Colombia: scontri tra esercito e guerriglia, colpita la popolazione civile

0 commenti

Diffondo questo comunicato stampa del 26 agosto scorso dell’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII rispetto a quanto continua  ad accadere nella Comunità di Pace di San Jose di Apartadó. 

COMUNICATO STAMPA
26/08/2014

Colombia: scontri tra esercito e guerriglia, colpita la popolazione civile

Lo scorso 22 agosto, durante uno scontro tra Esercito colombiano (Brigada Movil XI) e guerriglieri delle FARC, avvenuto nel villaggio di Bellavista (San José de Apartadò-Nord Ovest della Colombia), membri delle forze armate colombiane hanno risposto al fuoco sparando indiscriminatamente ad altezza uomo e colpendo diverse case della popolazione civile locale, altri
beni e capi di bestiame.

Da alcuni giorni gli abitanti di Bellavista chiedevano al battaglione, accampato nel villaggio, di andarsene per non esporre la popolazione civile al rischio di attacco da parte di altri gruppi armati, ma le richieste sono rimaste ignorate.

Il giorno 23 agosto una commissione composta dai volontari italiani di Operazione Colomba, Corpo Nonviolento di Pace della Comunità Papa Giovanni XXIII, assieme ai rappresentanti della Comunità di Pace di San José de Apartadò si è recata sul posto per verificare i danni provocati dalla Brigada Movil XI durante il combattimento con le FARC e per disincentivare, attraverso la propria presenza, nonviolenta ed internazionale, l’uso di ulteriore violenza contro la popolazione civile.

Prima dell’arrivo della commissione i militari della Brigata XI, che secondo quanto riferito dai contadini di Bellavista fino a poco tempo prima erano ancora accampati nella scuola del villaggio, hanno lasciato l’area per non farsi trovare.
La truppa dell’esercito, stimata in circa 80 uomini armati, risulta ancora presente nella zona.

Diverse famiglie e persone del villaggio di Bellavista, in seguito allo scontro armato e al timore che possano verificarsi nuovi episodi di violenza per il permanere dei gruppi armati nella zona, hanno deciso di lasciare il villaggio con grave danno per la loro economia di sussistenza.

Operazione Colomba manifesta estrema preoccupazione per il continuo coinvolgimento dei civili colombiani nel conflitto armato e per la pratica ormai consolidata dell’esercito colombiano di utilizzare case, beni e proprietà private per scopi militari esponendo di conseguenza la popolazione civile a un rischio altissimo e in piena violazione del Diritto Internazionale Umanitario, in particolare della IV Convenzione di Ginevra.

Operazione Colomba chiede il tempestivo intervento degli organi competenti perché fatti del genere non si verifichino più.

Operazione Colomba dal 2009 realizza un progetto nonviolento di accompagnamento della popolazione civile della Comunità di Pace di San José de Apartadò, di cui il villaggio di Bellavista fa parte (www.cdpsanjose.org).

Per informazioni:
Marco Ghisoni
Cell 348–1926645
Coordinatore Operazione Colomba per la Colombia
www.operazionecolomba.it

Lascia un commento Trackback URL: