Caso Becerra: porqué renuncio a la redacción de la revista ALBAinformazione

3 commenti

 

Fuente imagen: http://artecontrafalsimedia.blogspot.com/

 

“La solidaridad con el movimiento revolucionario puede ser tomada como pretexto, pero nunca será la causa de las agresiones yanquis. Negar la solidaridad para negar el pretexto es ridícula política de avestruz, que nada tiene que ver con el carácter internacionalista de las revoluciones sociales contemporáneas. Dejar de solidarizarse con el movimiento revolucionario no es negarle un pretexto sino solidarizarse de hecho con el imperialismo yanqui y su política de dominio y esclavización del mundo.” (Fidel Castro Ruiz)

Estimados amigos y colegas, esta nota para informarles de haber decidido, después   de un momento de reflexión,  dejar la redacción de la revista ALBAinformazione.

Esta decisión no ha sido  ciertamente fácil  y su motivación está relacionada a  cuanto  ocurrido al camarada  y periodista Joaquín Becerra,  editor de la agencia de comunicación ANCOLL y miembro fundador de la Agencia Bolivariana de Comunicadores (ABC).

Su detención,  en el día 23 de abril por el gobierno venezolano y la posterior deportación después de dos días en Colombia, efectuada en violación del Derecho Nacional e Internacional, me han herido profundamente como militante anti imperialista y antifascista, como activista por la defensa de los derechos humanos, como internacionalista, pero sobre todo como persona que ha sido siempre solidaria con la Revolución Bolivariana con el proceso político en marcha en Venezuela que tiene en el presidente Hugo Chávez su promotor y alma y hacia  quien, por esta razón, todos tenemos  una deuda moral innegable.

Además de eso, dos acontecimientos que considero hasta más graves de la deportación de Joaquín, han concurrido a confirmar esta decisión. Primero, la declaración del presidente Chávez quien dijo que nosotros que apoyamos Joaquín somos un “movimiento  infiltrado hasta la medula” y que lo “sembramos en Venezuela como una papa caliente”. Esto es simplemente ofensivo e inaceptable y no hay que añadirle más comentarios que no sea el de  relevar de que se trata de afirmaciones completamente gratuitas.  Segundo,  los graves hechos de censura ocurridos  en el canal TeleSUR y la destitución de la presidenta  de la Radio del Sur Cristina Gonzáles por  parte del ministro del Poder Popular para la Comunicación y la Información, Andrés Izarra. Radio del Sur fue entre  los medios independientes que han apoyado Joaquín y han dado cobertura a las protestas contra la decisión del gobierno.

Lamentablemente las mismas posturas del gobierno de Chávez hacia Joaquín,  o sea tildarlo de “papa caliente” o revolucionario irresponsable si no infiltrado, o casi considerarlo como un daño colateral necesario para que el proceso revolucionario pueda seguir su misión,  las he relevado en varias discusiones de estos días entre los mismos integrantes de la redacción de la revista. Aunque con muchos de ellos me une amistad y compromiso revolucionario, no puedo dejar de  sentir estas acusaciones como si fueran dirigidas contra mi misma u otros estimados amigos, camaradas y periodistas que están en serio riesgo de que le pase lo mismo que a Joaquín.

Mi compromiso, aunque mínimo,  en la redacción de la revista ALBAinformazione  (a la que estaba  dedicada también una sección especial en mi pagina web),  lo he asumido  desde el principio como la  manera  con que poder expresar  prácticamente el internacionalismo militante,  que creo sea también una de las formas con  que  se manifiesta  la solidaridad como “ternura de los pueblos”.

Estaba convencida de que,  en el caso de Venezuela, propio por  su gobierno que siempre he considerado  “amigo”, estar en la redacción de la revista  era también la forma con la cual poder conjugar además de la  solidaridad con las luchas de los pueblos, también la solidaridad hacia un gobierno que propio estas luchas afirma de querer defender contra el capitalismo y el imperialismo,  pero sobre todo contra las poderosas oligarquías de los países latinoamericanos todavía serviles a los Estados Unidos y  Europa.

La solidaridad con el gobierno venezolano me parecía tan debida  y tan necesaria propio porqué por estas posiciones y por las reformas sociales, importantes que estaba actuando en el país se encontraba continuamente bajo amenaza desde varios lados, no ultimo el militar, que se podía desplegar desde las bases norteamericanas situadas en la cercana Colombia.

Venezuela, representa para muchos de nosotros la esperanza de la realización del gran sueño de Simón Bolívar, la integración latinoamericana, la construcción de la Patria Grande; una oasis de resistencia y creatividad política y humana en el Sur del mundo contra la prepotencia y el predominio económico pero también cultural del Norte.

Por lo tanto, considero la deportación en Colombia de Joaquín Pérez Becerra una gravísima injusticia (sobre todo porque cometida en violación de la   Convención de  Ginebra de 1951 que prohíbe la entrega de una persona que goza de asilo político en el país desde donde esta persona tuvo que huir), pero también y sobre todo me parece una injusticia desde un punto de vista humano y revolucionario.

Entregar un hombre en las manos de sus verdugos seguramente no es revolucionario, pero sobre todo no es ético y no es civil.

Joaquín, recuerdo, se vio obligado a huir propio de Colombia hace muchos años, para no convertirse en otro número  de los más de 4000 muertos del genocidio político de la Unión Patriótica conocido con el macabro nombre de Baile Rojo. Antes de llegar a Suecia, que le concedió el estatus de refugiado político,  los paramilitares y el ejército colombiano le habían secuestrado y matado a su primera esposa.

Quisiera decirle  al presidente Chávez che incluso   la  reaccionaria Italia berlusconiana ha negado la entrega solo hace unos meses del líder del PKK de nacionalidad holandesa, detenido en su territorio, a Turquía que pedía su extradición.

Otra elección  es siempre posible. Siempre hay una salida digna  cuando no se quiere poner por encima de todo y todos la razón de Estado, este “monstruo canceroso que todo lo devora” como escribió recientemente  el intelectual argentino Néstor Kohan  respecto a este tema.

No,  presidente Chávez, camaradas y amigos de la redacción, no se molesten, pero no puedo aceptar en silencio esta injusticia y también no puedo aceptar en silencio la acusación que se nos hace de ser un movimiento infiltrado “hasta la medula”. Esta acusación golpea en manera baja e infamante muchas personas, movimientos sociales y políticos cercanos  y con quienes solidarizo.

Joaquín no es un terrorista como nosotros no somos infiltrados ni por la CIA ni por el DAS. No quiero poner en dificultad a nadie, en lo contrario siempre hemos defendido el proceso actual en Venezuela y lo seguiremos haciendo.

Joaquín Becerra  ha sido invitado varias veces a Caracas para dar conferencias, debates y encuentros. En una de estas reuniones publicas nació la Agencia Bolivariana de Comunicadores (ABC) de la que él  fue miembro  fundador,  a la que también pertenece mi pagina web,  y que quiere ser un espacio comunicacional para dar voz a nuevas experiencias de construcción del socialismo en Venezuela, a las luchas del pueblo colombiano, a las noticias ocultadas por los medios capitalistas, a las luchas de liberación de los pueblos de otros países, como el palestino y el libio por ejemplo.

Puedo entender entonces muy bien y no me quedo indiferente frente a ellas, las muchas señales  de inquietud, confusión, desorientación y rabia  que recibo todos los días de parte de amigos, colegas y compañeros de Joaquín, propio porque en ellas se reflejan mis mismas preocupaciones y mi mismo extravío.

Extravío que nace de la sensación que desde hace algún tiempo las cosas han cambiado en Venezuela sobre todo respecto a las relaciones con la cercana Colombia.  No entiendo y no acepto pero  como  se pueda lograr esto sacrificando ideales,  pero sobretodo personas. Y aquí la victima sacrificial es un camarada, un periodista y un militante quien siempre ha defendido sin vacilación,  la Revolución bolivariana  de cualquier ataque,  no solamente los que llegaban  desde los Estados Unidos sino también desde las poderosas oligarquías latinoamericanas, desde los grupos empresariales vinculados a las fuerzas conservadoras  europeas, desde los monopolios de la información mainstream.

Es por lo tanto,  respecto al “nuevo curso” que ha tomado el gobierno venezolano hacia  la solidaridad revolucionaria,  que necesito reflexionar con calma y objetividad.

Hace tres años el  presidente Chávez hablaba frente a la Asamblea Nacional en estos términos: “las FARC y el ELN  son fuerzas insurgentes que tienen un proyecto político y bolivariano que aquí es respetado”.

Mientras ahora a la ligera son entregados en las manos del  gobierno colombiano miembros de la guerrilla o periodistas que son paragonados a terroristas como Chávez Abarca,  acusado de ser el principal ejecutor material e intelectual de algunos de los más graves atentados terroristas en Cuba. O internacionalistas vascos como Walter Wendelin son expulsados  del país sin ninguna razón.

Sabemos que este “nuevo curso”  no ha tenido inicio con  lo ocurrido a Joaquín  y espero que no sean verdaderas las declaraciones como la que ha hecho al diario colombiano El Tiempo el ministro de Defensa de Colombia  Rodrigo Rivera, que dice que para destruir las FARC  hay que “cerrar cualquier posibilidad de lo que se llama salida política a esta confrontación” y que eso se logra “por el camino de la cooperación internacional… El caso de Joaquín Pérez es verdaderamente rutilante… La inteligencia de la Policía…logra establecer que viajaría a Venezuela. Y de forma resuelta, sin vacilaciones, el gobierno de Venezuela, en un tema coordinado con el presidente Chávez directamente, nos ha respondido enviándolo a Colombia. Y nos han dicho que frente a cualquier información como esta que les demos, ellos van a responder de la misma manera”.

Me gustaría obtener respuestas  de parte del gobierno venezolano respecto a declaraciones alarmantes  de este tipo. ¿Significa acaso   que en futuro,   cada vez que  Colombia pida a  Venezuela un militante, un refugiado político, un periodista (tal vez sobre la base  de acusaciones inventadas como las que sacan  de  la computadora de Raúl Reyes), Venezuela procederá de oficio?

Siento la necesidad de  apoyar el proceso revolucionario en Venezuela pero desde una perspectiva más apartada pero no menos solidaria.

Siento que no puedo seguir dando mi aporte a una revista que nació como forma de apoyo internacionalista e intelectual  a un gobierno que se dice revolucionario y socialista pero que no duda en entregar en manos de sus verdugos una potencial víctima.

Además de la posibilidad de ser solidaria a un gobierno a cualquier condición y a cualquier costo, hasta  a precio de la vida  y de la solidaridad de un compañero, siento que tengo la posibilidad y el deber de hacerlo con quienes  luchan desde abajo con tenacidad, a veces con dolor,  pero que no se  doblegan  a  juegos de poder.

La Revolución bolivariana, ese magnífico proyecto político que nos hace esperar en una América latina capaz de salir a cabeza alta con dignidad de las infamias del pasado de las dictaduras y de los crimines contra la humanidad, está hecha no solamente  por el gobierno, sino  también por muchos colectivos, personas y fuerzas políticas que sin vacilación,    siguen luchando  a cabeza alta contra el capitalismo internacional, contra el imperialismo de diferente color y bandera,  contra la prevaricación del mas débil sobre el más fuerte.

Seguiré a sustentar y a defender este proyecto común y la esperanza que representa, desde esta  postura.

“No existen poderes buenos” decía una celebre canción del cantor italiano Fabrizio De Andrè. Tal vez  tenía razón…

 

Annalisa Melandri

www.annalisamelandri.it

Republica Dominicana, 22 mayo 2011

 


Caso Becerra: perché rinuncio a far parte della redazione della rivista ALBAinformazione

1 commento


“La solidarietà con il movimento rivoluzionario può essere presa come pretesto, ma non sarà mai la causa delle aggressioni yankee. Negare la solidarietà per negare il pretesto  è una ridicola politica da struzzi, che nulla ha a che vedere con il carattere internazionalista delle rivoluzioni sociali contemporanee. Smettere di solidarizzare con il movimento rivoluzionario non è negargli un pretesto ma solidarizzare di fatto con l’imperialismo yankee e la loro politica di dominio e schiavizzazione del mondo”. (Fidel Castro Ruiz)

 

Cari amici e colleghi, la presente per comunicarvi di aver deciso, dopo un difficile momento di   riflessione, di rinunciare a far parte della redazione  della rivista ALBAinformazione.

Tale decisione, sicuramente non facile,  nasce per quanto  accaduto al compagno e  giornalista, Joaquín Pérez Becera,   direttore della rivista ANCOLL e tra i fondatori dell’ Agenzia Bolivariana di Comunicatori (ABC).

Il suo arresto, il 23 aprile scorso, da parte del governo venezuelano e la successiva deportazione due giorni dopo in Colombia, avvenuta violando il Diritto Nazionale e Internazionale,  mi hanno profondamente ferita, come militante anti-imperialista e antifascista, come attivista per la difesa dei diritti umani, come internazionalista ma  soprattutto come persona sempre solidale  verso la Rivoluzione bolivariana, il processo politico in corso in Venezuela di cui il  presidente Chávez  è promotore e anima e verso  il quale proprio per questo,  tutti noi abbiamo un debito morale innegabile ma anche aspettative significative.

Oltre a questo, sono avvenuti altri  fatti che considero forse anche più gravi dell’arresto e della detenzione di Joaquín e che hanno fatto in modo che confermassi la mia decisione. Il primo, la dichiarazione del presidente Chávez che ha detto che tutti noi che appoggiamo Joaquín siamo un “movimento infiltrato fino al midollo” e che lo abbiamo “seminato in Venezuela come una patata bollente”. Questo è semplicemente offensivo e inaccettabile e non c’ è altro da aggiungere se non che si tratta di affermazioni completamente gratuite. Secondo, i gravi fatti  di censura avvenuti in TeleSUR  e la destituzione del presidente della Radio del Sur Cristina Gonzáles  da parte del ministro del Potere Popolare per la Comunicazione e Informazione,   Andrés Izarra. Radio del Sur è stata tra i mezzi di comunicazione indipendenti che hanno appoggiato Joaquín e hanno dato copertura alle proteste contro la decisione del governo.

Purtroppo le stesse posizioni del governo di Chávez verso Joaquín, e cioè il qualificarlo come “patata bollente” o rivoluzionario irresponsabile, se non infiltrato, o quasi considerandolo un danno collaterale necessario per il proseguimento del processo rivoluzionario, le ho rilevate in varia misura in questi giorni tra gli stessi membri della redazione della rivista. Anche se a  molti di loro mi unisce amicizia e impegno rivoluzionario, non posso non sentire queste accuse come se fossero dirette contro me stessa o contro altri amici, compagni e giornalisti che si trovano in serio rischio che accada loro quanto accaduto a Joaquín.

Il mio se pur minimo impegno nella redazione della rivista ALBAinformazione, (alla quale era dedicata anche una apposita sezione nel mio sito personale),  l’ho inteso fin dall’ inizio  come  forma con la quale poter esprimere praticamente  quell’ internazionalismo militante, che credo sia   anche una delle forme con le quali si manifesta  la solidarietà sentita come  “tenerezza dei popoli”.

Ero convinta che, nel caso del Venezuela e di quel governo che ho sempre considerato “amico”,   questa fosse anche  la  forma con la quale poter coniugare oltre alla solidarietà ai popoli in lotta,  quella verso un governo che proprio quelle lotte afferma di voler difendere e proteggere contro il capitalismo e l’ imperialismo, ma soprattutto contro le potenti oligarchie dei paesi latinoamericani ancora asservite agli Stati Uniti e all’ Europa.

La solidarietà al governo venezuelano mi sembra un atto dovuto e necessario proprio perché per queste sue posizioni e per le riforme sociali importanti,  che sta attuando nel paese,  si trova continuamente sotto attacco da più fronti, non ultimo quello della minaccia di aggressione militare che gli Stati Uniti possono  dispiegare proprio dalle loro basi situate in Colombia.

Il Venezuela rappresenta  per molti di noi   la  speranza per la realizzazione del sogno grande di Simón  Bolívar, l’ integrazione  latinoamericana, la costruzione della Patria Grande;  un’ oasi di resistenza e creatività politica e umana nel Sud del mondo contro la prepotenza e il predominio economico ma anche culturale del Nord.

Per tutto ciò considero la deportazione in Colombia di Joaquin Perez Becerra una gravissima ingiustizia, sia dal punto di vista giuridico,  (contraria alla Convenzione di Ginevra del 1951 che proibisce la consegna di una persona che gode di asilo politico al paese dal quale  tale persona è dovuta fuggire),    ma anche e  soprattutto un atto contrario ai principi della solidarietà rivoluzionaria. Infine, consegnare un uomo nelle mani dei suoi carnefici  non e’ etico e non e’ civile.

Joaquin,  è stato costretto a fuggire dalla Colombia molti anni fa,  per non diventare un numero  in più  degli oltre 4000 morti del genocidio politico della Unión Patriótica, conosciuto con il macabro nome di Baile Rojo. Prima di trovare rifugio in Svezia, paese che gli ha concesso poi lo status di rifugiato politico,  i paramilitari e l’esercito colombiano  sequestrarono e ammazzarono la sua prima moglie.

Vorrei far presente al presidente Chávez che perfino l’attuale governo reazionario dell’ Italia,  si è rifiutato appena qualche mese fa di consegnare nelle mani della  Turchia, che ne reclamava l’estradizione,  un  leader del PKK-KURDO arrestato nel  proprio territorio, di nazionalità olandese.

Un’ altra scelta è sempre possibile. Esiste sempre una via d’uscita diversa dalla  ragion di Stato,  “spaventoso cancro che tutto divora”, come ha recentemente scritto l’intellettuale argentino Néstor Kohan proprio rispetto a questa vicenda.

No,  presidente Chávez, compagni e colleghi di redazione,  non me ne vogliate,  ma io non me la sento di avallare  questa ingiustizia in silenzio, come non me la sento di accettare in  silenzio le accuse che ci sono  state mosse di “ essere un movimento infiltrato fino al midollo”. Questa accusa colpisce in modo basso e infamante tante persone, movimenti sociali e politici ai quali sono vicina e con i quali sono solidale.

Joaquín non è un terrorista come noi non siamo infiltrati né dalla CIA  né tanto meno dal  DAS (i servizi segreti colombiani). Non vogliamo mettere in difficoltà nessuno, al contrario abbiamo sempre difeso il processo in corso in Venezuela e lo continueremo a fare.

Joaquín Becerra  è stato invitato tante volte a Caracas per tenere conferenze,  dibattiti e  incontri. Proprio da uno di questi incontri pubblici  è nata la Agencia Bolivariana de Comunicadores (ABC) della quale lui è stato  uno dei  fondatori, della quale fa parte anche il mio sito e che voleva essere uno spazio comunicazionale che desse voce  alle nuove esperienze di costruzione del socialismo in Venezuela, alle lotte del popolo colombiano, alle notizie occultate dai media capitalisti, alle lotte di liberazione dei popoli di altri paesi, come per esempio quello palestinese e libico.

Capisco quindi e non sono indifferente ai  tanti segnali di inquietudine, smarrimento, disorientamento e rabbia che quotidianamente mi giungono da amici, colleghi e  compagni di Joaquín, proprio perché in quei segnali  si riflettono le mie  inquietudini e il mio  smarrimento.

Smarrimento che nasce anche dalla sensazione che da tempo qualcosa stia cambiando in Venezuela, soprattutto rispetto alle relazioni con la vicina Colombia.

Non accetto però che questo venga fatto sacrificando ideali, e  soprattutto persone. Qui la vittima sacrificale è un compagno, un giornalista e un militante che ha sempre difeso la Rivoluzione bolivariana dagli  attacchi statunitensi, dalle potenti oligarchie latinoamericane, dai gruppi imprenditoriali legati alle forze conservatrici europee, dai monopoli della comunicazione mainstream.

E’ pertanto  sul “nuovo corso” del governo venezuelano  rispetto alla solidarietà rivoluzionaria che ho bisogno di riflettere con calma e obiettività.

Soltanto un paio di anni fa il presidente Chávez di fronte all’ Assemblea Nazionale parlava in questi termini : “Le FARC e l’ ELN sono forze insorgenti che hanno un progetto politico e bolivariano che qui rispettiamo.”

Adesso invece vengono  consegnati nelle mani del governo colombiano membri della guerriglia o giornalisti come fossero criminali comuni e terroristi paragonandoli addirittura a terroristi veri  come Chávez Abarca accusato di essere il mandante e l’esecutore materiale di alcuni dei più gravi attentati contro civili a  Cuba. Oppure allo stesso modo espulsi internazionalisti baschi come Walter Wendelin.

Sappiamo che questo “nuovo corso”  non è iniziato con la vicenda di Joaquín. Spero  non corrisponda al vero quanto dichiarato dal ministro della Difesa della Colombia  Rodrigo Rivera al quotidiano colombiano El Tiempo, e cioè  che per distruggere le FARC bisogna chiudere “ogni possibilità alla soluzione politica al conflitto” e che questo si ottiene “attraverso la cooperazione internazionale”, aggiungendo che  “il caso di Joaquín Pérez Becerra è illuminante … i servizi segreti della Polizia riescono a stabilire che lui andrà in Venezuela, e in forma sbrigativa, senza tentennamenti, ci hanno risposto mandandocelo in Colombia. E ci hanno detto che di fronte a qualsiasi informazione  come questa che gli abbiamo dato, risponderanno nello stesso modo”.

Bene, vorremmo tutti avere delle risposte dal governo venezuelano rispetto a dichiarazioni inquietanti di questo tipo. Dobbiamo aspettarci che ogni volta che la Colombia richiede al Venezuela  un militante, un rifugiato politico, un giornalista, magari sulla base di accuse costruite ad arte, magari  tirate fuori  dal “famoso” computer di Raúl Reyes, il Venezuela deporterà d’ ufficio?

Voglio  continuare ad appoggiare il processo rivoluzionario in corso in Venezuela da una posizione più   defilata, ma non meno solidale.

Non  riesco più  a dare il mio contributo a una rivista che è  nata come forma di sostegno internazionalista e appoggio intellettuale a un governo che si dice rivoluzionario e socialista, ma che non esita a  consegnare nelle mani dei suoi carnefici una potenziale vittima.

Oltre alla possibilità  di rimanere solidali a un governo a qualsiasi condizione e a qualsiasi costo, anche a prezzo della vita e della sicurezza di un nostro compagno,  sento di  avere la possibilità e anche il dovere di farlo verso  chi lotta dal basso, con tenacia e forse sofferenza e  non si piega a giochi di potere e logiche di Stato.

La Rivoluzione bolivariana, quel magnifico progetto politico che fa sperare in una America latina capace di uscire a testa alta dalle infamie delle dittature del passato e dei crimini contro l’umanità,  va oltre l’azione del governo, è attività dei tanti collettivi, tante persone  e forze politiche che senza compromessi  di sorta,  continuano a lottare  contro il capitalismo internazionale, contro l’imperialismo di ogni colore e bandiera, contro la prevaricazione del più forte sul più debole.

