Colombia: cosa sono i falsi positivi

4 commenti

(Clicca sull’ immagine per ascoltare  la registrazione della clip realizzata da Guido Piccoli sullo scandalo dei falsi positivi)

Ascolta la registrazione dell’intervista a Guido Piccoli realizzata da Radio Onda Rossa l’11 marzo 2009

E LO STATO DIVENNE IL VERO TERRORISTA
Colombia DEI FANTASMI
  
di Guido Piccoli
Fonte: Il Manifesto 
Scoppia lo scandalo dei «falsi positivi»: l’esercito uccide innocenti e li veste da guerriglieri.
Per soldi, mostrine, licenze. Rimossi 27 ufficiali. Ma il capo, il generale Montoya, viene promosso ambasciatore
Quando si parla di terrorismo in Colombia si è indotti a pensare alla guerriglia, anzi alla «narcoguerriglia, com’è definita dalla gran parte della stampa. Paragonati non solo ai gruppi paramilitari ma anche all’esercito, però, i ribelli appaiono degli angioletti. Anche quelli delle Farc, nonostante i crimini e i frequenti «errori» nelle loro attività (che vanno dai sequestri di civili agli omicidi di persone non combattenti, per arrivare all’uso delle mine antipersona e delle bombole a gas trasformate artigianalmente in ordigni). Non si tratta di assolvere il male col peggio, ma di raccontare la realtà per quella che è, squarciando il velo di falsità e ipocrisia che nasconde il maggiore protagonista del terrorismo nel paese: cioè lo stato, con gli agenti legali e quelli clandestini.
Le dittature latinoamericane dei decenni scorsi, poco importa se con giunte infarcite di militari o civili, crearono macchine di morte capaci di crimini su larga scala e fino ad allora sconosciuti come le cosiddette «sparizioni forzate». Ma quelle erano dittature e combattevano le «guerre di bassa intensità», proclamate dagli Usa di John F. Kennedy. Ma lo scandalo detto dei «falsi positivi», che dopo anni di denunce affiora finalmente anche fuori dai confini colombiani è ben più ignobile. Perché realizzato da una presunta democrazia e perché manca di una qualunque giustificazione ideologica.
Per falsi positivi s’intendono le montature organizzate dai militari per prendersi meriti rispetto al potere politico e, al loro interno, con i superiori. Negli anni 90, erano soprattutto attentati da attribuire alle Farc o a Pablo Escobar, quando questi cominciò a perdere potere e amici potenti: una strategia della tensione alla colombiana che aveva pur sempre un fine politico. Poi si cominciarono ad ammazzare degli sconosciuti, presi a caso nella campagne e costretti ad indossare tute mimetiche prima di essere uccisi. «Mi arrivavano denunce, che trasmettevo regolarmente a Washington, di cadaveri insanguinati dentro uniformi che non avevano un solo foro. Non occorreva essere Einstein per capire» ha ammesso pochi giorni fa al New Herald Myles Frechette, ambasciatore statunitense a Bogotà dal 1994 al 1997.
La pratica assassina, passata inosservata fin quando ad essere ammazzati erano umili contadini, emerse nel novembre 2005 quando nella regione di Cordoba un plotone della XI° brigata uccise e presentò paradossalmente come guerrigliero il fratello latifondista di Eleonora Pineda, senatrice filo-Auc e amica di Uribe (e attualmente detenuta per paramilitarismo). Tutti i delitti, compreso questo ultimo, rimasero impuniti grazie al gioco di squadra delle più alte cariche dello stato: del presidente Uribe e del ministro della difesa Juan Manuel Santos fino ai comandanti militari e ai diversi giudici, intimoriti o complici, che usavano ogni cavillo per insabbiare indagini e processi. La paura costringeva al silenzio i familiari delle vittime. L’impunità indusse gli assassini ad organizzare un vero e proprio commercio d’innocenti, spesso sequestrati con l’inganno anche nelle periferie delle grandi città, trasportati nelle regioni di conflitto del paese e ammazzati senza pietà.
Nel settembre scorso lo scandalo dei «falsi positivi» scoppiò a Soacha, un quartiere meridionale di Bogotà, grazie al coraggio di un funzionario comunale e alla disperazione dei parenti di una ventina di ragazzi denunciati come desaparecidos e ritrovati (alcuni già il giorno dopo) cadaveri nell’obitorio di Ocaña, una cittadina nord-orientale distante 500 chilometri dalla capitale, e presentati dalla locale brigata come sovversivi «caduti in combattimento». Poprio ad Ocaña, mesi prima, un sergente aveva denunciato che nel suo battaglione i soldati erano premiati con cinque giorni di licenza per ogni nemico ucciso: venne espulso dall’esercito. Dopo Soacha si conobbero casi simili in tutto il paese. Inizialmente Uribe e i suoi uomini negarono ogni responsabilità dell’esercito. «Dicono che da qualche parte ci sono settori delle nostre forze armate che misurano i loro successi con i cadaveri, stento a credere che sia vero» disse il ministro della difesa Juan Manuel Santos. In realtà, il body counting era il logico effetto delle pressanti richieste fatte da Uribe ai vertici delle forze armate di mostrare risultati nella loro guerra alla sovversione. Per qualche giorno Uribe continuò a difendere l’esercito, arrivando ad insultare le vittime: «Se sono finiti in quella regione non è certo per raccogliere caffè», disse due giorni prima di cambiare sorprendentemente atteggiamento, ammettendo l’esistenza nella truppa di qualche pecora nera. A fine ottobre il gran colpo ad effetto della rimozione di tre generali e una ventina di altri ufficiali e sottufficiali, coinvolti nel massacro. E, per ultimo, le dimissioni forzate del comandante in capo dell’esercito Mario Montoya, il generale che Ingrid Betancourt abbracciò appena libera. La stampa parlò di depurazione e gran repulisti. In realtà nessuno degli implicati è finito in galera. Al massimo qualcuno ha dovuto cambiare lavoro passando, come tanti paramilitari smobilitati, al soldo delle potenti compagnie di sicurezza private. Montoya, che già annoverava un bel passato criminale (come organizzatore degli squadroni della morte e collaboratore delle bande paramilitari), è stato premiato da Uribe con la nomina ad ambasciatore a Santo Domingo.
E’ molto probabile che anche questo scandalo rimanga quindi impunito, grazie all’efficace copione di sempre, diviso in tre capitoli. Finchè si può, si negano le denunce dei familiari delle vittime o degli organismi di difesa dei diritti umani e si giura sull’onore dei militari (e nel mentre magari si assoldano sicari per far tacere i testimoni più testardi). Poi si finge di sacrificare qualche pecora nera o si fabbrica un capro espiatorio. Alla fine, spenti i riflettori, si salvano le pecore nere (quando non si premiano senza pudore, come nel caso di Montoya) o, nei casi estremi, si eliminano, pur di perpetuare un sistema di potere mafioso e assassino spacciato per democratico.
«Ma quale democrazia? Ti sequestrano, t’ammazzano e ti danno il colpo di grazia» urlavano nella manifestazione del 6 marzo scorso i parenti dei ragazzi uccisi in nome della «sicurezza democratica» di Uribe. La speranza di ottenere giustizia per questa carneficina punendo anche i suoi responsabili maggiori, come Uribe e Santos, risiede lontano dalle aule giudiziarie colombiane, nel rigore della Corte penale internazionale e, ovviamente, nella valutazione politica degli Usa, i veri sovrani della Colombia. Non si sa dove sia meglio, o peggio, riposta.
  1. avatar
    A. ha detto:

    Per lavori sul sito della Radio, il collegamento all’intervista a Guido Piccoli non è al momento disponibile, lo sarà tra oggi e domani.

  2. avatar
    santos ha detto:

    Uribe a Roma!!!!! gentile Signora Melandri nonostante si sapeva da giorni e giorni nessuno a sinistra ha dato un minimo commento sull’arrivo del narco presidente colombiano eccetto il suo sito e quello del bravo Giornalista Carotenuto.….silenzio totale su questo
    sinistro personaggio che ora è in Spagna e tra poche ore sarà a braccetto di Berlusconi e del Papa. non un commento dai media della sinistra anche più radicale…ed ora narcouribe è pronto a essere protagonista al prossimo G8,che silenzio agghiacciante!!!!!Immagino la marmaglia della destra italiana se arrivava Chvavez o Castro o Daniel Ortega.…Sveglia sinistra moderata o radicale PER UNA NUOVA COLOMBIA!!!!!

  3. avatar
    Annalisa ha detto:

    Caro Santos, la sinistra sta attraversando una crisi profonda…
    Speriamo che si svegli per tempo. Ciao

  4. avatar
    santos ha detto:

    la Moratti colombiana!!!!approfitto di nuovo del suo sito gentile signora per aggiungere altre notizie sull’asse Italia Colombia.…Rivela la stampa colombiana che Narcouribe è entusiasta dell’incontro col piduista Berlusconi e
    alla Moratti sarà concessa la cittadinanza onoraria colombiana!!!!
    Capisco che in Italia la sinistra è in crisi…ma dove sono finiti i difensori dei diritti umani??? Che ipocrisia che squallore delle oligarchie italo-colombiane e dei loro cartelli narcotrafficanti !!!!!Perche la Moratti e
    Berlusconi non invitano alla expo Salvatore Mancuso e gli squartatori fascisti paracos?.….In fondo sono degli
    imprenditori che aiutano il libero mercato e l’economia liberista!!!Da quelle migliaia di fosse comuni quei poveri resti degli assassinati, degli
    squartati dai paracos colombiani e dai loro protettori nazionali ed internazionali gridano al mondo vendetta!!!!E finchè avremo forze anche esigue continueremo a denunciare questi
    orrori del mondo libero e del suo impero
    in Colombia e non avremo pace finche nascerà UNA NUOVA COLOMBIA HASTA LA VICTORIA SIEMPRE!!!!!!

Trackbacks/Pingbacks

  1. Colombia, film sui falsi positivi e le favelas di Bogotà - [...] le vittime come guerriglieri caduti in combattimento e aspirare a premi e carriera. Leggi: Cosa sono i falsi positivi? e Cine Colombia:una …

Lascia un commento Trackback URL: