Annalisa Melandri



« | »

Cuba, ricordi del “Periodo Speciale”

Cuba, ricordi del “Periodo Speciale”

di Hernando Calvo Ospina

 

Nel 1991 accadde l’impensabile: l’Unione Sovietica collassò. Per  un effetto domino  la stessa sorte toccò agli altri paesi del cosiddetto blocco socialista. Tuttavia  uno di essi non passò  al campo capitalista, quello che possedeva  meno risorse strategiche: Cuba. La caparbia   caribeña  insisteva sul fatto che il suo  sistema politico era adeguato allo sviluppo della sua società e che non c’era motivo di cadere ancora nelle mani del vorace impero.

Cuba si ritrovò  senza i suoi principali partner  commerciali, quelli che avevano permesso gli scambi  di navi di zucchero con petrolio e alimenti. Gli Stati Uniti e i paesi dell’ Europa occidentale approfittarono della situazione per raddoppiare  l’embargo, per negarle  la possibilità di accesso al credito  e perfino l’ acquisto di aspirine.  Cuba era sola al mondo. Per questo venne decretato il “periodo speciale in tempo di pace” che praticamente significò una gravissima crisi economica. La parola “non c’è” divenne l’espressione più comune del vocabolario quotidiano. Non c’era riso, ma nemmeno sapone, sale, carta igienica e ancor meno benzina.

Andò di male in peggio. Arrivarono batoste  da tutte le parti, perfino da dove non si sarebbe mai immaginato. Molti di quelli che si erano strappate le vesti per difenderla nei tempi delle vacche grasse, preferirono abbandonare la nave per iniziare a denigrarla. Furono molte le organizzazioni politiche che si proclamavano di sinistra che assunsero come principio quello di attaccare Cuba.  Per ironia, in  alcuni paesi europei, il governo cubano era più rispettato dalle destre.

Restammo in pochi, pochissimi,  quelli che continuammo ad avere fiducia nel fatto che Cuba ce l’avrebbe fatta. Anche se ogni mattina ci svegliavamo con la paura di scoprire  che la rivoluzione cubana  era naufragata   nel mar dei Caraibi e che un altro sogno  di  una società più giusta era affondato con lei.

Cominciarono a guardarci   in modo strano. Quelli che fino a ieri ci chiamavano compagni o compañeros, ci attaccavano ora con appellativi  che rasentavano la volgarità. Come minimo ci chiamavano “dinosauri”, perché eravamo rimasti indietro nella storia. Ricordo che così  mi trattò un rinnegato dirigente europeo che incontrai all’ aeroporto di Madrid quando gli dissi  che stavo ritornando da L’Avana. Risposi soltanto con questa frase che imparai una volta e che poi non ho più dimenticato:  “Preferisco essere un dinosauro che avanza dritto piuttosto che un moderno scimpanzé  che salta di ramo in ramo”.

Disprezzati,  facevamo quello che potevamo per renderci utili. La maggior  parte di questo gruppetto solidale lavorava come formichine, cercando e portando di tutto: medicine, matite, vestiario  e cibo. Nella foga di contribuire portavamo giocattoli che duravano poco perché  funzionavano a pile, che  a Cuba erano diventate introvabili. I pochi aerei della Cubana che ancora volavano,  sembravano camion da carico, portando anche l’impensabile. Altre compagnie aeree, va riconosciuto, chiudevano gli occhi davanti  all’ esagerato eccesso  di peso  che veniva caricato  in cabina. Un giorno, in volo,  sognai che un maiale usciva correndo dal corridoio dell’aereo, sapendo quello che gli sarebbe successo al suo arrivo. Quando mi svegliai c’era intorno una gran chiasso,  quasi una festa intorno a una chitarra e una  “Guantanamera”.

Le notti a L’Avana  o a Santiago trascorrevano nella quasi totale oscurità . Il silenzio era angosciante. Il caldo orribile, l’acqua fresca scarsa perché  l’elettricità  era razionata. A volte, con un poco di fortuna,  fino a  20 ore al giorno, nei momenti più duri del cosiddetto Periodo Speciale.  La prostituzione, sconosciuta per la generazione cresciuta con la Rivoluzione, penetrò in molte località turistiche.  Il futuro era incerto.

Eppure tra tante necessità, non perdevamo occasione per festeggiare qualcosa.  Compariva sempre  una bottiglia di rum e qualche cibo inventato.  Perché  le “invenzioni” ebbero un ruolo fondamentale nel Periodo Speciale.  E la voglia di fare l’amore non mancava mai anche se nello stomaco  c’era appena  un poco di riso e una polpetta “inventata”  a base di buccia di platano condita con aglio.

A quei tempi andai a Miami e New York per realizzare un reportage sui gruppi controrivoluzionari cubani, la maggior parte di loro coinvolti in azioni terroristiche[1]. Volevo sapere che cosa avrebbero offerto a una Cuba post rivoluzionaria. Niente di buono. “Tornare  per vendicarsi”. Con questa celebre frase  uno dei capi di questi gruppi  chiese a Washington 48 ore di “licenza” per ripulire dai “castristi” l’isola  il giorno dopo la  caduta della Rivoluzione. Avevano bene chiaro in mente che  sarebbero serviti soltanto da avamposto per il ritorno di Washington. Sarebbero  stati i fantocci che prestavano il volto a  un governo dal quale avrebbero ottenuto solo ottenuto  briciole.

Era tale la sicurezza che la Rivoluzione sarebbe crollata nel giro di pochi giorni, che a Miami faticai  parecchio per trovare  una valigia.  Le avevano comprate tutte perché dicevano “tanto domani si parte”. Avranno ormai le cerniere ammuffite per tanta attesa.

