtà, oltre ovviamente all’impegno sociale, solidale e politico in senso stretto. Osservare ciò che succede a Cuba, ipotizzare (e non programmare ovviamente) il suo futuro, in senso anche critico fa per esempio parte di questo. Ciò che succederà a Cuba nel prossimo futuro ovviamente influenzerà e non poco ciò che avverrà in tutta l’America latina e quindi nel mondo. Ed è infantile oltre che s*****o chiudere il discorso dicendo che i cubani sono felici così e se ne fregano delle nostre analisi, forse è anche vero, ma per chi si occupa sia a livello sociale che politico o di studio dell’America latina non può non interessare il suo futuro,anche e soprattutto per i cubani stessi. I processi sono lunghi e dolorosi e richiedono studio e analisi, ben vengano i giorni di studi marxisti sulle guerriglie a Caracas o quelli più vicini alle lotte sindacali (come quello svolto in Messico che magari posterò a breve), i processi rivoluzionari non sono terminati, non sono finiti e sono ancora in via di definizione, anche la stessa rivoluzione bolivariana ha ancora tanta strada da fare. Al riguardo Ciro, mi piacerebbe discutere con te ed ovviamente con tutti voi su l’occupazione della Mitsubishi in Venezuela ed altro, pubblico delle cose e ne riparliamo.
    Cari saluti a tutti voi.
    P.S. OVVIAMENTE ALTRETTANTE ANALISI DOVREBBERO ESSERE FATTE SU QUANTO STA ACCADENDO IN ITALIA E IN EUROPA TUTTA, DOVE CONTRIAMENTE A QUANTO CI HANNO RIPETUTO SOPRATTUTTO NELL’ULTIMO DECENNIO LA LOTTA DI CLASSE è TUTT’ALTRO CHE FINITA. MA FORSE COME AL SOLITO E’ PIU’ FACILE AVERE UN OCCHIO CRITICO ED OBIETTIVO PER CIO’ CHE ACCADE GEOGRAFICAMENTE LONTANO…

    by Annalisa on apr 1, 2009 at 12:10

  38. Gentile Ciro, le tue parole sono molto bele. Da vero lìder, le approvo. Il Vechio avanza, sta a noi amodernare una società. Appunto, no sempre i giovani sono la resposta, Roque anche se giovane encarna el vechio. Bueno Ciro, que resposta tu ai por resolvere i problemi de Cuba? Quando falta il cibo per la disorganizacione del centralismo, quando falta la libertad de parola, porque un giovane cubano no puo legere quel que mas le gusta? Bueno Ciro dopo le bele parole me piacerebe sentir del resposte y idee concrete, grazie. Pippo

    by pippo ibarra on apr 1, 2009 at 12:11

  39. Gentile pippo ibarra, io sono italiano e la risposta concreta la possono solo dare i cubani, ma il principio, che ha delineato bene Isa Conde, e che vale universalmente per tutti i popoli, è costruire sempre maggior Poder Popular, non indietreggiare di fronte alla burocrazia, liberare i poteri creatori del popolo, assumendosi direttamente e collettivamente, quindi organizzativamente sempre maggiori responsabilità e non prestare il fianco alla reazione ripetendo come un pappagallo le stesse s*****aggini che dicono gli ipocriti. La libertà, quella vera, non si mendica, si conquista, nessuno la elargisce, implica assumersi sempre maggiori responsabilità e portarle avanti, costi quel costi, nel dire e nel fare. La libertà richiede sacrificio e coraggio e determinazione, sempre e dovunque. Il popolo cubano questa libertà se la sta costruendo, da decenni, ben più dei cinquant’anni dal trionfo della Rivoluzione, tra mille contraddizioni e nemici potentissimi, imperiali ed imperialisti, che gli hanno negato tutto, dalla carta alle connessioni internet, dagli alimenti al diritto di mettere piede negli USA con una visa regolare. E nonostante questo i cubani sono molto meglio informati e formati in tutti i campi non solo rispetto agli haitiani, fino a poco fa ancora sotto il tallone di ferro della spoliazione, ma anche rispetto all’italiano medio nonostante quest’ultimo sia bombardato di “informazioni” dalla mattina alla sera, nonostante anneghi praticamente in tonnellate e tonnellate di carte e di giornali, per la maggior parte immondizia pubblicitaria e consumismo forzato, indebitato fino alle mutande per un benessere fittizio; giornali, riviste, notiziari che non dicono nulla e che sempre meno leggono e seguono, fortunatamente. Di qualunque nazionalità tu sia, pippo ibarra, mi auguro che possa diventare anche tu un vero lider, umile come Fidel, Hugo, Raul, Manuel e tantissimi altri lideres e proceres, per il tuo popolo e per i popoli del mondo tutto. Saludos

    by Ciro Brescia on apr 1, 2009 at 12:57

  40. Gentile Ciro, La tua risposta no mi sodiafa molto. Cmq sempre melio di niente. Mi spiace, che tu pero parli per steropeti. La situacion a Cuba no e purtroppo quela che tu descrivi, figlia di una letura a mono voce, data dal granma, e leture di regime. Cuba no è quelo che tu pensi, cuba es soferenza. Tu me confronte con haiti, il paese mas pobre del tudo el continente. Cuba no es haiti. Es muito facile confrontare 2 realtà complitamente diverse. Te digo che la palestina cubana no es muito diferente da haiti.Fidel no es umile, es un hombre muito arogante, que piensa que tudo quel che hace es perfcto. Questa no es umilta, mi spiace. L’ informacion, que falta en cuba,ci tratta como un popolo es*****o, perchè qualcuno deve decidere quelo che io leggo o vedo? Sono un bambino, senza capacità. El “umile” Fidel o Raul decide quelo che devo legere o parlare? Ciro spero que veni en Cuba a viver, por un mese, tra i cubani poi vedi come canbi idea. Siempre con masimo respetto por le tue idee, viva la lebertad de parola e pensiero. Que usted tiene giustamente. Pippo

    by pippo ibarra on apr 1, 2009 at 14:18

  41. Basta, con questa schifezza. Isultare il lider maximo, cosi’. Pippo sborra, taci e torna dalla fogna tra i tuoi simili. Avete visto, cosa si sono permessi di fare, questi debosciati, schifosi di venduti al nemico, di blogher cubani; Una perfomance teatrale, vestiti con la sacra uniforme della rivoluzione, chiedendo libertà. Certo hanno potuto fare tutto liberamente, perchè Cuba è libera non come dicono loro, e i penivendoli venduti ai ricchi schiavisti e dominatori. Ciro noi siamo i vincenti liberi e democratici, non serve dirlo, è così e basta, gli altri possono muorire afogati nella loro m***a. Viva la nostra democrazia della loro si fottano. Un uomo libero.

    by bakunin zio on apr 1, 2009 at 14:47

  42. caro Pippo, non potremo mai sapere se sei un vero cubano, se lo sei, non sei certo rappresentativo per il tuo popolo, sei solo un cubano che pur di venir via dal suo paese, invece di lottare per cambiarlo, ti sei sposato una o uno straniero, hai scelto la via più comoda, e cerchi di giustificare una scelta così misera con le difficoltà che attraversa il tuo paese…
    C’è da dire che, per liberarti dal regime oppressivo, non ti sei cercato un matrimonio
    con una donna del Burkina Faso, te la sei cercata abbastanza sistemata in un paese capitalista…
    Vedi, non vorrei ricevere lezioni di vita da un personaggio come te, frequento l’isola da più di 15 anni, moltissimi dei miei amici vivono tutte le difficoltà che si possono elencare tranquillamente, non sono certamente nascoste, e lo fanno ancora con grande spirito rivoluzionario, credono ancora in un ideale che ha portato molto beneficio alla società, con tutti i suoi limiti e nel contesto in cui nasce. Conoscono il mondo esterno, spesso sono più informati di me che arrivo dal “primo mondo”, alcuni sono venuti anche in Italia, e ti assicuro, non hanno cambiato idea, non restano abbagliati dalle perline luccicanti..
    Dici di non voler confrontare Cuba con Haiti? E allora cosa fai… vuoi forse confrontare Cuba con l’Italia?
    Fai uno sforzo Pippo, non pensare che per il fatto che in Italia siamo guidati da un pagliaccio, certo votato a maggioranza, siamo tutti degli stolti… un po’ di teste pensanti ci sono ancora…

    by Paolo Rossignoli on apr 1, 2009 at 15:42

  43. Il povero Bakunin non è mai stato tanto bistrattato credo, e credo anche che il movimento anarchico meriti sicuramente meglio di quanti a sproposito dicono di esserlo, ma poi nella realtà usano un linguaggio simil fascista. E ora chiamatemi pure nemica del popolo

    by Annalisa on apr 1, 2009 at 16:50

  44. Ringrazio invece Paolo e Ciro per la coerenza delle loro condivisibilissime argomentazioni. Abrazos.

    by Annalisa on apr 1, 2009 at 16:52

  45. zio bakunin, pensi che in questo modo esagitato impedirai di dire la propria? Pensi che riempiendo pippo di offese potrai zittirlo? Che cosa hanno fatto i debosciati, gli schifosi? hanno semplicemente chiesto libertà di espressione, questo ti scandalizza tanto? La libertà di espressione consiste non solo nel chiederla, ma anche nello scrivere e pubblicare quello che si vuole.Vedi tu in base alla tua lunga esperienza se a cuba è permesso.

    by nino on apr 1, 2009 at 16:53

  46. Povero Bakunin, stavolta “se pasó’. Anzi “se pasaron”, visto che, di Bakunin (Anarkik, Eliolibre etc.) ce n’è abbastanza per giocare una partita di football (11 contro 11, i Bakunin contro gli Anarkik, con Eliolibre a far da arbitro). Ed ora, per via della grossolanità del suo linguaggio, anche la paziente Annalisa ha finito per mandarlo a quel paese. Io però mi sento di spendere, per lui (loro), una buona parola, anche per evitare che altri lo (li) usino come ombrello. Ovvero: per nascondere, dietro la condanna del linguaggio da lui usato, l’insostenibile leggerezza del proprio pensiero. A me pare infatti che – una volta epurati gli insulti più grevi – le cose che dicono i Bakunin, sono esattamente le stesse che dicono quelli che Ciro Brescia – mai avaro quando si tratta di inanellare luoghi comuni pseudo rivoluzionari — chiama gli “emancipati ed insorgenti”, quando messi di fronte alle questioni timidamente sollevate da Isa Conde e da Annalisa sostengono che il modo migliore per discutere di Cuba è discutere d’altro o non discutere del tutto. Ciro Brescia – che adesso fa l’offeso per via del bla bla bla – pur di non discutere di Cuba ci ha propinato quasi un’ora di lezione di storia del marxismo (ma ai fini della discussione poteva essere anche un corso di cucina e faceva lo stesso) più qualche piuttosto penosa pillola di gramscismo (povero Antonio) sul nuovo che non riesce a nascere ed il vecchio che non riesce a morire. Che fine ha fatto la discussione sul senso del siluramento di Lage e Pérez Roque? E la discussione sulla libertà d’informazione a Cuba? E quello sulle prospettive cinesi? Tutto sparito, come reclamava la brava e molto ortodossa Norylesis, svillaneggiando Serrano. Comunque sia, un passo avanti c’è stato. Annalisa, ormai, riconosce la necessità di discutere di Cuba. Ancora ha paura di discuterne, ma almeno dice che è giusto farlo. E chissà che, un poco alla volta…

    by mc on apr 1, 2009 at 19:11

  47. Brevissima nota per Paolo Rossignoli. Interpreto il tuo intervento rivolto a Pippo Ibarra – “sei solo un cubano che pur di venir via dal suo paese, invece di lottare per cambiarlo etc. etc,” — come una piena rivalutazione di coloro che hanno scelto di restare a Cuba per cambiarla. Ovvero: a tutti coloro che, nel marzo del 2033 ( ed anche prima e dopo del marzo 2003) hanno subito condanne molto prossime all’ergastolo per avere espresso la propria opinione. O anche, più in generale, a tutti coloro che, per il solo fatto di dissentire, sono stati privati dei propri diritti di cittadinanza e della loro dignità di uomini. Perché, se così non fosse, caro Paolo, il tuo intervento sarebbe molto, ma molto più volgare di quelli propinatici dal ruspante Bakunin.

    by mc on apr 1, 2009 at 19:23

  48. Cavallini, ti pregherei di non trarre conclusioni del tutto personali sul mio pensiero né su quello di altri. In poche parole non strumentalizzare, come al solito.
    Uff.. che fatica ragà…

    by Annalisa on apr 1, 2009 at 19:40

  49. Annalisa, l’interpretazione dell’altrui pensiero è il sale di ogni vera discussione. Ma non voglio arrecarti ulteriori fatiche. Chiudo qui. Ciao

    by mc on apr 1, 2009 at 20:33

  50. gentile Paolo, quelo que tu dici corrisponde al vero, ti sei dimenticato di dire e robo il posto a qualche italiano. Cosa vuoi noi abronzati (io poco) ci piaciono le perline e anche le sveglie, che amiamo metterle a colo. I tuoi amici, rimasti a Cuba, per cembiare la situazione, e combattere, sono dei mie eroi, io invece sono un codarto, che preferisce i lussi, e inviare qualche soldo, a mia madre, mio fratelo, finalmente anno un bagno in casa e acqua corente, cosa molto poco ribolucioaria vero Paolo. Vedo che tu ai una casa editrice, que publica tute le mentire del regime, mi spieghi, perche io, o qualche altro cubano non poso avere una casa editrice a Cuba, e publicare le mentire di berlusconi. Certo, l’ europeo, che tiene amici Cuba, è superiore noi cubani, siamo il zoo, da vedere come è belo il socialismo reale, ma per carita, non cambiamo nula se no il sig paolo a cuba no se diverte piu’. saluti da un furbone, che sta lontano da la sua tera per lavorare. Pippo

    by pippo ibarra on apr 2, 2009 at 08:42

  51. Malgrado venga continuamente tirato in ballo (quale onore!) non partecipo a questo gioco dove due squallidi personaggi più volte smascherati attuano la tattica in voga nei nostri media “liberi di proprietà dei padroni” di nascondere l’enorme crisi del capitalismo, in atto da molti anni, direi dalla nascita e rivelatasi chiaramente agli occhi di tutti nel 1929, ma tenuta opportunamente nascosta, sviando la questione verso i presunti “paesi canaglia” di turno. Quì quando si parla di Cuba il discorso viene abilmente portato sul solito binario del presunto criminoso governo cubano che nega, affama, incarcera e viola i diriti umani. Cuba è un paese allo stesso modo semplice e complesso, la sua storia e la sua realtà meritano d essere capiti ed affrontati con lo spirito di chi si chiede come sia possibile che un popolo di un’area tra le più depresse del mondo sia riuscito a resistere alla più lunga e criminale aggressione della storia ed allo stesso tempo essere arteficie di eccellenze che tutto il mondo invidia.
    Mi permetto pertanto di invitare un’altra volta tutti a non alimentare questa tattica portata avanti da un abile professionista in denigrazine sopportato da uno stolto, accoppiata perfetta per questo scopo.
    NON DATEGLI CORDA! Ciò serve solo ad alimentare il loro egocentrismo e la loro tattica denigratoria. E non fa onore a questo blog.
    Adios

    by Eliolibre on apr 2, 2009 at 12:40

  52. Dopo il procesino, avuto dal jefe de sector paolo e dal cdr, del blog,e dopo aver ammeso le mie colpe. Torniamo a parlare del post, mi sembra que dimintichiamo que la persona que ha sostituito Roque Ramiro, è un fedele a Fidel,persona sempre vicina al coma-andante. Quindi da qui vediamo que i rapporti tra i frateli secondo me sono sempre saldi.

    by pippo ibarra on apr 2, 2009 at 12:41

  53. pippo, da un sostantivo, che hai inserito nella frase, forse ho capito che ascolti i “porno para ricardo”, gruppo punk cubano.Dimmi, se vuoi,qual è la situazione nell’isola per questi gruppi musicali non ortodossi, banditi dai circuiti ufficiali?

    by nino on apr 2, 2009 at 13:14

  54. La domanda, e bella. Molto precisa.
    La musica a Cuba e importante, per una lunga tradicione, per grandi composotiri e musicisti. L’ aparato, la controla molto, gestendo le scuole de musica, gli spazi dove suonare, la distribucione dei dischi y la loro difusione. Abel Prieto en qusto en un maestro.(per buena pace di Paolo, le figlie di Prieto sono sposate in Italia tute due)I grupi al di fuori, del circuito delo stato, sono ritenuti pericolosi. Gli spetacoli sono clandestini, come la difusione dei dischi. Vengono molto speso controlati, arestati,con la solita pericolosita preventiva o per false storie di trafico de droga. I porno sono queli piu’ famosi, ma esistono altri.I loro comportamenti sono anarchici, no filo americani. Ricordano molto i grupi italiani dei centri sociali, nei testi e comportamienti. Poi il Prieto, usa enfiltrare molti musici, apartenti al minint. Isoma no è una situazione facile. Cmq rimane una realta, molto interesante, con molti spunti per capire la realida Cubana. Andate a vedere il sito dei porno para ricardo, ce sono dei comenti dei giovani cubani, molto interesanti. Mi spiace per Paolo, ma sono un po fuori dal coro, di quelo che racontano i suoi amici, que chiaramente dicono el vero. Pippo

    by Pippo Ibarra on apr 2, 2009 at 14:48

  55. …Strano giusto la settimana scorsa tre miei amici de la Habana sono andati ad un concerto dei Porno para Ricardo…molto strano!!!

    by Anonimo on apr 2, 2009 at 14:58

  56. Dove? alla casa dela musica.…..pippo

    by pippo ibarra on apr 2, 2009 at 15:01

  57. …no vicino al teatro Karl Marx!!!!

    by Anonimo on apr 2, 2009 at 15:04

  58. Vicino no dentro..jajaj quel giorno che arestado el basista ciro?…pippo

    by pippo ibarra on apr 2, 2009 at 15:07

  59. …No non fare confusione!
    C’è un locale che con un ampio parcheggio ed hanno suonato.…

    by Anonimo on apr 2, 2009 at 15:09

  60. Eliolibre, se Cuba è, come scrivi, un paese semplice e complesso, occorre dire che tu le somigli molto. Perché molto semplice, direi decisamente ingenuo, è il tuo tentativo di far credere che, fin qui, tu sia sdegnosamente rimasto fuori da questo dibattito. E, nel contempo, perché molto complesse, anzi, incredibilmente complicate, sono relazioni tra te ed i molti membri della tribù che, in tua vece e con un linguaggio inconfondibile per passione e la burbera volgarità, sono ripetutamente e perentoriamente intervenuti, mettendo a dura prova, per la loro insultante aggressività, la pazienza e la proverbiale mansuetudine di Annalisa. Tu stesso, del resto, ci hai più volte, sebbene non richiesto, spiegato, con biblico linguaggio, come, più o meno, stanno le cose; “All’inizio era Elio Bonomi, poi Elio Bonomi felicemente s’accasò con una cubana e dal matrimonio nacque Eliolibre. Quindi Eliolibre partorì Anarkik, Bakunin ed altra progenie. E i Bakunin a loro volta si moltiplicarono e con con l loro pseudonimi popolarono la Rete, eccetera eccetera, eccetera… Scherzi a parte, Eliolibre, qui tutti ti vogliono bene. E nessuno, ne sono certo, desidera che al libro della “genesi” da te più volte narrato, segua quello dell’ “esodo”. Continua ad intervenire Elio, da solo o con tutta la stirpe, ma fallo partendo da un elementare concetto: non ha senso partecipare a un dibattito, solo per dire – e spesso con male parole – che non bisogna dibattere. Perché proprio questo – con o senza insulti – è quello che tu stai facendo.

    by mc on apr 2, 2009 at 15:10

  61. @anonimo, se te interessa el prosimo concerto dei porno, e presentacione del disco “I love minint” e il 4 april, en casa privada calle35 42y43 3 piso a playa. Prieto, se vede que no teneva locale, da dare jajajaja…

    by pippo ibarra on apr 2, 2009 at 15:18

  62. …casa privata?…allora possono suonare anche in casa private?

    by Anonimo on apr 2, 2009 at 15:36

  63. presentaciones del disco “I love minint” e il 4 april?…fanno anche dischi?

    by Anonimo on apr 2, 2009 at 15:37

  64. Visto que in spazi publici no si puo.….Pensavo que torno a Cuba, di ocupare uno spazio e fare un centro sociale. Mi aiuti anonimo. Cmq a domanda monga, te do resposta, en casa se puo, basta terminar prima dele 22. Questa è na mecanica por suonare, liberamente. pippo

    by pippo ibarra on apr 2, 2009 at 15:42

  65. quindi si puo suonare tranquillamente in casa privata,giusto? Come qui se il concerto o la manifestazione non é autorizzata?Se proprpio insisti lo possiamo fare un centro sociale non vedo dove sia la difficoltà

    by Anonimo on apr 2, 2009 at 15:47

  66. Se legi quelo que scrivo, o detto que vengono fati i dischi, in maniera ilegal, pq l’ aparato no fa legal…caro anonimo, que fa il furbetto. Te digo que la situacion por i grupi alternativi e molto dificile. Anche la semana pasata anno arestado ciro el basista. Ma te ripeto, va vedere il loro sito e tuto espligado. pippo

    by pippo ibarra on apr 2, 2009 at 15:48

  67. possiamo anche fare un disco se proprio vuoi
    e presentarlo.

    by Anonimo on apr 2, 2009 at 15:49

  68. …ma scusa come lo sai tu che il 4 Aprile c’é la presentazione del disco dei porno para ricardo,penso che siano in tanti altri a saperlo.…

    by Anonimo on apr 2, 2009 at 15:50

  69. tranquilamente è na parola grande…jajja
    Bueno, se per te no ce problema fare un centro socialòe autogestito a Cuba va bene..jajajja, sei simpatico, torna a giocare, con soldatini…jajaj pippo

    by pippo ibarra on apr 2, 2009 at 15:51

  70. Anonimo,anonimo, vai ver il sito,dei porno para ricardo, a Cuba è oscurato…ma qui se vede…jajajja. Guarda que piu vai avanti piu ti encarti, pq stai demostrando que no ce libertad a Cuba. A mi fa piacere le tue domande prego, ancora..jajajjaja pippo
    P.S. bravo Nino, hai saputo tocare un tasto giusto…

    by pippo ibarra on apr 2, 2009 at 15:55

  71. calma!! ti ho fatto una semplice domanda.
    Sul sito c’é anche scritto che Ciro é stato trattenuto per due giorni, ora é fuori, Qualcuno qui in Italia ha parlato non più di 4 giorni fa via chat, e non solo con lui

    by Anonimo on apr 2, 2009 at 16:00

  72. Yo no so cantare e suonare. Mi spiace, cmq se chiedi a Eliolibre, la sua amiga Liliana hector nota spia del minint, lei no tem problema de suonare cantare, avere spazi.…jajaj pippo

    by pippo ibarra on apr 2, 2009 at 16:00

  73. Che strano l’ho proprio davanti agli occhi…el Sitio!

    by Anonimo on apr 2, 2009 at 16:01

  74. Da Cuba?.…jajaj pippo

    by pippo on apr 2, 2009 at 16:03

  75. …si si si proprio da Cuba!

    by Anonimo on apr 2, 2009 at 16:05

  76. digame dove usted sta en Cuba..jajajja…

    by pippo ibarra on apr 2, 2009 at 16:07

  77. Claro, estoy a la Biblioteca Nacional!!!!

    by Anonimo on apr 2, 2009 at 16:08

  78. Se sei estudiante, tieni una residenza digame quanti numeri esta sul tu carnet de identita, nel angolo. jaja Scusa guarda se apre desdecuba.com grazie jajja escusa puoi farme un piacere te mando mi fratelo,que no capisce, le istruzione del pc que envio, tu puede esplicarle..gracias.

    by pippo ibarra on apr 2, 2009 at 16:14

  79. Dove stai al habana?

    by pippo ibarra on apr 2, 2009 at 16:17

  80. no! no! semplice turista! Mandalo tuo fratello avrò il piacere di conoscerlo!Comunque carino el sitio!

    by Anonimo on apr 2, 2009 at 16:19

  81. Si! A La Habana.

    by Anonimo on apr 2, 2009 at 16:20

  82. dove a l’ habana?

    by pippo ibarra on apr 2, 2009 at 16:22

  83. in questo momento?

    by Anonimo on apr 2, 2009 at 16:24

  84. Certo que le cose cambia en Cuba, tu turista puoi usare il pc, con internet en bibliotea nacional…que bueno…por el cubano deve esere estudiante, e aspetare 3 o 4 ore por usare il pc. Tu como turista sei libre. Veridad a Cuba, todo por lo extraniero, nada por el cubano…pippo

    by pippo ibarra on apr 2, 2009 at 16:26

  85. no la vivenda, dove stai la zona…quanto paghi…ecc.

    by pippo sbarra on apr 2, 2009 at 16:27

  86. …tutto quello che vuoi ma il sito dei porno para ricardo se vede! Sono con la mia famiglia cubana.“Playa”!nella 19

    by Anonimo on apr 2, 2009 at 16:32

  87. bene sono contento, se vede que qulache nima buena lo ripete. Be sei vicino dove fano el concierto, vai vedere è na buena esperienza. Poi le lasci un 20 cuc, diventi eroe por na causa giusta. Mi mama me dise un hora fa que piove ala lisa. pippo

    by pippo ibarra on apr 2, 2009 at 16:37

  88. ahora no! ci sono circa 30–34 °C.
    ieri la temperatura era di circa 20–25°.
    …Mi mama me dise un hora fa que piove ala lisa..
    no sé, yo no lo he sentido

    by Anonimo on apr 2, 2009 at 16:47

  89. ACC::!!! non ci si può assentare mezza giornata che ne arrivano di tutti i colori…

    Per MC: fai quello che vuoi, ma se interpreti in questa maniera non puoi lamentarti se la gente ti insulta, sei proprio in malafede… te l’ho ripetuto varie volte, siamo due persone diverse, che vivono e agiscono in maniera diversa,ti chiedo ancora una volta di non volermi coinvolgere nelle tue paturnie.
    Tutti noi abbiamo capito che sei un viscerato anticastrista, non mi importa il motivo,fatti tuoi, ma insomma, non è che puoi prendere e rigirare tutto a favore di questa tua ossessione…

    by Paolo Rossignoli on apr 2, 2009 at 17:01

  90. Vedo que ale mie semplici risposte e domande signor Paolo no rispendi. Forse l’ ho meso in dificoltà. Un furbetto che lavora per mantanere la sua famiglia Pippo.

    by pippo ibarra on apr 2, 2009 at 17:36

  91. Per Pippo,
    Non capisco dove sia la difficoltà nel costatare che a Cuba non avrei mai potuto aprire una casa editrice, è chiaro, molto semplice, Cuba è un paese socialista, libero e sovrano, dove l’iniziativa economica privata è regolamentata sulla base del pensiero socialista, non si tratta di libertà di stampa, non è possibile aprire nemmeno una clinica privata, un cinema privato, un autonoleggio, una cartoleria, un distributore di benzina, una linea marittima, una raffineria, ecc. ecc.
    Per cui Pippo, molto semplice, si può credere alla società socialista o credere alla sociatà capitalista. Si può scegliere se accettare meglio i limiti e i difetti di una o i limiti e i difetti dell’altra,
    La pensiamo in maniera diversa, chiaro, ma ripeto, tu non rappresenti i sentimenti maggioritari del popolo cubano, come io non rappresento i sentimenti maggioritari del popolo italiano (aime!).
    Non ci vedo nulla di strano, quello che non mando giù sono le falsità e i voltagabbana…
    I miei amici non sono tuoi eroi, sono persone, che a fronte di tutte le difficoltà, credono ancora nei valori del socialismo, e te lo assicuro, criticano le cose che non vanno, glie errori compiuti dai dirigenti, ma non criticano il socialismo e la rivoluzione. E continuano a lavorare, con entusiamo per il proprio paese, mentre, e questa è la differenza… ti sei allontanato dai tuoi affetti più cari, dal tuo bel paese, dai tuoi amici… …per lavorare.…

    by Paolo Rossignoli on apr 2, 2009 at 17:36

  92. e poi caro pippo.… se il volgare drogadito mezzo punk Porno para ricardo è la massima espressione di dissenso alla Rivoluzione, siete messi proprio bene…
    jejejejehhhh…

    adios, vado a ritirare un carico di Tukola che mi è arrivato ora…

    by Paolo Rossignoli on apr 2, 2009 at 17:41

  93. Parlare de cuba bisogna conoscerla caro Paolo, no essere presentuosi.
    1) a cuba nesuno vieta la socità privada, mi spieghi perchè esistono le societa miste?
    2)Benetton, ha piu’ di 1000 negozi nele stazioni di servicio (esempio).
    3) Il problema que l’ ultime persone que anno provato a fare un agenzia di stampa libera hanno preso 20 anni di galera.
    Tu e mi spiace dirlo sei razista nei mie confronti, pq la penso diverso da te. Mi dici che sono una bruta persona pq, lavoro, ho dato una vita migliore a mia madre e mio fratelo.
    Lo sai visto que vai da 15 anni in Cuba, que ce la fame? Perchè i chavitones di partito se roba tuto. Ma queste cose noi no posiamo protestare perche?
    4) quando parlo di liberta di stampa a Cuba manca, lo stato mi costringe a legere quelo che vogliono loro, ripeto visto que non hai resposto pq siamo dei bimbi e. st.upidi.
    Spero che i toi amici tu li aiuti, in qualche maniera. Qui no se parla de rivolucion, perchè devo esere un delinquente se voglio dire la mia idea a Cuba? Paolo, con tuto el rispetto se fa presto a fare il comunista co la pancia piena. Se come dici tu que a Cuba la maggioria non la pensa come me, perche no se fa un refèrendum, vamo a ver qui gana?
    La verità e que le persone come usted, ama vedere e tratarci come in uno zoo. Cmq grazie per la resposta se pur evasiva. Si recordi la prosima volta de dire che robo el lavoro alli italiani. Nel final. ho fato legere la su post aqui en sindacato Cgil, me hanno chiesto se eri un leghista.…pippo

    by pippo ibarra on apr 2, 2009 at 17:53

  94. Vedi Paolo, quando no se argomenti tutto e bueno. Il Gorki è un espresione libera niente de piu’, ma da fastidio, pensa come e mesa la libertà a cuba. Da fastidio e fare paura un povero ragazino punk. Medita Paolo. pippo

    by pippo ibarra on apr 2, 2009 at 17:56

  95. Paolo, essendo dotato di viscere, sono sicuramente “viscerato” (e presumo che anche tu lo sia). Ma non sono affatto un “anticastrista” (e tantomeno viscerale, come forse volevi scrivere). Anzi: credo che lo stesso concetto di anticastrismo sia (come quello contrapposto di castrismo) del tutto superato. Vero, invece, è che io e te siamo diversi. Io amo la discussione, tu ne hai paura. E al dibattito sui contenuti preferisci le insinuazioni (come quelle, molto meschine, sulla vita personale di Pippo Ibarra) gli insulti e le scomuniche (del tipo, per l’appunto, tu sei un anticastrista “viscerato” e con te non ci parlo). Se parlare del caso Lage-Pérez ti fa tremar le gambe, vai pure, Paolo. Ma – se non vuoi rischiare, più di quanto tu già abbia fatto, di sembrare in malafede — non coprire le tue paure dietro altrui “ossessioni”. Ti lascio shakespearianamente, parafrasando l’Amleto: in cielo e i terra ci sono molte più cose, Paolo, di quello che le tue “Mesas Redondas” (o i libri che tu pubblichi) vorrebbero farti credere….Alza dunque gli occhi al cielo, Paolo. Alzali e guarda. Guardando, forse eviterai di commettere l’errore – gravissimo per un editore — di affermare ridacchiando che “il volgare, drogadicto mezzo punk Porno para Ricardo” è l’unica espressione “del dissenso alla Rivoluzione”. Davvero non sai che, tra i dissidenti, si trovano quasi tutti i migliori scrittori cubani delle ultime due generazioni (Reynaldo Arenas. Cabrera, Infante, Heberto Padilla, Raúl Rivero)? Guarda in alto, Paolo. Guardando eviterai di pubblicare le opera (chiamiamole così) dei peggiori pennivendoli del regime. E la tua reputazione ne guadagnerà.

    by mc on apr 2, 2009 at 18:31

  96. c***o! un’altro blog finito in m***a!!!! Succede quando si sta al gioco dei farabutti. Se si parla di qualsiasi altro problema, nessuno o pochi commenti, se si parla di Cuba, centinaia. Peccato si tratti di spazzatura inquinata dall’anticastrismo di un facinoroso e dai suoi “finti aiutanti”.
    Mi viene la nausea solo a leggerli.

    by PCCCPPCP on apr 3, 2009 at 01:03

  97. no, non farti venire la nausa, PCCCPPCP, discuti e basta. Che è l’unico modo. Discuti per far valere le tue idee o per capire quelle degli altri o anche per metterle in discussione, le une o le altre. Discutere è un buon esercizio, sempre. Insultare e farsi venire il sangue marcio no. Naturalmente non vuole essere una lezione di vita ma il consiglio di una persona che ha imparato con fatica e sulla sua pelle : - ).

    by Anonimo on apr 3, 2009 at 01:15

  98. Questa note, mentre lavoravo, cioe robavo il lavoro agli italiani,e tradivo la rivoluzione, come dice il simpatico leghista Paolo.( di Verona la cita piu di destra del veneto),pensavo, ma se domani, in Italia arivese 2 giornali soli, diretti uno da E. Fede e l’ altro G. Ferrara. Una tv con un tg solo, direto da Facci. Bene, tu paolo non puoi publicare i libri, qui non si puo scribere. La musica viene recensita dalo stato, e censurata dal ministro dela cultura Bondi.Paolo,eliolibre, l’ anonimo che sta su al 19 a playa( scusa ma 19 a playa dove e?) insoma queli che a qualsiasi costo difendono la ribolucion d cosa direte? vi do tempo 30 dia, poi vediamo. Pippo

    by pippo ibarra on apr 3, 2009 at 08:47

  99. Gentile pccppp, se no se controbatere meglio stare a Cuba dove tuti ziti e muti, si ripetono solo le parole de lìder. Pccppp,se te gusta cosi bueno, la vita per le persone corte de testa è piu semplice cosi. Qui sai bisogna ragionare, poi te fa male la testa…pippo

    by pippo ibarra on apr 3, 2009 at 08:51

  100. dissentire dal potere, qualsiasi colore abbia, è un diritto sacrosanto, che dovrebbe far parte di tutte le costituzioni di questo mondo.A cuba la costituzione, che ricalca quelle degli stati del socialismo realizzato, stabilisce la libertà di espressione limitatamente ai principi del socialismo, il che permette al legislatore cubano, le cui leggi non sono sottoposte nemmeno al sindacato di legittimità da parte di una corte costituzionale, di rendere molto difficile la vita a tutti coloro che lo contestano.Che chi dica questo sia etichettato come farabutto la dice lunga sulla volontà di discussione e tolleranza da parte di alcuni personaggi.

    by nino on apr 3, 2009 at 09:52

  101. @Paolo,il leghista ribolucionario. Buona la Tukola, prodoto, ribolucionario de la ciego montero. Il vero prodoto de la ribolucione Svizero-Cubana. Ciego Montero, societa al 51% cubana 49% nestlè, societa con fondamenti alti de la ribolucione socialista mondiale. Importada en europa da una socita Svizzera, controlata al 100% da la nestle.
    Paolo forse se te asoci con mondadori puoi fare la casa editrice en Cuba. jajaj Pippo. Viva la rebulicion, viva J.Martì viva G. Tell.

    by pippo ibarra on apr 3, 2009 at 10:22

  102. –Qui sai bisogna ragionare, poi te fa male la testa…pippo–
    Porca vacca! Ma le spari proprio grosse! Ma si sà, più uno è scemo più si crede intelligente.

    by Pippo Pippa on apr 3, 2009 at 11:05

  103. perché le spara grosse, scusa?

    by Anonimo on apr 3, 2009 at 14:06

  104. Parlare de Cuba, e dificile. Qui come in altri blog, forum, si parla di cose que neanche si conoscono. Paolo, per esemplio, conferenciere di Cuba, invitato a convegni, che guadagna parlando e vendendo cose de Cuba que conosce per sentido dire da la mentira de stato, che lui da buon E. Fede de cuba spacia per realida asolute. Eliolibre e Tribu’stano a Cuba a fare i signori, con amicizie va be.…Gente que se inventa de esere in bibliotca nacional, a navigare en internet, que dice no ce problema ad ocupare uno spazio a Habana. Apena se parla e se discute de cose reali se insulta, pq no ten risposte.
    Io chiedo ma nesuno me responde seriamente. Pongo un altro argomiento le banche a Cuba. Lego sui giornali que i 20 anno deto que bisogna fermare i paradisi fiscali, ma no se parla de Cuba. Voi sapete que el banco financiero internacional, da el 15% de interesi sul conto in euro? bfi, e una banca off shore,a tuti gli efeti. Paolo quando parli de socialismo, cubano pq no spieghi anche queste cose? Forse nesuno de le a dete? Eliolibre con amici potenti en Cuba pq no chiedi qui tiene i conti? Magari qualche industriale italiano que mete in cassa integrazione i propi lavoratori. Io sono scemo.….e mi credo intelligente Pippo

    by pippo ibarra on apr 3, 2009 at 14:48

  105. …sei sicuro di quello che hai scritto!?
    […]Paolo, per esemplio, conferenciere di Cuba, invitato a convegni, che guadagna parlando e vendendo cose de Cuba[…]

    by Anonimo on apr 3, 2009 at 15:54

  106. per Cavallini:
    pensavo che, a differenza di me, fossi un attento lettore della narrativa cubana, e invece?… ripeti i soliti nomi comodi per l’accanimento contro Cuba…
    Reynaldo Arenas, Cabrera, Infante, Heberto Padilla, Raúl Rivero.… che ridicolo che sei, fatti un giro per la fiera del libro a La Habana.… ci sono centinaia di buoni scrittori e poeti, che però in occidente non se li fila nessuno perchè restano legati alla rivoluzione…
    Se ti capita leggi qualche buon libro premiato al concorso internazionale de la Casa de las Américas.
    Con un po’ di attenzione in più poi avresti dovuto notare, prima di parlare a vanvera della mia reputazione, (anche se della tua opinione non me ne frega proprio niente)che la mia piccola e modesta casa editrice non tratta nemmeno la narrativa estera, faccio solo libracci che danno fastidio a quelli come te.….. Pubblico queste cose mentre tutti i quotidiani, agenzie e pennivendoli facevano da eco, te compreso, a tutte le propagande anticastriste…
    Gli stessi che portavano in palmo di mano un certo Nestor Baguer, “giornalista indipendente” portavoce stipendiato di RSF, per poi scaricarlo e denigrarlo quando si rivela in realtà essere un vero rivoluzionario… ejejejej…
    Comunque attendo sempre l’apertura di una tua casa editrice per poter ricambiare i complimenti… adios

    by Paolo Rossignoli on apr 3, 2009 at 16:00

  107. lo ripeto Ibarra, sei sicuro di ciò che hai scritto?

    by Anonimo on apr 3, 2009 at 16:02

  108. senti pippo, non pretendo che tu possa aver capito tutto dell’Italia e degli italiani, però dovresti riflette un attimo prima di parlare di qualcuno…
    Finora non mi sembra di essere mai venuto a mangiare a casa di tua moglie, per cui, se vuoi farmi i conti in tasca dovresti un po’ approfondire.…
    Credi veramente che ci sia qualcuno che ci guadagna nelle conferenze su Cuba?
    Si è vero, qualche volta mi ospitano a cena, e pensa, a volte ho anche ricevuto un rimborso benzina…
    Non credi che se avessi rincorso il facile guadagno avrei scelto di pubblicare un certo tipo di autori, magari come quelli indicati dal Cavallini?
    Ti assicuro che si vende molto di più se pubblichi contro la Rivoluzione..
    Visto che sei andato a vedere i vari siti dove sono presente, avrai notato che molto del mio tempo lo passo in militanza volontaria per il partito e per l’associazione… se volessi fare una scelta del profitto puro… mi dedicherei ad altro…

    È vero, vivo nella città più leghista e fascista del veneto e non solo,
    È vero, io al limite posso rappresentare il 2% della mia città, come tu lo rappresenti di Cuba d’altronde…

    Per la Tukola, ti posso rassicurare, tanto per farti notare che sentienzi su cose che non conosci, che in anno sono arrivati tramite un piccolo importatore, solo 2 container, distribuiti in maggior parte tra associazioni svizzere e italiane per quando si organizzano feste a favore di Cuba… vedi come non conosci…
    Ti lamenti che a Cuba dovevi subirti le solo le notizie del Sistema, e in Italia? Continui a subirti le notizie del sistema… bravo!!!

    by Paolo Rossignoli on apr 3, 2009 at 16:25

  109. se poi pippo, mi tocca insegnarti anche di Cuba, la Avenida 19 è quella che separa Miramar da Marianao in Municipalità Playa…
    adios

    by Paolo Rossignoli on apr 3, 2009 at 16:28

  110. Gentile Paolo, que tu prenda poco o tanto, no e importante. Bisogna conoscerle le cose, lasia perdere la Tukola, que cmq e prodota dala nestle’. Infati e importata dagli svizeri. Yo so contento se vendete un po di tukola, anzi se me capita vengo a berla. Tu hai fatto un ataco razista nei mie confronti, anche se firmi le petizioni per gli stranieri dentro sei leghista. Tu mi acusi de esere un jinetero, que se sposa per il documento, il tuo sindaco Tosi, me pare facia lo steso discorso, o sbaglio. Se voi siete acecati da ideologia, e ofendete, yo mi defendo e peso le tue parole, que sono di odio verso gli stranieri, magari in sub concio ma e cosi.
    Vedi Paolo, tu sei libero di fare e dire, di vendere quelo che vuoi,per fortuna. Ma ti chiedo de nuevo, pq io en Cuba no poso stampare le mentire di queli di Miami? semplice, tu vivi en paese democratico a Cuba no e cosi. Quando parli de socialismo, me gusta, ma a Cuba no es socialismo. Te parlo de banche, de propieta privada…Me pare que sei tu que te asorbi solo la mentira de stado, senza critica. Se a mi Bercolusconi me dice que “vamos bien” so que e na mentira, me informo, lego pareri diferenti, la esquola, no e de partido. Io domani sono a Roma por la manifestazione, sono libero de encontrarme parlare contestare; pq a Cuba se facio questo sono anti rivolucionario quindi colpevole. Ecco la diferencia. io da democratico te digo que spero que a Verona tu abbia il 2% dei voti ma il 10% dei voti, pq na democracia esiste se le forze sono equilibrate. Tu prova a vivere fino da picolo con la paura de sbagliare a parlare. Tu sai que yo avevo la tesera del giovani comunisti, e prima di partire il mio delegado me dise que se no partivo me dava la tesera de il partido, tu sai que vuol dire a Cuba. Quindi conosco molto bene tute le dinamique, la mentira e la veridad. Cmq con molto piacere ala prosima festa que fate vengo…pippo

    by pippo ibarra on apr 3, 2009 at 16:59

  111. @v. domani ala manifestacione suonano i Modena city ramblers, que gosto…pippo

    by pippo ibarra on apr 3, 2009 at 17:10

  112. sempre per costatare che parli di cose che non sai: la Tukola arriva dalla Svizzera solamente perchèè da 35 cl,
    in Europa (comunità europea) le lattine devono avere la misura di 33 cl per legge, in Svizzera no…
    la nestlè ha partecipazione nella società mista solamente per aver acquisito la San Pellegrino, l’azienda che aveva precedentemente fatto l’accordo con il governo cubano. Cosa ben diversa da proprietà privata che vorresti indicare con il post 93.…

    by Paolo Rossignoli on apr 3, 2009 at 17:15

  113. Paolo, no me sembra questo il posto giusto, per paralre se vuoi ci vediamo e te spiego tuto. Lascia perdere con me de questo que ne so molto. molto. Nel final, vero que la san Pellegrino era la socia, ma la nestlè grazie, ai tuoi amici di Svizera-Cuba, e qui me fermo…Ora tiene la pripieta de la ciego montero. De tode el gelado en cuba, dele boteghe rapido.
    La nestlè grazie a Lage, ha la propieta per i prosimi 99 ani de quasi la totalita, de le fonti de acqua dolce en cuba. La nestlè esporta l’ acqua, in haiti e panama. l’ acordo con san pelegrino era un acordo tecnico, me sembra que la nestle abia fato un passo un po piu grande. Paolo, no me gusta la broncha, me piace dialogare, se tu tieni informacioni diverse mi fa piacere, questo e il belo dela democracia. Cmq come sempre no rispondi a dele semplici domande, ma parli di altro va be conosco il sistema, mi sembra de esere a casa. abrozos pippo

    by pippo ibarra on apr 3, 2009 at 17:30

  114. hei pippo, guardati bene intorno, vedrai quante belle bandiere cubane che ti ritroverai alla manifestazione e al concerto de MCR.… ejejejej…

    by Paolo Rossignoli on apr 3, 2009 at 17:33

  115. tanto per finire, l’ acordo con nestlè, que a con coca cola, philips moriss ecc. dice que no posono importare diretamente en europa,e sud america la tukola. Acordi nel nome del socialismo…pippo

    by pippo ibarra on apr 3, 2009 at 17:35

  116. sono molto felice, de vedere le bandiere. Pensa que la porto anche io. pippo

    by Anonimo on apr 3, 2009 at 17:36

  117. Tîpico de CANALLAS mencionar aspectos de la vida privada de las personas que intervienen en esta pâgina.
    Son aquellos que en tiempos de dictadura se transforman en informantes de los verdugos.
    Reitero, con los enemigos no se dialoga, se les denuncia y se les combate.
    Mâs les vale que respeten este espacio y se ubiquen en la trinchera que les corresponde.
    Concuerdo con PCCCPCP, la escoria anticubana pretende inquinar los medios que se contraponen a la prensa monopôlica controlada por los magnates del imperialismo mundial.

    by Pedro on apr 3, 2009 at 17:42

  118. - l’esportatore è la CIMEX, e tu sai bene che non prende facilmente ordini da chiunque.
    - ti ripeto, le lattine cubane non possono essere importate in europa,
    - il limite de Ciego Montero sta proprio che la fonte di acqua minerale non è molto grande, dopo la produzione per le necessità interne esportano solo un po’ in Canada e poco nel caribe, + questi due container per lo spirito di amicizia.
    - le imprese miste hanno carattere decennale, rinnovabile quanto vuoi, ma solamente ogni 10 anni… è normato dalla legge.
    - probabilmente il governo cubano, visto il bloqueo in atto, no ha trovato nessun altro in grado di costituire una società per sistemare le fonti e l’industria per la produzione di bevande e l’imbottigliamento. La scelta, forse obbligata, non è certo delle più felici, c’è da dire, per correttezza, che la Nestle in questione, anche se non meno grve, è solamente la Nestle Brasiliana, visto che anche la Nestlè vuole tutelarsi gli affari negli USA.
    - Carlos Lage: questo potrebbe essere l’argomento giusto, se veramente fosse stato allontanato per errori o leggerezze
    nela gestione Nestle, dimostrerebbe che
    a differenza che da noi, si prendono provvedimenti anche nei confronti di chi sembrava intoccabile… questo mi sembra buono e molto socialista…

    ora vado.. adios pippo

    by Paolo Rossignoli on apr 3, 2009 at 17:53

  119. Per finire, le tue informacioni sono corete, ma imprecise. cmq, lage es un ladron, io sono molto contento es fue…cmq con piacere se vuoi te incontro e dividiamo le nostre conocienze, potrebe esere utile por el bene de Cuba. Tanto io sto nel interior de Venezia. pippo

    by pippo ibarra on apr 3, 2009 at 18:00

  120. Caro Paolo, quel tuo “ejejejeje”, al termine della storia di Baguer (il quale, mi par di capire, è uno dei tuoi modelli di vita), è davvero il più fedele suggello – una vera e propria firma – del tuo modo di essere. Come uomo e come editore. Trattasi, infatti, della classica risata dello sbirro. Così, certamente, ride Baguer (poiché proprio questo sono Baguer e gli altri eroi di “Disidentes”: sbirri”..Così ridi tu. E così, probabilmente, ridevano anche gli infiltrati dei militari argentini (Astiz faccia d’angelo era uno di loro) quando, dopo essersi fatti amici delle famiglie dei desaparecidos, facevano arrestare una delle loro vittime. Rubo, per meglio spiegarmi, le parole che, nel suo ultimo intervento, Pedro ha creduto di usare contro i famosi “nemici coi quali non si dialoga”, ma che, in realtà, calzano a pennello per descrivere Baguer, Paolo Rossignoli (l’uomo e l’editore) e, presumo, anche lo stesso Pedro: “Son aquellos que en tiempos de dictadura se transforman en informantes de los verdugos…”. Continua pure a ridere, Paolo. E buon pro ti faccia.

    by mc on apr 3, 2009 at 19:10

  121. Siempre la misma tâctica.
    Ingresan a un blog con el cuento de que son “dêmocratas”, que condenan todo tipo de dictaduras”, seudo defensores la libertad de expresiôn, etc.
    Es el primer paso. En esta etapa se despiden con “cordiales saludos”.
    Segunda etapa. Comienzan a ironizar y a personalizar el debate.
    Atacan y esconden la mano.
    Tercera etapa y final. Emerge el fascista,agreden y descalifican y hasta se olvidaron del tema en cuestiôn.
    FASCISTAS. NUNCA MAS. NI PERDON NI OLVIDO.
    Tarea para MC: informâte sobre la Lista Valech (Chile), ahî aparece mi nombre. Cuando te enteres, te indicarê mi nûmero.
    Hasta Nunca!

    by Pedro on apr 3, 2009 at 19:35

  122. Pedro, se il tuo nome è nella lista Valech, è perché ce lo ha messo qualcuno come il Baguer che, in sintonia con il governo cubano, il nostro Rossignoli ha elevato al rango di eroe. Proprio il fatto d’esser stato vittima della repressione pinochetista, dovrebbe, caro Pedro, suggerirti di non regger bordone a “aquellos que en tiempos de dictadura se transforman en informantes de los verdugos”. Perché proprio questo è Baguer: uno di quelli che in tempo di dittatura si trasformano in informanti dei boia”. Leggi “Disidentes” e vedrai che non potrai che giungere a querta conclusione. E questo è davvero tutto, visto che tutti i tuoi interventi hanno, fin qui avuto un solo obiettivo: quello di evitare ogni discussione dando del fascista a chiunque desiderasse discutere il vero tema del dibattito, Che era – te la rammento prima che tu attacchi a nasconda la mano una volta di più – la caduta della coppia Lage-Pérez raccontata ed analizzata da Isa Conde.

    by mc on apr 3, 2009 at 20:31

  123. Pedro, mi pare che, nel tuo caso, non ci sia stata né una prima, né una seconda tappa. Tu hai cominciato a dar del fascista a tutti nel tuo primo intervento e così hai continuato fino alla fine. E, proprio perché “con i fascisti non si discute” sul tema in questione non hai detto una sola parola, neppure una virgola. Il tuo passato di vittima della repressione – che, peraltro racconti solo in pillole e solo per coprire i tuoi squalificati attacchi a chi non la pensa come te – merita il massimo rispetto. Ma non cambia la sostanza di una discussione che tu non hai voluto neppure cominciare. Il mio suggerimento: indignati meno e ragiona di più.

    by alex easdale on apr 3, 2009 at 20:50

  124. @ Pippo
    a questo punto lo sei! Hai letto bene il mio post? Se cerchi la provocazione l’hai trovata.…

    by V on apr 3, 2009 at 21:30

  125. Or ora l’ex Ministro Pecoraro Scanio, ospite su La 7, alla domanda del giornalista sulla sua pensione ha detto che riceve una ergognosa ed esagerata pensione di circa 5 mila Euro al mese. Poi però ha ricordato al giornalista che alcuni suoi colleghi che scrivono sui giornali finanziati dalle tasse dei cittadini, ricevono pensioni di oltre 20 mila Euro!!!!!!!
    Cavallini, non ti senti un poco a disagio???? Va bè che la tua faccia tosta è senza limiti, però penso che qualche rimorso lo provi pure tu, pensa a quanti stanno morendo lavorando in nero per stipendi da fame!
    Se vogliamo uscire dalla crisi in cui siamo stati precipitati dal capitalismo criminale, dovrenmmo chiedere a questi signori di restituire il maltolto. Cavallini, che non è scemo, si è preventivamente rifugiato all’estero. Ma presto non ci saranno più paradisi in cui rifugiarsi, la giustizia arriverà ovunque!!!!!!!!

    by Il Partigiano Gianni on apr 3, 2009 at 23:17

  126. Elio, ma quanta invidia. Vedo che la tribu’ cresce, dopo i bakunin, adesso il partigiano jonny.…
    amichevolmente un tipo serio oopppss scusa anche questo pseudo lo usi tu. Ma quanti ne hai? va be dai, bevi poco e va letto…Il migliore.

    by Anonimo on apr 3, 2009 at 23:30

  127. Mi sento molto a disagio, partigiano Gianni (membro, presumo, della tribù dei Bakunin). Anzi, per dirla tutta, mi un po’ mi vergogno di partecipare ad un dibattito in cui si arrivano a scrivere cose al di là del bene e del male come quelle che tu e gli altri del famiglione periodicamente ci regalate (e mi immagino quanto male, leggendoti, si senta una persona intelligente come Annalisa). Ma voglio tener duro, giusto per vedere quanto in basso riuscite a scendere. Diciamo che fino all’accusa di pedofilia (che credo stia per arrivare) rimango. Poi vedrò. Vorrei però ricordarti, prima di andare, quello che – riferendosi ai vostri interventi – ha già molto saggiamente scritto (al post 43) la padrona di casa. “Il povero Bakunin (leggi, in questo caso, partigiano Gianni) non è mai stato tanto bistrattato credo, e credo anche che il movimento anarchico meriti sicuramente meglio di quanti a sproposito dicono di esserlo, ma poi nella realtà usano un linguaggio simil fascista. E ora chiamatemi pure nemica del popolo”. Che anche Annalisa abbia una “pensione da 20.000 euro rubata al popolo?

    by mc on apr 3, 2009 at 23:45

  128. Accipicchia PCPPCCP, hai colpito nel segno, ora il cavallino comincia ad agitarsi! Ma davvero è un giornalista pagato con i soldi dello stato ed è fuggito all’estero? Ma non è lui a dire che a fuggire sono i cubani? Che razza di canaglia!

    by Anonimo on apr 4, 2009 at 00:06

  129. Prendi in giro, bravo senza cuore. Sai quanta gente è morta tentando di scappare da Cuba. Come si rispettano quelli che muoiono nel canale di sicilia, sii serio e porta rispetto anche per i cubani. Isomma la cattiveria è tanta la tua. Vergognati. Complice di assassini.

    by quelli che non dimenticano on apr 4, 2009 at 00:16

  130. Bé, veramente ad agitarsi non è cavallini, il partigiano mi sembra affetto da delirium tremens oltre cha da invidite acuta (ma siete proprio sicuri che le pensioni dei giornalisti si aggirino intorno ai 20.000 euro al mese? e tutti i giornalisti sono dei bricconi che rubano al popolo o solo alcuni giornalisti?). giusto per divagare ancora un po’ e spostare questa amena discussione su varie ed eventuali, tanto a questo punto ; - ).

    by Mark on apr 4, 2009 at 00:33

  131. Fatemi capire, ma allora la nestlè e in combutta con lo stato socialista di Cuba?

    by Anonimo on apr 4, 2009 at 10:46

  132. Quello che non dimentica, prova ad ionformarti seriamente sulle cause di chi muore per emigrare da Cuba. Forse dopo sarai in grado di dare dell’assassino ai veri responsabili invece di ripetere i soliti luoghi comuni. Continua a farti riempire la testa dall’informazione specialista in menzogne, quella alla Cavallini, così continuerai a sparare idiozie.

    by Quello che non perdona il servilismo idiota on apr 4, 2009 at 14:29

  133. La tua vita deve essere un inferno “quello che non perdona il servilismo i****a”: in perenne conflitto con te stesso. Servile, i****a e, nel contempo, incapace di perdonare il servilismo i****a. Le vere ragioni delle morti in mare stanno nel fatto che la gente vuol andar via da Cuba e che il regime lo ha, per molti anni, severamente proibito. (se ti trovavano con materiale atto a costruire una zattera, finivi in carcere). E, nel fatto che, dall’altra parte dello stretto della Florida, controproducenti ragioni propagandistiche alimentavano, con promesso di asilo e di cittadinanza, questo esodo. Questo giusto per la precisione. E adesso continua ad inveire contro te stesso “quello che non perdona il servilismo i****a”.

    by alex easdale on apr 4, 2009 at 17:03

  134. In qualsiasi parte del mondo se esci dal paese su una zattera vieni fermato. O almeno dovrebbero. (Purtroppo quelli che scappano per venire in Italia vengono lasciati andare a morire). Dovresti sapere la storia degli accordi muigratori tra Cuba e Stati Uniti e chi è che non li rispetta, a chi stanno a cuore i cubani che vogliono emigrare e chi li utilizza per la solita ignobile propaganda. E se crepano chi se ne frega? Non mi sembra il caso di ripetere le solite cose Cavallini sotto mentite spoglie. Almeno cambia nick sono mille volte che usi questa trovata!

    by Anonimo on apr 5, 2009 at 01:16

  135. Sì Annalisa, è proprio una fatica, ma tant’è; come si dice? Se i cani latrano significa che la carovana si muove.
    Buon segno!

    by Ciro Brescia on apr 5, 2009 at 14:12

  136. Che uno che si firma “anonimo” possa, con apparente serietà, accusare un altro (che si firma con nome e cognome) di scrivere “sotto smentite spoglie”, mi pare davvero fantastico. Così come fantastico è il fatto che nella tua testolina, caro “anonimo”, non entri questa semplicissima verità: non è che a Cuba proibiscono alla gente di partire in zattera perché è pericoloso, è la gente che è obbligata (o è stata obbligata per molto tempo) a costruire zattere per andarsene perché andarsene è proibito (con zattera o in jet privato). Da qualche anno, cioè da quando il governo cubano ha scoperto i benefici per l’economia delle rimesse in dollari degli emigrati (che ora chiama “gusanos” con meno frequenza), le cose sono cambiate. Ma fino a non molto fa, bastava essere trovati in possesso di una bussola per essere fermati dalla polizia. Che poi anche gli Usa abbiano giocato e continuino a giocare una sporca partita sulla pelle dei balseros è perfettamente vero, tanto che già ne avevo accennato nel mio precedente intervento. Ma questo non assolve affatto il governo cubano. Né quelli che, comete “anonimo”, lo difendono contoni insultanti, ma con argomentazioni a dir poco traballanti.

    by alex easdale on apr 5, 2009 at 16:43

  137. Ieri e stata una giornata fantastica, per
    2 milioni di persone; e per tute la gente che ama la democracia. Bena, una domanda a tuti queli con menti aperte, domocratiche. Ma Cuba, pq se scendavamo in plaza, per protestare saremo stati segnalati come “disadatati sociali”, chi aveva parlato arestato. I pulman, sarebero stati fermati ai punto de control, e probabilmente la Vivenda avrebe fato problemi su la casa i mesi futuri. Tanto no respondete però cosi se prova.…
    Alex ai ragione, la colpa e stata anche degli stats, ma recorda que molti sono balzati anche por le bahamas.Le fughe ci sono ancora numerose e anche tanti morti, recordiamo que per uscire da Cuba ce vuole un invito da parte de li straniero, molto costoso. Il passaporto costa 150 cuc, ex carta blanqua 100 cuc. Imposibile por un cubano. Poi veritad, que le legi su la imigracione europee sono molto dure.
    Pero rimane il fato que multa gente tenta de scapare dal paradiso rischiando la vita. ma sono disadatati sociali come insegna lo stato democratico cubano. pippo

    by pippo ibarra on apr 5, 2009 at 18:21

  138. “PICCOLO VADEMECUM CONTRO I LUOGHI COMUNI SU CUBA”

    1) A CUBA NON ESISTONO ELEZIONI LIBERE:

    FALSO:
    a Cuba si svolgono regolarmente, ogni 4 anni, elezioni a cui possono partecipare,
    come candidati, tutti i cittadini cubani maggiori di 18 anni e, come elettori, tutti i
    cittadini da 16 anni in su.
    Il Partito Comunista non presenta candidati, che sono presentati dai cittadini ed
    eletti a livello di Quartiere, di Municipio, di Provincia, di Circoscrizione, fino ad
    arrivare all’Assemblea Nazionale.
    Gli eletti possono essere revocati dagli stessi cittadini, dopo due anni, nel caso non
    siano considerati all’altezza del loro compito.
    Il voto non è obbligatorio, ma registra percentuali di partecipazione del 97–98%.

    2) A CUBA I DISSIDENTI SONO PERSEGUITATI E INCARCERATI:

    FALSO:
    a Cuba chiunque può criticare, anche aspramente il governo e i suoi leaders, senza
    correre alcun pericolo.
    La legge cubana punisce e condanna a pene detentive, coloro che ricevono
    compensi, in denaro o in altri beni, da un paese straniero, allo scopo di sovvertire il
    sistema sociale e politico del paese.
    In questo caso tutti i paesi del mondo (compresa l’Italia) hanno leggi molto severe
    che puniscono, col carcere, questo reato.

    3) A CUBA NON C’E’ LIBERTA’ DI STAMPA:

    FALSO:
    recentemente un gruppo di studiosi degli Stati Uniti, guidati dal professor Peter
    Phillips, docente di Sociologia all’Università Statale di Sonoma (UsA), si è recato a
    Cuba per determinare lo stato di libertà di stampa nel paese.
    Ha visitato le principali stazioni radio, ha incontrato liberamente decine di
    giornalisti cubani e studenti delle facoltà universitarie di Comunicazione. Nel suo
    rapporto conclusivo scrive: “Tutti hanno detto di avere la completa libertà di
    scrivere o registrare qualsiasi storia essi vogliano. Un quadro distante anni luce dal
    sistema stalinista dei media, descritto spesso dalla propaganda Usa”.

    4) I CUBANI SCAPPANO DAL LORO PAESE, IN CERCA DI LIBERTA’ PERCHE’
    IL REGIME NON LI LASCIA PARTIRE:

    FALSO:
    il fenomeno dell’emigrazione verso gli Usa è comune a tutti i paesi dell’America
    latina, non per motivi politici, ma per il legittimo desiderio di abitanti di paesi a
    economia più povera, di migliorare le proprie condizioni economiche, “cercando
    fortuna” in un paese più ricco.
    Cuba è al 9° posto, tra i paesi latinoamericani, per numero di emigrati (1° il
    Messico)
    Lo stato cubano ha firmato con gli Usa un accordo per regolamentare il flusso
    migratorio. In base a questo accordo gli Usa si impegnavano a concedere ogni
    14
    anno VENTIMILA visti di ingresso ai cittadini cubani che desiderassero entrare negli
    Usa. In realtà con vari pretesti, gli Usa ne conce

    by AG on apr 5, 2009 at 21:17

  139. In realtà con vari pretesti, gli Usa ne concedono appena 700.
    Contemporaneamente però concedono immediato diritto di asilo, lavoro e alloggio,
    a tutti coloro che scappano da Cuba con mezzi di fortuna.
    Tutto questo per incrementare il fenomeno e per poter dire che le persone fuggono
    da Cuba in cerca di libertà.

    5) A CUBA GLI OMOSESSUALI SONO PERSEGUITATI:

    FALSO:
    purtroppo come in tutti i paesi latinoamericani (e non solo) esistono residui di una
    mentalità “machista” che non fa onore a nessuno.
    Pochi sanno che sta per essere varata una legge che riconosce e autorizza i
    matrimoni fra persone dello stesso sesso.
    A Cuba gli interventi chirurgici per il cambio del sesso sono gratuiti e a carico dello
    Stato; e che fin dalle scuole elementari agli alunni vengono distribuiti opuscoli e
    libri che insegnano a rispettare ed accettare gli omosessuali.

    6) I CUBANI NON POSSONO USARE INTERNET:

    FALSO:
    esistono a Cuba migliaia di computers a disposizione dei cittadini, in biblioteche,
    scuole, università, centri sociali che possono essere consultati gratuitamente.
    Il Governo ha dovuto finora limitare l’uso di internet ai privati, per un motivo molto
    semplice: a causa del blocco Usa che impedisce a Cuba di collegarsi ai cavi
    sottomarini ad alta velocità che uniscono la Florida con il Messico.
    Per questa ragione la rete informatica cubana deve dipendere dalle connessioni via
    satellite che sono molto più lente, costose e precarie. Quindi le connessioni devono
    essere riservate, in primo luogo, ai servizi di primaria necessità come ospedali,
    scuole ecc..
    Ma tutto ciò potrebbe terminare nel 2010. Infatti sta per essere collocato un grosso
    cavo sottomarino a fibre ottiche che unirà Cuba al Venezuela, risolvendo così
    definitivamente il problema.

    by AG on apr 5, 2009 at 21:20

  140. La popolazione cubana, secondo i dati demografici dal 1959 ad oggi è passata da circa sei milioni di abitanti agli attuali 11.200.000, tutti in attesa di fuggire, secondo qualche illuminato.

    by Anonimo on apr 5, 2009 at 21:27

  141. Bene, adesso me diverto. Gentile A.G.quelo que tu dici, e la verita de lo stato Cubano. Come qua qualcuno dice que lo periodista en europa respondono ai padroni,en cuba responde al partito. Por le elecioni se parla de liste blocade, dove se puo votare quelo deciso da poder popular. Tuti se puo propore ma pochi va en lista!!! se pare democracia?
    Ci sono vari modi por uscire dal paese, el primero e sposarsi, quanti sono? tantiiiii. No tuti chiedono de andare negli states. Va a vedere la embasciata spagnola adeso que concede il pasaporto spagnolo a chi tem antenato spagnolo, ce na coda de 2 km. Poi que la gente vada via per l economia, es vero ma come voi dite li è il paradiso.…
    La mentira de internet, es na mentira de estado, tanto nessuno puo dire nulla de contrario. Pq se me meto na parabola en casa me la sequestra? Amigo tu no sei a Cuba non sai tute le verità tu sai quelo que ti vogliono far credere segue

    by pippo ibarra on apr 5, 2009 at 21:41

  142. I molti sistemi por desuadere la contacion.1) la denuncia por disadatato sociale, te envia en ospedale psichiatrico.2) perigolosita preventiva 4 anos de prison 3) denuncia a la vivenda, te leva la casa, o te toca dividerla con gente sconoscita (mint int). te basta ag.
    Por homosex, e veritad estato fato molti passi avanti. Ma recordiamo solo da pochi ani, homosex era retenudo na malatia . Per favore A G. io no so molto de l italia anche se sono 7 anni que sto aqui, ma no me permitto di dare sentenze, tu pq lo fai? Se vuoi ci vediamo e scambiamo qualche democratica idea saluti pippo

    by Pippo Ibarra on apr 5, 2009 at 21:52

  143. Breve (davvero breve) vademecum per AG ed altri buontemponi. A) per dire che a Cuba sono garantite tutte le libertà (di stampa, di uscita dal paese, di accesso a Internet, etc), non basta (come fa il tuo vademecum, tanto chilometrico, quanto disinformato) affermare che chi dice il contrario dice il falso. Perché, in tal caso, a dire il falso sarebbero anche le leggi della Cuba rivoluzionaria che espressamente negano tutte queste libertà a vantaggio di un sistema nel quale tutta l’informazione è prerogativa esclusiva dello Stato; e che, nel contempo, prevedono processi elettorali senza partiti, senza liste e senza propaganda sotto l’egida di un Partito Comunista che la Costituzione (non i soliti anticastristi) definisce “forza superiore di direzione dello Stato”. Ragion per la quale, nella Assemblea del Poder Popular, con questi metodi “democraticamente” eletta (assemblea che, peraltro, non si riunisce che due volte all’anno), tutte (ma proprio tutte) le leggi vengono approvate con percentuali che vanno dal 99 al 100 per cento. Un po’ come avveniva nel Paraguay di Stroessner (dove si votava ed esistevano persino partiti d’opposizione). B) Per dimostrare che a Cuba c’è libertà di stampa (cioè per affermare il falso) evitate di citare pareri a vanvera. L’articolo nel quale il prof. Peter Philips secondo AG “esalta le libertà d’espressione a Cuba lo si può trovare a questo indirizzo:
    http://www.vunet.org/progressive/1211603768-Cuba_Supports_Press_Freedom.txt
    e tutto quello che, in quest’articolo, il prof Philips (che pure evidentemente simpatizza con il governo cubano) arriva a dire è di aver avuto modo di parlare con giornalisti (soprattutto radiofonici) che lavorano per lo Stato, i quali gli hanno garantito che a Cuba si può praticare il giornalismo senza censure di sorta. Come a dire: a Cuba non esiste la censura perché questo è quello che dicono i censori. Caro AG, vediamo di non far ridere i polli.

    by mc on apr 6, 2009 at 00:29

  144. si dice che a cuba ci siano elezioni libere. Ma le leggi cubane stabiliscono che a scegliere i candidati devono essere le associazioni riconosciute dallo stato.Solo loro possono farlo.Queste associazioni, essendo il pc cubano come recita l’art.5 della costituzione del 1976, l’avanguardia della società, sono dipendenti dal partito e quindi scelgono soggetti a lui graditi.Mai infatti nessun eletto ha mai votato contro le proposte presentate.Il codice penale cubano all’art.72 statuisce che commettono attività predelittiva coloro che, tra gli altri, sono considerati antisociali e non ci vuole molto a considerare tali anche i dissidenti.A cuba i mezzi di informazione sono nelle mani dello stato, che, come sappiamo dalla costituzione, sono nelle mani del pc cubano.Quando mai l’azione del partito è stata criticata dai mezzi di informazione? A cuba secondo una legge per uscire dal paese bisogna chiedere l’autorizzazione al ministero dell’interno.L’autorizzazione ad uscire può essere annoverata come diritto alla libera circolazione? A cuba, ora, grazie alla campagna portata avanti dalla figlia di raul si cerca di far accettare alla popolazione la diversità sessuale, ma fino ad alcuni anni fa l’omosessuale era considerato antisociale e quindi incarcerabile fino a 4 anni.I cubani possono usare internet in casa a patto che chiedano un’autorizzazione, che non arriva quasi mai. Negli internet point possono accedere soltanto i turisti. Invece di fare affermazioni non veritiere non sarebbe meglio almeno leggersi alcune leggi cubane?

    by nino on apr 6, 2009 at 10:17

  145. Stamane, nella mia rassegna di giornali:
    Il giornale,Libero,Il tempo,La padania.
    Ho letto che Berlusconi ha fatto una bellissima figura in giro per il mondo.
    Tremonti ha risolto la crisi.
    La manifestazione di Sabato è stato un fallimento.
    In Italia la classe lavoratrice sta bene.
    Quante belle notizie!!!
    A Cuba nella rasegna stampa del granma e joventu rebelde ho letto:
    Che Cuba non ha crisi.
    un po’ di premi culturali.
    Che tuto va bene grazie all’ ottimo governo.
    Quante belle notizie!!
    Caspita che democrazia,che sagezza,che idee pluraliste.
    In Italia qualcuno legge anche altre cose, ma sono notizie false e tendenziose.
    A Cuba qualcuno vorebbe leggere qualcosa d’ altro ma intelligentemente lo stato lo vieta. Viva Cuba rivoluzionaria Viva Berlusconi rivoluzionario.

    by Antonio Bello on apr 6, 2009 at 10:32

  146. Una domanda a Paolo Rossignoli.
    Lego nel tuo sito, de il viagi per 1 maggio a Cuba, per 15 gg. Organisato en colaboracione con planet tim. Viaggi equo solodali ecc. Ala facia 2400 euro. Per un viagio que costa a un privato uguale 1600 euro. Poi hotel lido el pegiore de la habana. Se vuoi te lo organizo uguale a 2000 euro. Ce guadagnate, ehhh…Pippo

    by pippo ibarra on apr 6, 2009 at 12:06

  147. Nino, se vuoi parlare delle elezioni cubane, faresti bene ad informarti meglio. Quello che racconti tu sono semplicemente dei volgari luoghi comuni. Tra le altre cose il Partito Comunista Cubano non partecipa alle elezioni. Può partecipare qualsiasi cittadino ma nessun partito. La democrazia la fanno gli uomini non i partiti, o peggio, le aziende, come nel capitalismo. Vai sul sito del governo cubano e leggiti bene la legge elettorale, evitarai altre brutte figure. Possibile che per parlar male di Cuba si debba sempre scrivere volgari bugie? Cuba non è un paese perfetto, di cose da criticare ce ne sono senza bisogno di inventarsele. Certo che se ci si fa guidare dall’odio ideologico si finisce sempre per scrivere idiozie.
    Ovviamente quello che ha scritto AG è vero, basta documentarsi e guadare le cose come stanno non come le dipenge l’informazione capitalista al servizio dei padroni. L’informazione è libera quando è del popolo non dei padroni, qualche xcampione di diritti umani dovrebbe saperlo invece di scrivere cazzate. Chiaro che se si diven ta ricchi a raccontare cazzate, uno poi difende con i denti anche le cose più indifendibili. Vero Cavallini?
    P.s Paolo, piuttosto di farti organizzare il viaggio dal finto cubano, vacci a nuoto!!!!!!

    by Carletto Marx on apr 6, 2009 at 13:05

  148. quelle che secondo te sono volgari luoghi comuni sono scritte nero su bianco nelle leggi elettorali cubane.Non faresti un grande sforzo, se te le leggessi.Può partecipare si qualsiasi cittadino, il fatto è che i candidati sono scelti dalle associazioni riconosciute, solo quelle, dallo stato cubano.Non si fa una grande figura ripetendo affermazioni non vere, smentite poi dalle leggi cubane.

    by nino on apr 6, 2009 at 13:24

  149. nb:io non leggo l’informazione capitalista al servizio dei padroni.Le leggi cubane e non solo me le leggo, io.

    by nino on apr 6, 2009 at 13:34

  150. la legge elettorale cubana del 29.10.1992 all’art.67 così recita: per elaborare e presentare i progetti di candidature dei delegati alle assemblee provinciali e dei deputati alla assemblea nazionale del potere popolare e per coprire gli incarichi che queste eleggono, si creano le commissioni di candidature per l’assemblea nazionale del potere popolare, del potere provinciale e del potere municipale.
    L’art.68 della stessa legge statuisce che: Le commissioni si integrano con i rappresentanti della centrale dei lavoratori, dei cdr, della federazionre delle donne cubane, dell’associazione nazionale degli agricoltori, della federaziuone universitaria etc.Puoi smentirmi questi articoli?