Continuerò  a sostenere quel progetto comune e coltivare  la speranza che esso rappresenta, al fianco di chi lotta dal basso.

“Non esistono poteri buoni”,  diceva una celebre canzone di Fabrizio De Andrè.  Forse  aveva ragione…

 

Annalisa Melandri - www.annalisamelandri.it

Repubblica Dominicana,  22 maggio 2010

 

 

 

 

 

 

 


ALBAinformazione con la pace e con l’autodeterminazione del popolo libico contro la nueva guerra neocoloniale per il petrolio

0 commenti

In merito  alle vicende libiche  il Consiglio Politico dell’Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America  (ALBA-TLC), fin dalle prime settimane della crisi aveva  espresso  una dichiarazione in cui si condivideva la preoccupazione a livello mondiale rispetto a quanto stava accadendo nel paese, sperando tuttavia in una soluzione pacifica al conflitto armato. Soluzione, che  auspicavano i paesi membri dell’ALBA,  potesse essere raggiunta   senza ingerenze straniere.

Era già una posizione fuori dal coro, mentre la stampa di tutto il mondo  tra fosse comuni fasulle e bombardamenti inesistenti  addottrinava l’opinione pubblica mondiale sulla necessità di un intervento contro il nemico di turno, ipotesi già ventilata da Fidel Castro in una delle sue Reflexiones.

In seguito è stato proprio il presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela,  Hugo Chávez Frias a lanciare  la proposta di una Commissione Internazionale Umanitaria per la Pace e Integrazione in Libia. Essenzialmente una  proposta anti imperialista dal momento che si facevano giorno dopo giorno più  evidenti i propositi di aggressione contro il paese arabo da parte della Nato.

Non si sbagliavano Fidel e Hugo Chávez. Proprio in queste ore la Libia sta subendo una violenta aggressione  militare da Francia, Gran Bretagna, Stati Uniti e Italia. Una guerra neocoloniale per assicurarsi approvvigionamenti di petrolio per i prossimi anni, malamente mascherata da intervento umanitario.

La riunione delle cancellerie di tutti i paesi dell’ALBA tenutasi a Caracas il 4 marzo scorso, fondamentalmente ha appoggiato e sostenuto la proposta del presidente Chávez, una proposta di pace osteggiata duramente dalla Francia che a quanto pare aveva già  pronti i suoi piani di invasione.  L’ennesima  guerra petro-fintoumanitaria, mentre in tutto il Medio Oriente migliaia di arabi  protestano contro le proprie monarchie e dittature. Yemen,  Bahrein, ovunque le manifestazioni sono violentemente represse dai governi con morti e feriti. In Egitto una giunta militare guidata dalla vecchia cupola di Mubarak continua a detenere il potere (e a fornire di armi, previo consenso USA,   ai ribelli libici). Tuttavia si  invade solo la Libia, dopo aver creato una campagna disinformativa ad hoc sulla stessa linea di quella che preparò l’invasione e l’occupazione dell’Iraq nel 2003, con  l’ostensione delle provette con le armi di distruzione di massa (inesistenti) al Consiglio di Sicurezza dell’ONU.

Per Questo Nicolas Maduro, il ministro degli  Esteri venezuelano, alla riunione delle Cancellerie dell’ALBA ha parlato di due  posizioni nel mondo: “la visione del sud, basata sulla pace e il superamento dei conflitti”  e da altra parte “la visione guerrafondaia che la  NATO e gli Stati Uniti pretendono imporre ai popoli del mondo”.

In Italia l’iniziativa di pace del governo della Repubblica Bolivariana del Venezuela e dell’ALBA-TCP è stata sostenuta senza se e senza ma dalla redazione della rivista ALBAinformazione che ha tra i suoi principi fondanti proprio quella “visione del sud” che guarda  dalla parte della pace, dell’autodeterminazione dei popoli e dell’anti imperialismo.

In un comunicato congiunto, consegnato al console venezuelano a Napoli e firmato dalla Associazione Nazionale di Reti e Organizzazioni Sociali (ANROS), dalla rete Red PorTi America, da Annalisa Meandri, dai  Circoli Bolivariani José Carlos Mariategui di Napoli e Antonio Gramsci di Caracas, dall’Associazione Lavoratori Extracomunitari e Comunitari di Salerno, dall’Associazione La Comune ONLUS, dall’Associazione Solidarietà Proletaria, dal Sindacato Lavoratori in lotta, da ASICUBA, la redazione della rivista ALBAinformazione  preso atto del  delirio collettivo ormai generalizzato,  appoggia l’unica proposta veramente di pace giunta in questi giorni, cioè  quella avanzata dal presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuel Hugo Chávez Frías,  sostenuta pubblicamente dal Consiglio Politico dell’ALBA-TCP.

Segnaliamo che essendo stati praticamente in Italia gli unici a manifestare pubblicamente adesione e appoggio alla proposta di pace del presidente Chávez, il notiziario venezuelano Vision Mundial ha dato copertura mediatica alla nostra presa di posizione.

Qui il video: (min. 4.35)

http://www.youtube.com/watch?v=az1iIB1LP5Q




La redazione della rivista ALBAinformazione sostiene l’iniziativa di pace dell’ALBA-TCP

0 commenti

Il conflitto in Libia è motivo di preoccupazione per i popoli del mondo. Alla perdita di vite umane e alla tragedia dei profughi si aggiungono infatti le minacce di intervento militare da parte della NATO che, come la storia del secolo scorso e degli ultimi dieci anni ha dimostrato, è mossa da interessi tutt’altro che umanitari. Le notizie contraddittorie o addirittura false diffuse dai media ufficiali – come è stato rivelato in più occasioni, anche da studiosi accreditati a livello internazionale – rendono di fatto difficile comprendere quale sia la situazione reale nel Paese.

