Annalisa Melandri



« | »

Juan Manuel Santos, da falco a colomba

Di HERNANDO CALVO OSPINA *©Le Monde Diplomatique in spagnolo. Marzo 2011.

Sorprendentemente, da quando il 7 agosto del 2010, Juan Manuel Santos ha assunto la presidenza della Colombia, si è trasformato da falco in colomba. Il suo gesto più inaspettato è stato quello di trattare come suo “migliore amico” Hugo Chávez, presidente del Venezuela, quando lo ha incontrato tre giorni dopo il suo insediamento, ripristinando le relazioni diplomatiche con Caracas. Ha ristabilito anche con l’Ecuador i rapporti a tempo di record. D’altra parte, quest’uomo venuto dalla destra afferma adesso che la “prosperità sociale” è il principale obiettivo del suo mandato. Come spiegare cambiamenti tanto spettacolari?

Dal 7 agosto scorso del 2010 Juan Manuel Santos è il presidente della Colombia. Appartiene all’oligarchia tradizionale. La sua famiglia ha costruito il suo potere grazie al quotidiano di Bogotá El Tiempo, “utilizzando i mezzi di comunicazione a suo piacimento, sempre al servizio del potere” secondo Alirio Uribe Muñoz, avvocato difensore dei diritti umani. Laureato da sottoufficiale all’Accademia navale ed economista formatosi nelle università degli Stati Uniti e del Regno Unito, è arrivato ad occupare i ministeri del Commercio estero e dell’Economia. Nel 2004 lascia il partito Liberale e sostiene il governo di estrema destra del Presidente Álvaro Uribe. L’anno successivo è nominato capo della campagna per la rielezione di Uribe e del vice presidente, suo cugino Francisco Santos. Nel luglio del 2006 viene nominato ministro della Difesa, incarico che ricoprirà fino al maggio del 2009, quando decide di candidarsi alla presidenza della Colombia.

Essere presidente divenne per Santos un’ossessione fin dal momento in cui la Corte Costituzionale si oppose alla candidatura di Uribe per il terzo mandato. Oltre alle ansie di potere Santos doveva proteggersi contro eventuali denunce penali per crimini contro l’umanità commessi contro la popolazione civile dalle forze armate e di sicurezza al suo comando. Per ottenere il suo scopo, non si è fatto scrupoli – a detta dell’avvocato Alirio Uribe Muñoz – a utilizzare l’ influenza delle “truppe uribiste”, principalmente paramilitari, narcotrafficanti e i 130 parlamentari processati per diversi crimini.

L’avvocato ci fa questo quadro: “L’ex presidente Uribe rappresenta il mondo agrario e latifondista arricchitosi con l’esproprio delle terre, rudo e violento, amalgamato alle classi emergenti del narcotraffico e dei crimini del paramilitarismo. Invece Santos è l’uomo della città, colto e cosmopolita per eccellenza. Nonostante, con la sua famiglia abbia approfittato dello Stato per agevolare i suoi affari personali e per arricchirsi. Come esponenti dell’oligarchia non hanno avuto remore nel favorire e nell’ utilizzare i metodi violenti per mantenere i propri privilegi.”

Nel novembre del 2005 il ministero della Difesa approvò una direttiva segreta che dava un prezzo alla testa dei guerriglieri. I militari iniziarono ad assassinare dei civili, facendoli passare per “ribelli caduti in combattimento” che presero il nome di “falsi positivi”. La Procura Generale sta indagando circa tremila casi, tra i quali adolescenti, ritardati mentali, indigenti, tossicodipendenti…

Quando Santos giunse al ministero, nel luglio del 2006, si registrarono 274 casi di “falsi positivi”. L’anno seguente si raggiunse il culmine: 505 omicidi… Di fronte allo scandalo mediatico e ai rapporti dell’Alto Commissariato dell’ONU, la pratica si detenne: nel 2009 sette casi… 27 ufficiali furono ritirati, tra i quali tre generali, ma … senza attribuirgli la responsabilità degli omicidi. L’ONU affermò, nel luglio del 2009 che “l’impunità in relazione alle esecuzioni extragiudiziali arriva fino al 98,5%”.

I paramilitari sono stati gli incaricati della strategia della “terra bruciata” che cerca di svuotare le campagne dalla popolazione non favorevole al governo. Esistono più di 4 milioni di contadini sfollati, cioè più del 10% della popolazione. Circa 10 milioni di ettari di terra di elevato interesse economico sono stati così rubati alle vittime e offerti alle multinazionali, a nuovi latifondisti paramilitari, cacicchi politici e vertici militari.(1) Ora il presidente Juan Manuel Santos ha presentato la “Legge di Terre” come la panacea, con la quale si cerca di restituire le terre agli sfollati. Al compimento dei primi cento giorni del suo mandato ha dichiarato: “Ci siamo proposti un piano di azione per consegnare con titolo di proprietà, entro aprile, 378 mila ettari di terre e già siamo a tre quarti dell’obiettivo.” In realtà però si tratta di 10 milioni di ettari…

Nonostante se ne parli molto poco, si stima che 250 mila persone siano “scomparse” per mano delle forze di sicurezza e dei loro paramilitari. Soltanto negli ultimi quattro anni sono scomparse 40 mila persone.(2) Alcune di loro vennero sotterrate nella maggior fossa comune dell’America latina, scoperta dietro una caserma dell’Esercito a 200 chilometri a sud di Bogotá: più di 2000 cadaveri…(3)

I paramilitari adesso sono chiamati “bande criminali”, Bacrim. Cifre ufficiali segnalano che queste agiscono in 21 dei 32 dipartimenti colombiani, cioè nel 75% del territorio e che sono comandate per la maggior parte da assassini amnistiati dei loro crimini durante il mandato del presidente Uribe. “Durante le prime settimane del governo del presidente Santos, l’azione delle bande criminali si è intensificata (…) avanzano nel controllo territoriale e politico secondo lo stile migliore delle vecchie strutture paramilitari”.(4) Il nuovo governo insiste nel dire che i loro crimini sono collegati con il traffico di droga, ma “la realtà mostra che poi colpiscono gli attivisti sociali”.(5) Il partito dell’opposizione, il Polo Democratico Alternativo, ha denunciato il 9 novembre del 2010, che nei primi novanta giorni del mandato del nuovo presidente, circa cinquanta leader politici e sociali erano già stati assassinati… Di fronte a questa violenza di Stato, quattro Relatori Speciali dell’ONU hanno esaminato la situazione dei diritti umani. E nelle loro relazioni, il ministero della Difesa si trovava sempre nella prima linea della responsabilità…

Bisogna inoltre sottolineare la stretta relazione di Santos con le autorità di Israele e i suoi servizi di sicurezza. L’ex generale Israel Ziv fu portato in Colombia da Santos – il quale viaggiò in varie occasioni in questo paese del Vicino Oriente – per la cifra di dieci milioni di dollari per dare supporto ai servizi segreti colombiani. “Israel Ziv, ex comandante del reggimento di Gaza, è l’ufficiale di più alto grado tra quelli israeliani che svolgono compiti relazionati con l’addestramento di personale nel governo colombiano. I vincoli militari tra Israele e Colombia risalgono ai primi cinque anni del 1980, quando un contingente di soldati del Battaglione Colombia… alcuni dei peggiori violatori dei diritti umani nell’emisfero occidentale, ricevettero addestramento nel deserto del Sinai da alcuni tra i peggiori violatori dei diritti umani del Medio Oriente” secondo il ricercatore statunitense Jeremy Bigwood.(6)

Nell’ottobre del 1997, Manuel Santos aveva già dato dimostrazione della sua mancanza di scrupoli. Si riunì con i tre principali capi paramilitari per proporgli la partecipazione in un colpo di Stato contro il presidente liberale Ernesto Samper (proposta che fece anche alla guerriglia delle FARC e del ELN). Uno di loro, Salvatore Mancuso, lo ha confermato recentemente a magistrati statunitensi e colombiani da un carcere degli Stati Uniti (7) dove è stato estradato, nel maggio del 2008, insieme ad altri 14 narcotrafficanti, per traffico di droga, attività con la quale si finanzia il paramilitarismo.(8) Furono inviati lì anche se i loro crimini erano prima di ogni altra cosa crimini contro l’umanità. Si evitò così che i colombiani venissero a sapere di prima mano delle responsabilità dello Stato con il paramilitarismo.

Nel settembre del 2008, il giornalista venezuelano Josè Vicente Rangel, disse di Santos: “E’ l’uomo del Pentagono nella politica colombiana. Ha acquistato forza all’ombra di Uribe ed oggi possiamo dire che lo ha perfino superato.” (9)

Santos fu un seguace della linea dura dell’ ex presidente statunitense Gorge W. Bush sulla “guerra preventiva” con altre nazioni, con la scusa della legittima difesa. Questo lo portò a realizzare l’incursione militare contro l’Ecuador dove morì un cittadino ecuadoriano, per cui un giudice di quel paese decretò contro di lui un ordine di cattura internazionale per estradarlo. Decisione revocata il 30 agosto del 2010. Nell’aprile del 2010, da candidato alla presidenza, Santos disse che era “orgoglioso” di quell’ incursione. Il presidente dell’Ecuador, Rafael Correa replicò: Santos “non ha capito che in America latina non c’è più posto per aspiranti piccoli imperatori.” Hugo Chávez avvisò: qualsiasi aggressione contro Ecuador, Bolivia, Cuba o Nicaragua, “sarà un attacco contro il Venezuela”. Dal canto suo il presidente boliviano, Evo Morales, designò la Colombia come “servile e obbediente al governo degli Stati Uniti”.

Quello che provocò tensione nella regione fu l’accordo con Washington, firmato nell’ottobre del 2009, con il quale la Colombia autorizzava l’utilizzo di 7 basi militari. Ma dieci giorni dopo l’inizio del governo di Santos, la Corte Costituzionale lo ha dichiarato anticostituzionale. È stato un duro colpo per il presidente. Consuelo Ahumada, docente universitaria a Bogotá, basandosi sui documenti di WikiLeaks, ha scritto: “Risulta molto compromesso il ruolo dell’allora ministro della Difesa Juan Manuel Santos, che ha mantenuto sempre la posizione più dura, in sostegno di Uribe, rispetto a quella più conciliante e diplomatica del ministro degli Esteri. Santos e Uribe, appoggiati dagli USA, erano disposti a sconfinare di nuovo nei paesi vicini per combattere le FARC(…) Non erano infondati i timori dei governanti sudamericani sulla portata regionale dell’accordo con gli Stati Uniti.” (10)

Sorprendentemente, con la presidenza nelle mani, Santos si è trasformato da falco in colomba. Il suo gesto più inaspettato è stato quello di trattare come suo “migliore amico” il presidente Chávez e ripristinare a tempo di record le relazioni con Venezuela ed Ecuador. Secondo Sergio Rodriguez, docente venezuelano: “La rottura con Ecuador e Venezuela aveva significato per la Colombia la perdita di 7 miliardi di dollari nel 2009. E Santos fa parte di quell’ oligarchia reazionaria ma pragmatica, con potenti interessi corporativi da difendere”.

Parallelamente, Santos continua ad approfondire i legami con Washington. Il 30 gennaio scorso, il ministro della Difesa, Rodrigo Rivera, si è recato a Washington con l’obiettivo di “approfondire le relazioni in materia di difesa e di sicurezza con gli Stati Uniti”. E’ stato ricevuto dal suo omologo Robert Gates, così come dal capo del Comando Sud, dal sottosegretario degli Affari di Sicurezza delle Americhe e dal direttore aggiunto della CIA. Forze della controinsorgenza colombiana parteciperanno alla guerra in Afghanistan. Le spese sarebbero sostenute dagli Stati Uniti e dalla Spagna. I comandi militari alloggerebbero in battaglioni spagnoli e così, senza che la Colombia sia membro di questa coalizione, si troverebbero sotto la bandiera della NATO.

Lo stesso giorno che il ministro Rivera arrivava negli Stati Uniti, la Colombia entrava nel Consiglio di Sicurezza dell’ONU per due anni. La candidatura di Bogotà era stata spinta da Washington e Parigi. Per questo non fu casuale, che il 24 gennaio il presidente colombiano si sia recato in Francia invitato dal presidente Nicolas Sarkozy. Juan Manuel Santos ne approfittò per vendere le risorse naturali del suo paese e anche dell’America latina perché “possiede in questo momento ciò di cui il mondo ha bisogno”. Il petrolio, per esempio. Il suo giornale, El Tiempo, titolò per l’occasione: “Santos ha fatto questa settimana un nuovo passo per diventare il leader latinoamericano che vuole essere”.

*giornalista. Autore di El Equipo de Choque de la CIA, El Viejo Topo, Barcelona, 2010. © Le Monde Diplomatique in spagnolo Marzo 2011.

1) http://www.movimientodevictimas.org…

2) http://www.telesurtv.net/noticias/s…

3) http://www.publico.es/internacional…

4) Radio Nederland, Amsterdam, 26/08/2010

5) El País, Madrid, 30/01/2011.

6) José Steinsleger, “Israel en Colombia”, La Jornada, México, 12 de marzo de 2008.

7) El Espectador, Bogotá, 21/04/2010.

8 ) Hernando Calvo Ospina, Colombia, laboratorio de embrujos. Democracia y terrorismo de Estado. Akal, Madrid, 2008.

9) VTV. Caracas, 17 ottobre 2008

10) El Tiempo. Bogotá, 12/01/2011

Traduzione di Annalisa Melandri – www.annalisamelandri.it

Posted by on 16/03/2011.

Categories: America latina, Colombia, Featured, Miei articoli/Mis artículos

0 Responses

Leave a Reply

 

« | »




Articoli recenti


Pagine