E Washington  prometteva e prometteva. Reagan, Bush padre, Clinton e Bush figlio ricevettero milioni di dollari dalla Florida come contributo alle campagne presidenziali, e molti voti, perché  avevano giurato che durante il loro governo si sarebbe festeggiata la “Cuba libera”. Intanto Washington  serrava il blocco ed esigeva a tutti i paesi di fare lo stesso. Quasi tutti acconsentirono, iniziando da quelli europei.  Si negava e si nega ancora oggi a Cuba perfino l’acquisto di una bambola  contenente  anche  solo una  vite  fabbricata da una ditta statunitense.

I dollari e gli euro scorrevano a fiumi  per creare “dissidenti” nuovi e per continuare a pagare quelli già esistenti.   Oltre alla Sezione di Interessi degli Stati Uniti a L’Avana, la SINA, le ambasciate  di  Polonia, Spagna e  Olanda tra le altre,  divennero centri di reclutamento. Lo stesso  governo del presidente francese Jacques Chirac chiese al direttore della rispettabilissima ONG, CIMADE, di realizzare  un rapporto speciale.  Costui  lo fece alle spalle dei suoi ricercatori e  subalterni. Sulla base di questo documento fu concesso il premio più importante per i diritti umani  a un “dissidente” cubano. [2]

Cuba andava avanti. Incolume. Avvicinandosi  al nuovo secolo l’economia cominciò  a risollevarsi. Si dice,  e sembra che non sia una delle mille storielle con le quali ridevano della loro situazione gli stessi cubani, che i pochi gatti rimasti tirarono un sospiro di sollievo. Non dimentichiamo  che questi animali somigliano molto a un coniglio, dopo essere stati spellati.  Già  lo avevano constatato gli europei alla fine della Seconda Guerra Mondiale.

Nessuno capiva, né  ieri e nemmeno oggi, come i cubani riuscirono a venir  fuori da un momento simile. La  Banca Mondiale e il Fondo Monetario  Internazionale,  ai quali Cuba non aveva il diritto ad accedere  per ordine di Washington, designarono esperti perché  lo spiegassero.  Non trovarono  risposta.

Anche io feci le mie ricerche. I cubani mi raccontarono che un giorno Fidel disse loro: “ce la faremo”. E la stragrande maggioranza di loro  gli credette. Sicuramente  questo non era  sufficiente.  Quello che non vollero   vedere  gli esperti era che la fiducia nel valore della LORO Rivoluzione portò  ai cubani unità, coraggio, ottimismo e le necessarie energie.

Durante  sette anni, tanto durarono i momenti più terribili di questa situazione,  non si pensò  mai di privatizzare una scuola, una università o ancor meno un consultorio medico . Nessuna delle principali conquiste sociali  della Rivoluzione fu toccata. Anche se i mezzi erano scarsi e umili, nessuno morì  per mancanza di cure mediche, né  ai bambini furono negati gli strumenti scolastici o il bicchiere di latte quotidiano.

In una sola occasione si ebbero incidenti, con vetrine rotte e saccheggi. Accadde a L’Avana. Sembra che questo  colse di sorpresa i vertici del governo. Fidel  si trovava nel  Consiglio di Stato  e ordinò di andare dove stava  succedendo, nel  Malecón. Giunse in una jeep senza scorta. Raccontano che scese, avanzò e si fermò  davanti a quelli che protestavano.  Disse loro di tirare a lui le pietre,  perché  come primo dirigente del paese,  era il responsabile  della situazione. E … tutti iniziarono ad acclamarlo!  Era finita la protesta  appena iniziata. L’unica in tutta la storia della Rivoluzione.

Senza ombra di dubbio, e nemmeno questo tennero  in conto gli economisti da scrivania, le Forze Armate Rivoluzionarie,  FAR,  ebbero un ruolo fondamentale    nella crescita dell’ economia. Il ministro di allora, oggi presidente del paese, Raúl Castro, aveva già esperienza in  economia di guerra. E non da un giorno,  ma fin da  quando stava nelle montagne cubane, combattendo da  guerrigliero contro la dittatura. Nella parte orientale del paese  creò  una specie di “repubblica indipendente” nel 1958, a soli  27 anni.  Alla guida del Secondo Fronte Orientale  “Frank País”, organizzò uno  stato rivoluzionario che si auto sosteneva dal punto di vista alimentare e che aveva perfino un servizio postale ed aereo.

Quello che oggi sta cercando di fare Raúl affinché  il paese non spenda più tanto denaro per l’importazione di alimenti in realtà fu  una  esperienza già messa in pratica dalle FAR. Queste svilupparono durante il periodo speciale le imprese a più alto rendimento economico, che continuano ad esserlo ancora oggi. Per realizzare questo,  Raúl Castro allora fece  affidamento  su uno dei migliori esperti  in materia, il generale Julio Casas Regueriro, attuale ministro delle FAR, scomparso  lo scorso 3 settembre.

Oggi, quando si cammina la mattina per le strade  di L’Avana  e si vedono gli autobus prestando servizio,  quando gli ascensori funzionano senza problemi fino all’ ultimo piano,  si ha la dimostrazione che  il periodo più buio è passato.

Ancora  c’è  molto da fare. Sicuramente con l’esperienza tratta dagli errori, sommata all’unità di questo popolo e alla fiducia che ha nella sua Rivoluzione,  si continuerà  a costruire.

Traduzione di Annalisa Melandri – www.annalisamelandri.it



[1] Disidentes o mercenarios? . Calvo Ospina / Declercq. Vosa, Madrid, 1998

[2] Idem

Posted by on 21/09/2011.

Tags: , ,

Categories: America latina, Cuba, Featured

0 Responses

Leave a Reply

 

« | »




Articoli recenti


Pagine