Appare chiaro che le multinazionali dell’informazione stanno preparando il consenso dell’opinione pubblica a un intervento militare in Libia. Quest’ultimo avrebbe l’obiettivo di ottenere il controllo delle risorse energetiche e idriche del Paese, oltre che di occupare una posizione decisiva nell’area strategica del Maghreb e del Mediterraneo orientale, ancora segnata dai crimini coloniali europei e attraversata di recente da movimenti di portata storica.

Nel contesto internazionale, il governo Berlusconi si distingue per le posizioni contraddittorie quanto reazionarie dei ministri preposti alla gestione dell’emergenza: da una parte il leghista Maroni, che invita gli USA a «darsi una calmata» (Fonte: ANSA – 6 marzo 2011), temendo gli esiti migratori di un’aggressione militare; dall’altra Frattini, che ricalca diligentemente le linee dettate dal Segretario di Stato USA Hillary Clinton e sollecita la presa di posizione della NATO, le cui basi militari in territorio italiano sono già pronte a ospitare le imminenti manovre belliche.

La sola vera iniziativa di pace avanzata negli ultimi giorni è quella del Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela Hugo Chávez Frías, appoggiata pubblicamente dal Consiglio Politico dell’ALBA-TCP (Alleanza Bolivariana dei Popoli per la nostra America – Trattato di Commercio dei Popoli) con un comunicato emesso il 4 marzo 2011 (vedi traduzione in calce).

La proposta (che si può leggere in castigliano al seguente indirizzo web:
http://aporrea.org/venezuelaexterior/n176027.htm) è quella di formare una «Commissione Umanitaria Internazionale per la Pace e l’integrità della Libia», che invii osservatori e operi per una mediazione fra le parti, al fine di evitare un attacco militare del Paese e nel quadro degli sforzi della comunità internazionale per aiutare il popolo libico.

La presa di posizione del governo bolivariano del Venezuela e dell’ALBA-TCP testimonia l’impegno per la risoluzione pacifica dei conflitti e l’autodeterminazione popolare, e conferma che i processi di integrazione in atto in America Latina sono un punto di riferimento per i popoli del mondo, verso la costruzione di un’alternativa necessaria alla guerra e all’oppressione su cui si fonda il capitalismo.

Accogliamo e rilanciamo l’appello dell’ALBA-TCP ai movimenti sociali e all’opinione pubblica internazionale, perchè si mobilitino contro i piani militaristi e interventisti in Libia.

Sosteniamo l’iniziativa di pace del Governo della Repubblica Bolivariana del Venezuela e dell’ALBA-TCP!

Appoggiamo le resistenze dei popoli in lotta!

Per la vita, la sovranità e l’autodeterminazione del popolo libico!

Napoli, 8 marzo 2011

La redazione di “ALBAinformazione”

Primi firmatari:
ANROS (Italia)
RedPorTiAmerica, www.redportiamerica.com, www.redportiamerica.org
www.annalisamelandri.it
Circolo Bolivariano “José Carlos Mariátegui” – Napoli
Circolo Bolivariano “Antonio Gramsci” – Caracas
ALEC (Associazione Lavoratori Extracomunitari e Comunitari) – Salerno

….
Associazione La Comune ONLUS
Partito dei CARC
Associazione Solidarietà Proletaria
Sindacato Lavoratori in Lotta
ASICUBA Umbria

per adesioni scrivere a:
albaredazioneatgmaildotcom

DICHIARAZIONE del Consiglio Politico dell’ALBA-TCP

L’Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America condivide la preoccupazione mondiale per la situazione del conflitto in Libia e la conseguente perdita di vite umane, ed esprime il suo interesse a che il popolo fratello della Libia trovi una soluzione pacifica e sovrana al conflitto armato in corso, senza ingerenze straniere e nella garanzia dell’integrità territoriale del proprio paese.

Appoggia l’iniziativa di pace e unione del presidente Chávez, al fine di creare una Commissione Internazionale Umanitaria per la Pace e la Integrità della Libia, con l’obiettivo di evitare l’aggressione militare della NATO e come parte degli sforzi che la comunità internazionale deve fare per aiutare il popolo libico.

Rifiuta categoricamente qualsiasi tipo di intervento di questo organismo o potenza straniera in Libia, così come tutte le intenzioni di approfittare opportunisticamente, attraverso i media, della tragica situazione creata per giustificare una guerra di conquista verso le risorse energetiche e idriche che sono patrimonio del popolo libico, e non possono essere utilizzate per soddisfare la voracità del sistema capitalista.

L’ALBA si appella all’opinione pubblica internazionale e ai movimenti sociali del mondo al fine di mobilitarsi in risposta ai piani di bellici ed interventisti in Libia.

Appoggiamo la Proposta del Presidente Chávez contro i piani di ingerenza della NATO e degli USA.

Caracas, 4 marzo 2011
[traduzione a cura di «ALBAinformazione»]


La revista ALBAinformazione apoya el llamado del ALBA-TCP por la autodeterminación del pueblo libio

0 commenti

POR LA AUTODETERMINACION DEL PUEBLO LIBIO SOSTENEMOS LA INICIATIVA DE PAZ DEL GOBIERNO BOLIVARIANO DE VENEZUELA– ALBA– TCP

El conflicto en Libia es motivo de preocupación para los pueblos del mundo. A la pérdida de vidas humanas y la tragedia de los prófugos se suman las amenazas de intervención militar de la OTAN organización que, como lo ha demostrado la historia del siglo pasado y de los últimos diez años, está motivada por intereses bien distintos a los humanitarios. Las informaciones contradictorias y no veraces, difundidas a través de los medios –como ha sido demostrado, en más de una ocasión, incluso por acreditados expertos a nivel internacional– hacen imposible entender cuál es la situación real que se vive en ese país.