    by nino on apr 6, 2009 at 13:54

  151. Infatti Nino, tu conosci le legi meglio di me. Io nele mia maniera ignorante avevo deto la stessa cosa.Tuti posono iscriversi, ma la lista unica, nei vari liveli, viene decisa poi da le comisioni popolari.Quindi decino loro. E si va a votare una sola lista blocata. Per quel conta poi.Qui me sembra que trope persone sono rivolucionarie, forse nascondono qualche interese. Infatti me viene una riflesione. A Cuba è pieno di questi 60 anni, que vivono a Cuba, legati ad asociazioni, rivolucionarie, tuti que gridano a Fidel, a Raul, al Poder popular. Me sono sempre chiesto pq? Poi guarda il regista italiano morto a Habana, un tipo cosi de rivolucionario, ma la sua pasione erano ben altre.
    Que l’ altro propone viagi al dopio del prezzo, se vede que a imparato bene dai cubani, pone la multa preventiva.
    Caro, Carletto, Bakunin, eliolibre,partigiano gianni ecc ecc, te gustaria que no fosi cubano, penso di averti infranto qualque sogno. Quando andro a conoscere Paolo in qualche festa poi ti dirà. Pippo

    by Pippo Ibarra on apr 6, 2009 at 14:28

  152. non è molto difficile capire dagli articoli menzionati che ci sarebbe libertà di voto se non ci fossero queste commissioni, che fanno da filtro, scegliendo quei soggetti che aggradano loro. Se,quindi, tutti i cittadini potessero candidarsi senza filtro allora si che ci sarebbe libertà di voto. Ora tale libertà non c’è. Lo dice la legge elettorale cubana, piu’ chiaro di così.

    by nino on apr 6, 2009 at 14:42

  153. Nino chiarisimo, anche i cubani sano que è cosi’. Certo que il timba,que pensa di saper tuto…va be ok. Adesso ti dira que, le asemblee sono piene e la gente discute animatamente. Allora prevengo. Forse no tuti sanno que in Cuba il lavoratore al 60% a un contrato a termine de durata di 3 mesi fino a 2 anni, se non voti, o non partecipi ale pagliaciade del regime, rischi que no te rinova el contrato, salti magari 3 o 6 mesi de lavoro. Ma queste cose agli yuma ribolucionari no gli dice nesuno…Per esempio a me era vietato dirlo. Pippo

    by Pippo Ibarra on apr 6, 2009 at 14:51

  154. pippo, è vero che il governo cubano non dice i fatti che non gli piacciono, ma soltanto gli ingenui possono credere a quello che i governi dicono, tutti i governi ovviamente.Ripetere quello che sta scritto sul sito del governo cubano riguardo alle elezioni, senza nemmeno verificare se quanto affermato corrisponda alla legge elettorale, non è da persona libera intellettualmente. Un sistema, qualunque sia, si migliora se si permettono le critiche, non se si costruiscono muri di parole per giustificare tutto, ma proprio tutto.

    by nino on apr 6, 2009 at 16:11

  155. pippo… como van las cosas mi hermano..

    ascolta pippo, se invece di sposarti la signorotta padana te ne restavi a Cuba a lottare contro il comunismo, forse ora saresti più credibile, quindi raccontala giusta: convincendo solo due persone del tuo seggio elettorare a esporre la tua candidatura avresti potuto partecipare alle consultazioni, certo, poi avresti dovuto convincere il 50% più uno dell’assemblea a votare la tua candidatura.… certo, poi una volta riuscito a candidarti avresti dovuto convincere a votarti il 50% più uno degli elettori del tuo seggio, superato questo potresti essere diventare un consigliere ed essere il delegato della tua municipalità, essere eletto in nome della tua onorata personalità, lavorare a tempo pieno per la comunità, ed ogni 6 mesi dover render conto ai cittadini che rappresenti del tuo lavoro svolto, i quali, a maggioranza potrebbero, se non contenti del tuo operato, rimandarti a casa.
    Nel frattembo perdendo la maggior parte del tuo tempo libero, guadagneresti solamente il salario del tuo lavoro precedente, sempre nel caso che tu lo avessi un lavoro prima di innamorarti della “tardona”…
    Chiaro, quelli come te, opportunisti e menefreghisti, magari senza un lavoro stabile, non trovano facilmente gente che li vota, probabilmente nemmeno i due che ti candidano… bisogna essere persone per bene, attivi nel sociale, disponibili al prossimo… ma tu hai scelto un’altra strada, ed ora cerchi di giustificarti rappresentando la tua patria e il tuo popolo come l’inferno in terra… va bene, ma almeno riconosciamolo: è la tua opinione, non parlare in nome di tutto il popolo cubano…

    by Cienfuegos la ciudad on apr 6, 2009 at 16:47

  156. è una mia impressione o il cubano pippo in solo 7 anni si è berlusconizzato…
    siamo in pericolo… racconta tutti i luoghi comuni che ci sono in giro su Cuba… è fantastico… dall’alto del pulpito offerto dalla veneziana riesce a sputare addosso al suo popolo, ritenendolo vile e senza coraggio, sottomesso miseramente senza un briciolo di dignità e ribellione…insomma proprio come te, tutti aspettano solo l’occasione per …sposarsi un straniero.

    by Cienfuegos la ciudad on apr 6, 2009 at 16:57

  157. Que bello, mi sembra de essere a casa. Finalmente un po’ di veri insulti, in stampo chiavitones leghista poi dopo il procesino davanti al pueblo te porto a bere una bucanero, e magari un mojito, nel locale dei turisti. Compagno, magari se singa qualque jinetera, che con te no verano mai,ma sai yo con el carro tur usted sa que el fascino de exterior se trova la mulatica compagno delegado. Sai io a Cuba, lavoravo ero anche specializado, avevo la tessera dei giovani comunisti cubani, sono stao delegado del mio cdr por el minsap. Ma questo no e importante, la verita facevo el balairino de salsa al amigo club, e jinetavo por habana dai cosi stai tranquilo. Poi me espiega que ci fano i temba de 60 ani europei a Cuba a parlare de ribolucione. cmq io me berlusconismo (mai votato per il temba mafioso), ma tu invece sei leghista dentro, visto i discorsi que fai. Cmq grazie per farmi sentire a casa. Pippo.

    by pippo ibarra on apr 6, 2009 at 17:15

  158. ma come… che coerenza! bravo!
    Non ti piace nulla della rivoluzione e hai accettato la tessera della JotaCé, partecipavi al CDR… l’oppotunismo in carriera.… bravo e vuoi dar lezione di etica.…

    by Ciuenfuegos la ciudad on apr 6, 2009 at 17:54

  159. Credo che tutti dobbiamo ringraziare Cienfuegos la ciudad (ultimo prodotto, presumo, della tribù dei Bakunin), perché con il suo ultimo intervento è riuscito, con straordinaria volgarità ed immediatezza, a spiegare quel che capiterebbe a quanti scegliessero di partecipare alle elezioni fuori dai meccanismi di selezione — già molto ben spiegati da Nino — rigorosamente controllati da un potere politico che, a sua volta, è rigorosamente sottoposto alla “direzione superiore” del partito-stato (che ufficialmente si chiama comunista, ma che, in effetti più d’ogni altro, a Cuba ed in tutti paesi del cosiddetto socialismo realizzato, ha contribuito ad uccidere l’idea del comunismo). Ogni cittadino che, per gusto della immolazione, provasse a partecipare al voto con, diciamo così, idee proprie (idee che, perlatro, per legge gli è proibito propagandare) verrebbe immediatamente messo alla gogna con pesanti insinuazioni sulla sua personale moralità (esattamente quello che Cienfuegos ha fatto con Pippo Ibarra), sottoposto ad atti di ripudio (“spontaneamente” organizzati dalla “forza superiore”), privato del lavoro e, in ultima analisi anche deI suoi diritti di cittadinanza (come “dissidente”, infatti, diventerebbe automaticamente un “non cubano’). E questa è, molto semplicemente, la ragione per la quale, da quando a Cuba si vota (cioè dal 1976), nessuno che non fosse totalmente in linea con il governo è mai stato eletto in alcun Poder Popular nazionale o locale. Nessuno. Mai. Anche perché nessuno, mai ha avuto la possibilità di arrivare alla prova del voto. Chiedere ai vari Cienfuegos di ragionare sul perché di questo statodi cose sarebbe sopravvalutare la sua intelligenza e la sua buona fede. Ma tutti gli altri possono farlo con la propria testolina…

    by mc on apr 6, 2009 at 18:49

  160. Dimenticavo: particolarmente divertente è l’affettata indignazione di Cienfuegos di fronte ai racconti di Ibarra. I quali, per chi non abbia il prosciutto davanti agli occhi, altro non fanno che raccontare la “doppia morale” che, sotto la cappa del totalitarismo, è da tempo la principale caratteristica della quotidianità cubana. Ibarra sta ovviamente dicendoci che da da Cuba se ne è andato proprio per sfuggire allo squallore di questa doppia morale. Ma per Cienfuegos si tratta della confessione di una mente criminale e d’una prova di “opportunismo in carriera”. Quando io ero bambino, molto tempo fa, a queste accuse d’assai dubbia origine si rispondeva dicendo: chi lo dice lo sa di essere, cento volte più di me…

    by mc on apr 6, 2009 at 18:59

  161. Vedo que il povero personagio da i mile volti, no e molto lucido. Allora lo aiuto con 3 risposte poi a sua scelta decide la meliore.
    1) questa dormi soni tranquili: Quando ho capito que al masimo dela cariera en Cuba mi davano una Lada, o pensato que in europa mi davano una BMW.
    2)questa ti giri 2 volte prima de dormire:
    Io no sono propio ispanico nei lineamenti, o un po’ di colore no mas. A Cuba ce un po di razismo e la cariera era limitata.
    3) quetsa invece ti arabbi: Propio per la gente come te sono andato via,gente senza etica, gente que no te lascia criticare nulla. Come voi qui dite quelo che volete, se io parlo sono un vile traditore, uno que odia el mio paese solo pq critico una lege o una scelta.

    Scegli tu, quela que piu te gusta.
    Poi ma pq siete 3 persone e scrivete con 10 nomi. Me sembra de esere a Cuba, quando arivano i turisti e le 2 ambulance nuove, continuano a girare per far vedere que la sanita e imponente. Quando arivano chiamate no se va pq le ambualnce fano pelicula…o se va co mezzi inadeguati.
    Avete imparato tuto. Se volete altre storie di come ve mecaniza sono qua volentieri pippo

    by pippo ibarra on apr 6, 2009 at 21:37

  162. Nino, in Italia i candidati chi li seglie, le sette segrete?
    Pippo ora che hai la BMW (non credi di avetrla rubata ai lavoratori italiani?), come fai a metterci la benzina se passi 24 ore al giorno a sparlare di Cuba? Ti fai spingere dalla moglie? Spero che la BMW sia completa di autoradio con lettore. Per ascoltare l’inno che dice “meno male che Silvio c’è”. Se non fossi un falso cubano ci sarebbe veramente da ridere. Ancora un inno a Fidel i cubani non l’hanno ancora inventato, e magari lui se lo meriterebbe pure. I cubani sono un po’ meno fessi dei fascistelli italiani.

    by Anonimo on apr 6, 2009 at 21:56

  163. Gentile anonimo, vedo que ai scelto la resposta uno bravo ai deciso di dormire tranquilo. Sai te raconto una storia: quando sono arivato in italia, cerano dei manifesti con la cala de Berlusconi, que diceva di aver fato questo, di aver fato quelo, madonna volevo scapare mi sembrava de esere a Cuba!!! Poi vedo E. Fede me sembrava Alonso invechiato!! lego Libero me sembrava el granma!!! volevo scapare, ma sposare una tedesca dovevo aspetare l’ estate a Rimini. Mi ci sono abituato. Pensa qunto poso amare Berluconi. Te gustaria que no fossi cubano ehhh…pippo

    by pippo ibarra on apr 6, 2009 at 22:06

  164. Personalmente credo che Pippo sia, come dice, cubano. Trovo inoltre le sue dichiarazioni sofferte, intelligenti e dolorose. E’ il punto di vista di chi, avendo vissuto sulla sua pelle le contraddizoni di un Paese contradditorio, le esprime con molta sensibilità e senza gli inevitabili dogmatismi di chi giudica da fuori (compresi, per inciso, quelli che frequentano cuba e, condividendo periodi più o meno brevi con le famiglie cubane, ritengono in buona fede di condividerne e capirne anche i problemi). Gli interventi di Ibarrra mi hanno emozionato, e fatto riflettere. Sono gli interventi di un essere umano, merce rara sia nei blog sia nella vita. E se anche si fosse sposato per andarsene, chi diavolo sei tu, o noi, per giudicare? Cuba, per qualunque cubano, anche il più schiettamente rivoluzionario, non è il paradiso, e nemmeno gli si avvicina.

    by Anonimo 2 on apr 7, 2009 at 01:05

  165. Sono d’accordo con te Anonimo 2. Tra tanti pretonzoli che predicano una rivoluzione vissuta sulla pelle degli altri, la testimonianza di Pippo, uno che da quella pelle è uscito soffrendo in proprio tutti i dolori della metamorfosi, è un salutare bagno di umana verità. Contrapposto ad una moralicchia da sacrestia che un po’ fa pena e un po’ fa venire la pelle d’oca.

    by alex easdale on apr 7, 2009 at 02:39

  166. Se Pippo è cubano mio taglio le palle. Più che sofferto, è vile ed arrogante. Mi sembra che sia stato dimostrato in maniera inequivocabile appena ha cominciato a commentare. Se però non avete niente da fare e vi piace stare al gioco! Certo che il mitico cavallin i ridotto così, non se lo aspettava nemmeno il suo più feroce antagonista. Invece di tirare in ballo Bakunin, che ha avuto la dignità di non commentare più in questa discussione finta al limite della follia, cercate di smetterla VOI di commentare con falsi nomi. O vogliamo provare ad inviare una mail ad Alex Easdale, noto “uomo ombra” di Cavallini?
    Annalisa, non credi che questa farsa debba finire? Anche perchè il blog è diventato tanto “pesante” che risulta difficile scrivere.

    by Anonimo on apr 7, 2009 at 11:22

  167. Grazie per le bele parole, quello que dico è solo quello que e vero. Certo Cuba no e tuta negativa. Io o potuto studiare, la mia enfanzia e stata felice come un bambino europeo. Data la latitudine sono cose importanti. Di questo ringracio Cuba.
    Que dire, sono venuto qui a scribere ‚e dire que le ronde esistono a Cuba, e sono stato insultato, minaciato di morte via email. Come dice l’ anonimo ensultante, no conosce i cubani, la testa e dura. A ofese recevute, ofese restituite. Per il resto me sono divertito a legere i luoghi comuni degli yuma ribolucinari. Se sapesero a Cuba, quanto fano ridere, con le loro t shert del Che’ , con le pagliasade organizade dal partido per loro. Qualcuno povrecido e in buona fede,altri sono solo gente cieca da un ideologia( magari con secondi fini). Io so que a Cuba tuti mi vogliono, cercano pq o un po (pochi), euro in tasca, pq vogliono el celular de ultima generazione, el pantalone firmado, la scarpa Nike. tuti compresi i bravi ribolucionari. Io que o fato el vacino al consumismo, le spiego que no serbe a nulla tuta quela ropa, ma ora el cubano vuole quelo. Tutti, e piu sono chavitones, de partido piu vogliono. Questi ribolucionari yuma, no capiscono que il cubano basta speculare gle dice tuto quelo que vogliono. Se esta un bobo, se parla dela buela enferma, se esta ribolucionario bobo, se parla que la ribolucione e la vida, basta que lo yuma sia felice e paghi, magari ce scappa pure un envito de turismo, el maximo por un cubano, vedere l’ Europa anche por breve tempo. Vuol dire salire nela scala social, avere uno Yuma, como amigo, te aiuta sempre. ma quanto so sinceri con voi i cubani? quando poi come io parlo sincero, vengo ofeso, no creduto pq rompo un sogno. poi con piu tempo ve raconto la storia delo yuma al cdr que io o visto. Pippo

    by pippo ibarra on apr 7, 2009 at 13:02

  168. Bakunin ha smesso di commentare? No, Anonimo. Bakunin, tutti i Bakunin, non smettono mai di commentare. E, tantomeno, smettono di commentare con dignità. Piuttosto, si assentano per qualche ora, per subito riapparire firmandosi “Anonimo”, ed attaccando, in queste dignitosissime vesti, tutti coloro che — non di rado persone che si firmano con nome e cognome — “vigliaccamente” si nascondono dietro pseudonimi. Talora i Bakunin, per dar forza al proprio anonimo argomentare, minacciano — nell’inimmaginabile caso che una tesi sostenuta dal campo nemico dovesse risultar vera — di “tagliarsi le palle” (anch’esse rigorosamente anonime e, ovviamente, pari al doppio del numero, già elevatissimo, dei Bakunin-Anarkik-Eliolibre). Molte e varie sono, in effetti, le cose che i Bakunin fanno, ma nessuna ha a che vedere con la dignità e con il farsi dignitosamente da parte. Perché i Bakunin, quando il tema della discussione è Cuba, hanno in realtà una poco dignitosa, ma ineludibile missione: quella di dimostrare come l’unico modo di discutere di Cuba sia quello (Miná docet) di discutere di cose diverse da Cuba, o, ancor meglio, di non discutere del tutto, limitandosi a seguire pedissequamente “vademecum” che persino il Granma avrebbe qualche imbarazzo a pubblicare. Chiunque non segua questa regola è, per i Bakunin, un farabutto, un fascista, un berlusconiano, un ladro di “pensioni d’oro”, un’agente della Cia. Ed è proprio per ribadire questi alati concetti che i Bakunin, mai e poi mai abbandonano la partita. I Bakunin, a volte, si fingono stanchi e disgustati, ed invitano la padrona di casa a “chiudere la farsa”, perché il blog è diventato troppo “pesante”. Ma si tratta solo di battute da canovaccio. Perché, in realtà, il blog di Annalisa è leggerissimo e divertente. Discutere seriamente di Cuba è quasi impossibile, ma le occasioni per farsi le proverbiali quattro risate, grazie ai Bakunin, non mancano davvero. Dunque: grazie Annalisa e grazie Bakunin. E a presto.

    by mc on apr 7, 2009 at 15:16

  169. Cdr, la storia dello straniero. Ho cercato di preparlo questo post, facendomi aiutare per scrivere coreto.
    Dopo 1998, con la riforma dei cdr, questi prendono un poder diverso e piu completo.
    Oltre alo svolgere compiti di vigilanza, attiva sul barrio, anno anche compiti di informazione e di racolta dele opinioni del barrio, per poi riferirle al proprio municipio. Le reunioni si svolgono dipende una volta ogni 15 gg, ma no anno una scadenza fissa. I vari colletivi del barrio, presentano le loro proposte o migliorie al barrio. Ascoltati se responde ogni delegado per la sia specialita. Sempre controlati da responsabile ideologico claro. Un giorno, a una riunione al’ aperto, ariva uno straniero francese. Tuti lo conosciamo a piu o meno 60 anni in pensione, sposato con una dona cubana, da anni. Lei mantiene vari chuli giovani a sua insaputa. Bene le reunioni sono publiche, ma la cosa disturba no se sa mai, questi ribolucionari timba sono pericolosi parlano in giro. Il francese co la sua spilla de pcc ( dove le trovano queste spile gli yuma? qualche delegado se le vende sicuro), se presenta come un comunista vero iscritto al pcf francese. Noi tuti que de nascosto ridiamo. L’ ordine e quelo di fare una reunione multo democratica, parlando de problemi, le buche nele strade, la bodega che manca ropa ecc. Il resp de ideologia, que lo yuma no sa chi è; è il piu arabiato de tuti, contro el gobierno, la municipalita, uno spetacolo..jajaj.Una reunione che pareva na comedia de goldoni,” le baruffe cubane”.
    Dopo 15 giorni torna el francese, il presidente se incomoda,ma no se puo negare nula. Altra commedia, urla, critiche, tanto que chi no sapeva, ando via per paura. La moglie de il presidente che dice la municipalita era tutti ladri jajaj ( suo marito è un grande funzionario) . Finita la reunione, ci siamo guardati, bisognava no far venire piu’ lo yuma. idea fu, questa, se mando na chismosa da la moglie delo yuma, dicendo que, suo marito al cdr, aveva conosciuto na ragazza, e questa lo stava mecanizando jajajaj. Il francese no vengo piu, per buona fortuna del nostro cdr. Che ritorno tutto come prima. Capite qualcosa..di cosa e Cuba.
    Per Paolo, ti interessa un libro, che posso fare, con dati scentifici veri su asbetosi e carciroma polmonare a Cuba,per l’ uso di eternit nei teti dele case. Vorrei intitolarlo “morti silenziose” mi sembra un buon libretto su la situazione cubana. Pensaci. Pippo

    by pippo ibarra on apr 7, 2009 at 15:37

  170. Regola n. 1:
    valevole sia a destra che a sinistra, per TUTTI, fidelisti, chavisti, disidentes, maoisti, fascisti, anarchici, cattolici, militanti dell’Opus Dei, raeliani etc etc …
    le parolacce sono vietate (come a scuola no?)

    by A. on apr 7, 2009 at 15:40

  171. Cioé bisognerebbe chiudere la discussione perché non ha preso il corso che piace a te e qualcuno si permette di dissentire? Che bella faccia faccia tosta e arroganza hai, anonimo uno. E che cosa è stato indiscutibilmente dimostrano, secondo te? Che Ibarra è vile e arrogante? E chi lo avrebbe dimostrano e soprattutto come? E tu chi sei, il commissario del popolo, per decidere e imporre ad Annalisa la tua democratica “linea”?

    by Anonimo2 on apr 7, 2009 at 16:14

  172. Che schifo!!!!!!!!!!!

    by Anonimo on apr 8, 2009 at 01:06

  173. senza isterismi, però, anonimo bello. tranquillo che va tutto bene ; - )

    by anonimo2 on apr 8, 2009 at 01:36

  174. perchè che schifo? Forse quando il pensiero unico vacilla, per qualcuno diventa un problema. signori pensare con la propria testa, senza insultare chi la pensa diversamente, vi sembra troppo?
    Che tristezza vedere, uomini adulti, offendere come dei ragazzi di strada.

    by gilberto maraschi on apr 8, 2009 at 06:50

  175. Beh, se va tutto bene!!!!!! E se questo è il risultato del “pensare con la propria testa”, allora aveva ragione chi tagliava le teste. Per fortuna avete inscenato la solita farsa. Sono sicuro che sul lavoro, con gli amici ed in famiglia siete delle ottime persone. Chiedetevi cosa vi spinge a venire quì a mettere in atto questa messinscena. Se riuscite a darvi una risposta siete sulla via della guaragione. A meno che non siate tutti irrecuperabili come Cavallini. Comunque non può fregarmene di meno, solo un poco di amarezza nel constatare certi stati di in-coscenza dell’essere umano. Ma basta girare lo sguardo altrove.……
    Bye-bye

    by Anonimo on apr 8, 2009 at 11:00

  176. Vedo che come il solito,no otengo resposte dai i bravi ribolucionari con la pancia piena e le tasche. Il sistema lo conoscete bene, appunto girare la testa, ofendere, denigrare. MAI RESPONDERE !!! jajajaja Poi nei tempi e modi farla pagare al vile traditore. Bueno, tanto per i prosimi giorni no ci sentiamo, sono volontario en Abruzzo. Dovete esere contenti, que l’ Italia sfruta la mia specializazione en pronto socorso, en disastri naturali presa a Cuba. Ben 5 mesi de corso. Qualcuno potra dire que la protecion civile Italiana si basa sul esperiencia cubana. Magari con enfasi de radio reloj. Per Paolo Rossignoli, vedo que il libro no interesa, sai se vuoi invece di escrivere Cuba, scriviamo Costa rica e le morti bianche, così lo publichi subito vero!!!Cmq Paolo, se te gusta facciamo “50 anni di ribolucione: Tania la guerigliera” Colana i protagonisti, libri meno impegnativi, divulgativi ecc ecc. Rossignoli spero que i viaggi al dopio del prezo per 1 maggio li ai venduti.…jajaj sempre valida la mia oferta, bravo imprenditore SUL socialismo Paolo. Poi piu tarde ve raconto la storia de mi Zia 80 anne. Prima de partire, a fare cose serie. Pippo

    by pippo ibarra on apr 8, 2009 at 12:21

  177. Io vorrei invece capire, anonimo, di chi vorresti tagliare le teste e perché. E perché e cosa è uno schifo. Prova a spiegarlo con parole tue, dai che ci riesci ; - ).

    by anonimo2 on apr 8, 2009 at 16:12

  178. Vi facio gli auguri buona pasqua a tutti,
    Io parto domani e sto via 5 giorni in abruzzo,ad aiutare qui a bisogno.Qualche buena azione la facio, anche se sono un vile.Un saluto ad Annalisa donna paziente e inteligente. Un augurio ala banda Bakunin, Paolo, e a tuti queli que capiscono veramente Cuba Nino, massimo ecc.
    Volevo dire que se per caso qualcuno a Cuba conosce Prieto, musici vicino a Lui, qualque scrittore, be magari no telefonate in questi giorni.…Aresti piu o meno grandi stano partendo. Cuba no es facile.….pippo

    by Pippo ibarra on apr 8, 2009 at 23:58

  179. Tanti auguri anche a te Pippo. Cuidate mucho.

    by Anonimo2 on apr 9, 2009 at 01:37

  180. .…Aresti piu o meno grandi stano partendo. Cuba no es facile.….
    Infatti, Cuba non è l’Italia, i ladroni anche se al potere, vengono arrestati. In Italia invece vengonio eletti Presidenti de Consiglio mentre i povetracci finiscono in galera se si ribellano E CHIEDONO UN LAVORO ED UN PEZZO DI PANE. Ecco svelato il mistero del perchè il nostro Pippa ha lasciato Cuba per venire in Italia e gira con la BMW.….
    Un saluto alla Banda Bakunin, l’Italia ha bisogno di voi!!!!!!!!! PIU’ BAKUNIN, MENO CAVALLINI E MENO PIPPE!!!!!

    by Anonimo on apr 9, 2009 at 10:26

  181. Un saludo cordial y exclusivo a los amigos de Cuba, su heroico pueblo, sus lîderes y la revoluciôn.
    a los enemigos del los procesos revolucionarios tambiên se les combates ignorândolos y que sean sus propias mentiras la causa de su fracaso.
    O es que tiene algûn sentido debatir el “progresismo y la conciencia” de quienes intervienen en este blog?
    No es el momento ni el lugar para ello y ni mucho menos interesa a persona.
    Agradezco a Annalisa y bien puedo asegurar que su inteligencia y compromiso social le permite perfectamente distinguir la intenciôn real de ciertos personajes: infiltrarse, bajar el nivel del debate, y finalmente, lograr que el espacio desaparezca.
    No conseguirân su objetivo. Llegarâ el momento que deberân retornar a sus trincheras reaccionarias porque, evidentemente, ocupan un lugar que no merecen.

    by Pedro on apr 9, 2009 at 11:50

  182. Che la banda Bakunin, eliolibre, tipo serio ecc. ecc. fossero degli anti rivoluzionari il sospetto era molto avanzato. Ma ora è sicurezza, portano avanti pari pari le tesi di yoani sanchez di generation y. Nota blogher cubana anti, non so che. Altri nemici del popolo scoperti cari compagni. Con l’ ultimo post di bakunin club, si smaschera ripetendo le cose che appunto dice la Sanchez. Ora con calma, lo apetteremo al varco.

    by M. Minichillo. on apr 9, 2009 at 13:04

  183. Grazie Pedro! Che differnza tra te ed il Minichiello, nuovo nik del finto cubano! La differenza è la stessa che c’è tra le persone coscenti e gli incoscenti, inconsapevoli armi in mano ai criminali che offuscano i nostri tempi.
    Hasta luego amigo!

    by Anonimo on apr 10, 2009 at 01:28

  184. Grazie Pedro, cari saluti a te e tutti voi

    by Annalisa on apr 10, 2009 at 09:07

  185. Annalisa y Anônimo.
    Agradezco vuestras expresiones y les invito a no claudicar en la denuncia y esfuerzos en pro de la justicia social y la verdad histôrica. Ustedes, representan la fuerza solidaria que en los momentos mâs dramâticos de la historia de Latinoamêrica nos ha dado la motivaciôn de superarlos y continuar avanzando hacia una sociedad mejor.

    by Pedro on apr 10, 2009 at 15:08

  186. Mi unisco agli auguri. Auguri ad Annalisa, paziente e silenziosa. Auguri a Pippo che ha raccontato ai pretonzoli del castrismo (rubo al Alex, al quale pure faccio gli auguri, questa bella espressione) un po’ di Cuba autentica. Auguri a Pedro che, tra i summenzionati pretonzoli, è forse il più pretenzioso e solenne, anche se di assai poche pretese ed ancor meno solenne, anzi, decisamente pavido, è il suo pensiero, tutto contenuto in un costante, asfittico invito a non partecipare ad una discussione — “con lo fascistas non se discute” — che, evidentemente, gli fa paura. Ed auguri, soprattutto, alla simpatica e sbrindellata banda Eliolibre-Anarkik-Bakunin che, dopo essersi orgogliosamente e biblicamente moltiplicata, ha poi finito per rattrappirsi (un po’ come le ideuzze fisse di cui è espressione), presentandosi sotto le piuttosto dimesse spoglie di “anonimo”, ma mantenendosi fedele ad un sacro e, anch’esso, molto rattrappito principio: chi osa criticare il governo cubano è un figlio di Satana. Auguri, infine, a Isa Conde, a Pascual Serrano (nonché, di nuovo, ad Annalisa), e a tutti coloro che si sono accorti che, a Cuba, qualcosa non va, quando hanno cominciato a veder cadere le teste del “fidelisti”. Mas vale tarde que nunca. Buona Pasqua a voi tutti.

    by mc on apr 10, 2009 at 16:56

  187. Ma Pedro esiste sul serio o è uno scherzo? Cioé sembra la caricatura del rivoluzionario, non può essere vero, nessuno parla così se non nei film comici!!!!!

    by anonimo2 on apr 10, 2009 at 19:45

  188. Dimenticavo. Tanti auguri ad Annalisa e a tutti voi, auguri Cavallini ed Eliolibre.

    by 974185 on apr 10, 2009 at 19:46

  189. @Anonimo 2
    Pedro esiste davvero, certo che esiste. E’ un mio caro amico, che stimo e rispetto.
    Auguri a tutti voi.

    by Annalisa on apr 10, 2009 at 20:26

  190. Tanti cari auguri Annalisa. Voglio lanciare una petizione, “Santa subito”, che credo metterà d’accordo tutti ; - ). Più seriamente, sei un’ottima mediatrice.

    by G. on apr 11, 2009 at 00:07

  191. Anònimo“2″.
    Ingresar a un blog para “medir” el perfil revolucionario de los participantes sôlo te servirâ que la ironîa, si no la sabes emplear, se vuelve siempre contra aquel que la emite.
    Intenta, al menos, exponer una idea,le harâ bien a tu intelecto porque si solamente te dedicas a descalificar significa que careces de ellas.

    by Pedro on apr 11, 2009 at 09:35

  192. Non intervengo per un semplice motivo: ho idee diverse dalle tue e quindi, per tua stessa precedente definizione, sarei un fascista che vuole sabotare il blog. Tu stesso hai detto che non si deve discutere con gente come noi, e io non intervengo e non discuto. Per altro verso, discutere con la gente che la pensa esattamente come me lo trovo poco stimolante e utile. La battuta mi è in effetti sfuggita, ma non era tanto una battuta, a un certo punto mi sembrava che tu stessi “recitando” la parte del rivoluzionario e ti chiedo scusa se non è così.

    by Anonimo2 on apr 11, 2009 at 14:31

  193. Bravo Pedro, giusta osservazione. Tanto giusta che potrebbe, in effetti, essere usata contro di te (a parte, ovviamente, il segmento relativo all’uso dell’ironia, dote a te palesemente sconosciuta). Sarebbe stato bello, infatti, se nel corso delle tue solenni apparizioni, tu fossi riuscito ad esprimere un’idea — o anche solo una mezza idea — che andasse oltre il rifiuto della discussione con tutti coloro che (da te “descalificados” come fascisti)esprimono opinioni che non ti aggradano. Tu, a quanto pare, ti sei attribuito lo stesso ruolo che la Costituzione cubana attribuisce al partito comunista: quello di “forza superiore di direzione” non della societa dello Stato,nel tuo caso, ma del blog. Ed i tuoi interventi, sempre calati da altezze apparentemente stratosferiche, hanno l’ovvia e, perdonami, piuttosto pomposamente ridicola pretesa, di dividere i buoni dai cattivi. O, come vuole il vecchio e molto anchilosato gergo del comunismo ortodosso, quella di “dare la linea”. Fino a questo punto si puo’ discutere, oltre no. Tu hai ragione, Pedro. “Descalificar” e’ un segno di debolezza. Ma poiche proprio questo — “descalificar” — e’ quello che tu hai fatto finora, non credo tu possa lamentarti se qualcuno ironizza suoi tuoi molto pretenziosi e paternalistici interventi. Mettiti alla stessa altezza degli altri, Pedro. E discuti. Vedrai che ti divertirai ed eviterai brutte figure.

    by mc on apr 11, 2009 at 14:43

  194. @Mario ma ci siete o ci fate?
    Quasi quasi mi fate paura, ma la legge anti stalking per i frequentatori del web l’hanno fatta o no? Perchè il citato blog su Elio è una forma di persecuzione bella e buona e se io fossi in lui mi attiverei quanto prima. Poveri noi, come siamo messi male… ma veramente lo dico eh.
    Anzi e siccome la vedo come una forma di persecuzione ti dirò che i tuoi commenti dove parli del suddetto blog o deve linki il sito verranno automaticamente cancellati. Le tue paranoie portale altrove please.

    by Annalisa on apr 11, 2009 at 16:41

  195. Il pur deplorevole sito, è la risposta o l’ esempio di come usano fare le dittature, cubane, colombiane di qualsiasi colore e latitudine. La presa in giro,la distruzione mediatica, distruggere l’ avverario con ogni mezzo. Anche Elio si renderà conto cosa vuol dire. Lui stesso dice che i nemici della rivoluzione vengono derisi insultati, a ragione; perchè persone che non valgono nulla, solo perchè dicono le loro idee. Magari provandolo sulla sua pelle, diventa un po’ più tollerante e democratico. Il sistema è sbagliato come giustamente fai notare quindi inutile.

    by Anonimo on apr 11, 2009 at 17:36

  196. Quel blog su Elio fa schifo, e sono d’accordo, non so come possa venire in mente a qualcuno un’idea del genere. Concordo però con anonimo sul fatto che qualsiasi forma di gogna mediatica faccia schifo di suo. Ci si può scannare apertamente, litigare e insultarsi, ma questo genere di persecuzione, da chiunque venga, la trovo e l’ho sempre trovata crudele e immorale. Opinione personale.

    by G. on apr 11, 2009 at 21:43

  197. Se me acusa de evitar la discusiôn y paralelamente intentar dirigir este blog.
    Basta releer la totalidad de los comentarios y comprobarân que he intervenido en 8 ocasiones (en la primera incluî la copia de un artîculo).
    En cambio, MC, convertido en Fiscal ha participado en 21 ocasiones y en un estilo que ignora las mâs elementales reglas de sintesis.
    Es equivocado hablar de buenos y malos.
    …Mâs bien se trata de personas sinceras e hipôcritas.
    Es en ese plano que reitero que ni en un blog es posible conciliar con quienes defienden posiciones opuestas ni mucho menos enviar “caros saludos” a alguien que sabemos estâ en la barricada opuesta.
    No es sectarismo, es simplemente saber ubicarse en el lugar social que corresponde a cada uno de acuerdo a sus ideas.

    by Pedro on apr 11, 2009 at 23:50

  198. È vero, Pedro, il tuo contributo alla discussione è stato, in effetti, sintetico e decisivo. In sette occasioni sei intervenuto — con toni da qualcuno molto appropriatamente definiti “da pretonzolo”, o da proboviro di sezione — per invitare i fedeli ad evitare ogni discussione. Ed in una — la prima, mi par di ricordare — per riportare l’articolo d’una guardiana della fede che faceva di nome “Norelys Morales” e di professione la “creadora de blogueros y corresponsales de la revolución”. La quale, da te per questo sperticatamente lodata, con male parole si scagliava contro Isa Conde e contro Pascual Serrano, rei d’aver osato sollevare il problema dell’assai poco trasparente siluramento di Pérez Roque e Lage. È probabile anche, caro Pedro, che tu abbia ragione quando accusi me d’aver ignorato, nei miei 21 interventi (22 con questo)“la mas elementales reglas de sintesis”. O meglio: avresti sicuramente ragione, non fosse evidente (lapalissiano, quasi) come tu, al pari del governo cubano che tanto ammiri, vada, in realtà, piuttosto grossolanamente confondendo sintesi con silenzio. O meglio: con quella molto specifica e turpe forma di silenzio che viene imposta dalla censura. Per te e per la Norelys “creadora de blogueros e corresponsales de la revolución”, la Rete è evidentemente soltanto un luogo di propaganda e di ubbidienza. Per me — e per molti altri che hanno cercato di dire la loro — è invece un luogo di confronto. E qui, ancora una volta hai, almeno in parte, ragione tu: la divisione non è, in questo blog, tra buoni e cattivi, bensì tra coloro che non hanno paura delle idee altrui e quelli che, come te e Norylesis, se la fanno sotto ogni volta che ascoltano soltanto l’eco — poiché questo era l’articolo di Isa Conde — di un’opinione critica. Fatti coraggio Pedro. Prova a mettere in naso fuori dalla sagrestia nella quale ti sei rinchiuso. E vedrai quanto bello — bello perché vario — sa essere il mondo.

    by mc on apr 12, 2009 at 01:52

  199. Farsa e hipocresîa. Simplemente.
    Creen posible un diâlogo “sereno” con un personaje que utiliza expresiones como …“se la fanno sotto”?
    Cuando se trata de confrontar IDEAS no es necesario recurrir a têcnicas provocatorias propias de provocadores y cobardes.
    Que continuen con su verborrea,mirândose al espejo y sumergidos en el egocentrismo y la vanidad pensando que el coraje se demuestra a traves de un espacio virtual.

    by Pedro on apr 12, 2009 at 10:19

  200. invece di continuare a seguire alcuni usi a confondere le acque, per evitare che si discuta in modo rilassato ed educato, è opportuno giudicare i fatti. Mettiamo da parte coloro che sono contrari al sistema cubano e che per questo motivo vengono chiamati controrivoluzionari. Prendiamo gli attivisti dell’associazione che propugna a cuba l’esistenza di una sola moneta. Ebbene questi vengono sistematicamente fermati dalla polizia, perchè considerati illegali, non essendo la loro associazione riconosciuta dallo stato. Questi cubani la pensano come raul, nel senso cioè che ritengono debba essere superato il sistema della doppia moneta. Essi, però, a differenza di raul ritengono che si debba farlo subito e non fra 4–5 anni e lo dicono apertamente. Solo per questo fatto sono sottoposti a fermi ed arresti. Dire,perciò, che questo comportamento della polizia cubana non è rispettoso del diritto sacrosanto a manifestare, non trasforma coloro che lo dicono in fascisti.

    by nino on apr 12, 2009 at 13:29

  201. Ti infastidisce l’espressione “se la fanno sotto”, Pedro? Se preferisci, potrei chiamarti “fascista”, come, intervento dopo intervento, hai fatto tu con tutti coloro che hanno osato criticare, o anche soltanto sollevar dubbi sui comportamenti del governo cubano. Ma l’ovvia verità è che, al di là d’ogni epiteto, tu hai paura di uscire dal tuo guscio. Ed usi la tua moralicchia da proboviro (o da pretonzolo) per difendere i tuoi dogmi. Se questo è ciò che desideri, Pedro, resta pure barricato nella tua sacrestia. Ma risparmia agli altri le tue lezioncine. E non buttare via la chiave. Un giorno potrebbe venirti la voglia di sapere quel che succede nel mondo. Ed il desiderio di conosce, finalmente, il piacere del dubbio. Magari cominciando proprio dalle domande — tutte molto pertinenti — che qui sopra ha posto Nino. Suerte y feliz Pascua, aunque no te gusten los buenos deseos de los “fascistas cobardes, sumergidos en su verborrea, vanidad y egocentrismo…”.

    by mc on apr 12, 2009 at 13:58

  202. Pippo è brutto come chiami Obama, mi sa tanto di razzismo, se vuoi riprovaci a scrivere il tuo commento in toni meno sprezzanti verso tutti in generale.

    by Annalisa on apr 14, 2009 at 14:47

  203. Scusa Annalisa, qui in italia e razismo, ma a Cuba, ci si chama cosi, io sono mulatico, mia madre negrona, mio padre el flaco blanco. Chamarsi per colore e normal, anzi e na forma carigna. se ascolti le cansoni popolari cubane, se parla del negro de l’habana, de la triguegna de oriente. se come dite conoscete Cuba, queste cose le dovete sapere. Forse a dato fastidio altro? pippo.

    by pippo ibarra on apr 14, 2009 at 14:58

  204. Poi scusa me parli de rasismo, lo sai que cuba e un paese rasista, tanto. Se tu vai a Cuba, me dici quanta gente de colore( coreto, dime que colore?)vedi a fare i gherenti de bodega que labora per el turismo, nel gobierno quanta gente de colore incontri? lo sai que per noi de colore i posti de lavoro importante vemgono dati a quote, no per la capacita. Per favore, Annalisa, me fa la morale por chiamo Obama. Te giuro que se lo incontro lo chamo come tu sai. Lui mi abraza…pq e cosi ci chama tra hermano, delo steso colore. Piutosto parliamo que in Abruzo o trovato na situacione que me sembrava Cuba, mancava el necesario por curare la gente, solo con l’ inviento cubano o risolto le situazioni. Come dicevo nel post che tu ai cancelado. Poi o detto che Berlusconi me sembrava Fidel ai bei tempi, quando stava bene. Berculosconi se comporta come lui, sa tuto lui, comanda , da consigli insoma rompe come el comandante. Se si incontrano diventano amici. Poi o dito que obana, furbo a fato un oferta a Cuba, su telefoni e internet, vediamo se adeso la scusa e il bloqueo per internet a Cuba. La resposta ja la mandata il comandante, no aceta l’ elemosina, cosi la scusa e ancora buena, por limitare internet. spero de no esere stato rasista. Cmq qualche personagio, qui e stato molto rasista con me, dicendome che me sposo con una tardona,que vengo en italia pq me gusta el grande fratelo. Que jinetavo per l habana ecc ecc. Loro pero no li ai censurati. se ti premeva bastava chiedere le spiegazioni sul mio modo de chamare Obama. Anche pq nel mio post precedente dicevo chiaramnte che io ero di colore.pippo

    by pippo ibarra on apr 14, 2009 at 15:24

  205. ok Pippo tutto quello che ti pare, ma qui siamo in Italia e ti leggono gli Italiani e come hai chiamato Obama non è simpatico, non è simpatico nemmeno come hai chiamato Fidel, e non è bello quello che hanno scritto di te, hai ragione.
    Però cavolo, Berlusconi come Fidel non si può sentire proprio… ; - )
    comunque grazie x aver spiegato meglio. Ciao

    by Annalisa on apr 14, 2009 at 15:53

  206. Berlusconi come Fidel.…va be na broma de satira.…jajja cmq berlusconi, a tuto il fare del conductor…fa ridere. Tiene intorno i chivati que le fano la claque…rompe a tuti, se poteva se meteva el camice e ne insegnava a lavorare..Poi e andato in cucina, a spiegare como fare l’ agnelo.…na comica
    Cmq na certa similar.…jajaj ok me fermo per respeto a tuti…e giusto pensarla come se vuole…pippo.

    by pippo ibarra on apr 14, 2009 at 16:06

  207. …Dagli Apennini alle Ande un solo grido:Melandri,Eliolibre,Rossignoli,Valentino,Bakunin…VENDUTI!!!

    by Nostalgia di Palumbo on set 17, 2009 at 19:49

  208. A la Revolución!

    by Melandri on set 17, 2009 at 22:32

  209. ahh, Rossignoli, Eliolibre e famiglia, facce ridere. Lo sappiamo l’ autunno porta un po’ di depressione, autateci, a sorridere.

    by uomini tristi on set 18, 2009 at 07:03

  210. vieni a cliccare un articolo di fine marzo,
    altro che depressione… siamo veramente messi male, incurabile…

    Appennini… Appennini…

    by Paolo Rossignoli on set 18, 2009 at 18:07

  211. Chiederemo le cure cubane, gli ospedali psichiatrici a Cuba sono famosi, come rimedi. Chiedi al ultimo ricoverato, “panfilo” dopo essersi beccato due anni di preventiva è stato rinchiuso in ospedale psichiatrico. La sua colpa ; lamentarsi di aver fame, davanti ad una telecamera. Viva la Cuba sanitaria.

    by ex depressi on set 18, 2009 at 18:37

  212. @ Paolo
    …ma vai a rispondere a questa fangazza anonima?

    by Viani fangazza che ti curo io "Clinica Santa Rita" on set 18, 2009 at 19:00

Leave a Reply

 

« | »




Articoli recenti


Pagine