Es evidente que las multinacionales de la información están preparando el consenso de la opinión pública para una intervención militar en Libia, con el fin de obtener el control de los recursos energéticos e hídricos del país, además de ocupar una posición decisiva en el área estratégica del Maghreb y del Mediterráneo Oriental, zona aún señalada por crímenes coloniales europeos y atravesada recientemente por importantes movimientos históricos.

En este contexto, Italia se distingue por la posición contradictoria y reaccionaria de los ministros encargados de la gestión de la emergencia: por una parte el “leghista” Roberto Maroni (Ministro de Interior italiano perteneciente al partido Lega Nord) invita a los Estados Unidos a “calmarse” (Fuente ANSA 6 marzo de 2011) temiendo por la ola migratoria que pueda desatarse como consecuencia de la agresión militar; por otra parte, Franco Frattini (Ministro de Exteriores italiano) siguiendo diligentemente las líneas dictadas por la Secretaria de Estado USA Hillary Clinton hace presión para una toma de posición de la OTAN, – cuyas bases militares en territorio italiano ya están preparadas para acoger las inminentes maniobras bélicas-.

La única propuesta verdadera de paz de los últimos días proviene del Presidente de la República Bolivariana de Venezuela Hugo Chávez Frías, apoyada públicamente por el Consejo político del ALBA-TCP (Alianza Bolivariana de las Américas y Tratado de Comercio de los Pueblos) con un comunicado emitido por dicho organismo el pasado 4 de marzo de 2011. (Se anexó traducción en italiano de dicho documento).

La propuesta (que puede leerse en español a través de la siguiente dirección electrónicahttp://aporrea.org/venezuelaexterior/n176027.html es la de crear una “Comisión Humanitaria Internacional para la paz y la integridad de Libia”, que envíe observadores y trabaje para una mediación entre las partes, al fin de evitar un ataque militar al país en el marco de los esfuerzos de la comunidad internacional para ayudar al pueblo líbio.

La toma de posición del Gobierno Bolivariano de Venezuela y del ALBA-TCP demuestran el empeño por una resolución pacífica de los conflictos y la autodeterminación de los pueblos, confirmando que los procesos de integración en América Latina son un punto de referencia para los pueblos del mundo hacia la construcción de una alternativa distinta a la guerra y a la opresión, sobre las cuales sienta sus bases el capitalismo.

Acogemos y relanzamos el llamado del ALBA-TCP a los movimientos sociales y a la opinión pública internacional para que se movilicen contra los planes militaristas e intervencionistas en Libia.

Sostenemos la iniciativa de paz del gobierno de la República Bolivariana de Venezuela y del ALBA-TCP.

¡Apoyamos la resistencia de los pueblos en lucha!.
¡Por la vida, la soberanía y la autodeterminación del pueblo líbio!.

Nápoles, 8 de marzo de 2011
La redacción de “ALBAinformazione”

Primeras firmas:
ANROS (Italia)
RedPorTiAmerica, www.redportiamerica.com, www.redportiamerica.org
www.annalisamelandri.it
Circolo Bolivariano “José Carlos Mariátegui” – Napoli
Circolo Bolivariano “Antonio Gramsci” – Caracas
ALEC (Associazione Lavoratori Extracomunitari e Comunitari) – Salerno

….
Associazione La Comune ONLUS
Partito dei CARC
Associazione Solidarietà Proletaria
Sindacato Lavoratori in Lotta
ASICUBA Umbria

adhesiones:
albaredazioneatgmaildotcom


Come leggere o ricevere ALBA inFormazione

0 commenti


Care amiche e cari amici di ALBAinFormazione,

vi informiamo che è possibile leggere i file dei numeri precedenti della rivista anche accedendo ai seguenti links:
http://www.annalisamelandri.it/rivista-alba/
http://www.redportiamerica.com

Per coloro che vogliono ricevere ALBAinFormazione via posta possono, inoltre,  scrivere a : albaredazioneatgmaildotcom  indicandoci:

a. nome, cognome ed indirizzo a cui far recapitare la rivista;
b. numero di copie richieste per numero;
c. la quota che si è corrisposta o si ha intenzione corrispondere al sottostante conto corrente postepay.

ALBAinFormazione è una rivista prettamente militante ed autofinanziata. Possiamo contare prettamente con il contributo di chi vuole sostenerci. Siamo inoltre aperti a contributi in forme di articoli, interviste, etc., di tutti coloro che vorranno proporceli. Coloro che vogliano contribuire alla diffusione della rivista nei propri rispettivi circuiti sono i benvenuti.

Per sostenere ALBAinFormazione:


Tramite Postepay:

4023 6005 9222 6668 intestato a Guglielmo Gelormini

Un saluto rivoluzionario a tutte e a tutti,

Gabriele de Martino di Montegiordano

per la redazione


Intervista a Walter Wendelin, internazionalista basco espulso dal Venezuela.

0 commenti

Fermato per mano di Zapatero

Intervista di Annalisa Melandri a Walter Wendelin, internazionalista basco espulso dal Venezuela

Viene riproposta questa intervista pubblicata sul numero 3 della rivista ALBA informazione

Il 28 marzo  dello scorso anno,  l’internazionalista basco di origine tedesca Walter Wendelin, al suo arrivo a Caracas, fu  fermato dalle autorità venezuelane, espulso dal paese e mandato in Spagna senza che avesse nessun mandato di cattura, richiesta di estradizione o carico pendente con la giustizia spagnola. Walter,militante del movimento internazionalista Askapena, la Sinistra Abertzale (nazionalista), era diretto in Venezuela per illustrare ai politici e ad altri internazionalisti il processo democratico che la Sinistra Indipendentista  basca sta portando avanti da alcuni mesi chiamato Zutik Euskal Herria (Euskal Herria in piedi).

«È stata una questione prevalentemente politica e scorretta dietro la quale si nasconde la mano occulta dell’esecutivo spagnolo» ci spiega Walter in questa intervista, nella quale ci fornisce come strumento di analisi la sua visione rivoluzionaria e militante rispetto a quanto accaduto, invitando a non “sbagliarsi mai nell’individuare il vero nemico”, essendo note le difficoltà che deve affrontare il processo rivoluzionario in Venezuela e come questo sia oggetto di molteplici attacchi sia sul fronte interno che esterno.

A.M.: Walter, ci puoi raccontare come si sono svolti i fatti nell’aeroporto di Caracas?

W.W.: Semplicemente si sono presentati agenti del Servizio Bolivariano di Intelligence, la antica DISIP, chiedendomi di seguirli per rispondere ad alcune domande. Mi hanno anche detto che poi mi avrebbero accompagnato dove ero diretto. Ho avvisato quindi le persone che mi stavano aspettando all’uscita dell’aeroporto informandoli che mi trovavo all’Helicoidal, l’edificio del SEBIN. Lì ho parlato con gli agenti e con il personale del servizio di Immigrazione. Purtroppo alla fine mi hanno invitato ad abbandonare il paese senza spiegazioni ufficiali; sono stato portato in un hotel per passare la notte ed il giorno seguente accompagnato all’aeroporto.

Loro stessi hanno provveduto a cambiare il biglietto. Hanno cercato di farmi firmare una dichiarazione di espulsione, cosa che non ho fatto perché quanto riportato non corrispondeva al vero. Il fatto di non averla firmata d’altra parte non ha comportato nessun tipo di problema. Siccome viaggiavo con i miei documenti era chiaro però che non si trattava di una espulsione regolare come hanno constatato anche le autorità francesi all’arrivo all’aeroporto di Parigi dove sono stato interrogato per circa un’ora su quanto accaduto. Poi ho proseguito il mio viaggio verso Gasteiz.


A.M.: Hai qualche carico pendente o un mandato di arresto da parte della giustizia spagnola?

W.W.: Se avessi avuto qualcosa in sospeso con la giustizia venezuelana, spagnola o francese, o qualche mandato di cattura da parte dell’Europol o dell’Interpol non potrei rispondere a queste domande tranquillamente da casa come sto facendo adesso. Quindi si tratta di una questione meramente politica e scorretta dietro la quale si cela la mano occulta dell’esecutivo spagnolo. Per impedire che in Venezuela e nel resto del mondo si conoscano i fatti e le analisi di quanto accade in Euskal Herria, i Paesi Baschi, da un punto di vista non gradito al governo spagnolo, vengono utilizzate queste modalità poco serie e poco degne che dimostrano la sua debolezza ma che non per questo fanno meno danno e causano meno sofferenza. Alcuni media infatti hanno raccolto dichiarazioni dell’ambasciata e del ministero degli esteri spagnolo che affermavano che quello era esattamente il tipo di collaborazione che si aspettavano dal governo Chávez.


A.M.: Qual è la tua opinione sui reali motivi della tua espulsione dal Venezuela?

W.W.: Immagino che da parte del Venezuela o della sua intelligence si sia voluto compiere un gesto di buona volontà  e di collaborazione con il Regno di Spagna dopo aver firmato una serie di contratti con importanti multinazionali spagnole. Non bisogna dimenticare le pressioni della opposizione “escualida” che attacca il governo accusandolo di complicità con il “terrorismo internazionale” – FARC, ETA-Batasuna, Iran… – e con tutto l’asse del male e che si presenterà alle elezioni legislative in settembre o in ottobre. La situazione del governo Chávez è complicata sia rispetto a questa opposizione che all’ amministrazione USA ma anche internamente rispetto allo stesso chavismo e dalla sua vittoria dipende non soltanto il futuro dei venezuelani e delle venezuelane ma anche il successo di tutto il processo bolivariano in America.

Anche da parte del Regno spagnolo ci sono due ragioni che sono abbastanza evidenti. La prima è che la Spagna ha dovuto dimostrare al suo padrone, l’impero statunitense e principalmente alla sua amministrazione e alle sue multinazionali finanziarie,  che nonostante abbia firmato con il Venezuela contratti vantaggiosi per il capitale spagnolo ma anche per la rivoluzione bolivariana, non vuole contribuire a favorire il processo rivoluzionario bolivariano nemico degli Stati Uniti.

La seconda è che esiste una campagna iniziata alcuni mesi fa da parte del Ministero dell’Interno spagnolo per criminalizzare, danneggiare e impedire il processo democratico – ZUTIK EUSKAL HERRIA – che sta portando avanti la Sinistra Indipendentista Basca. Si tratta di una iniziativa unilaterale senza ricorso alla violenza e secondo principi democratici (come sempre ha fatto la Sinistra Abertzale) che riporta il confronto in un terreno prevalentemente politico  dove lo Stato spagnolo è ogni giorno più debole; proprio per questo lo Stato spagnolo preme per collocare il conflitto politico facendolo rientrare nello schema della lotta “antiterrorista” anche sul piano internazionale.


A.M.: Walter, tu sei sempre stato molto solidale con la rivoluzione bolivariana. Nell’intervista rilasciata a Miguel Suarez di Radio Café Stereo fai un appello a non cadere nella “trappola mediatica” che può offrire quanto è accaduto a Caracas. Cosa significa?

W.W.: Ho voluto dire principalmente che non dobbiamo mai sbagliarci nell’individuare il vero nemico  a maggior ragione per un incidente di questo tipo. Quindi non voglio dare importanza all’accaduto poiché, come ho detto prima, è la dimostrazione delle reali difficoltà pratiche che soffre il processo rivoluzionario in Venezuela a causa del criminale e immorale attacco dell’imperialismo yankee,del sub-imperialismo spagnolo e con la complicità della borghesia “escualida” venezuelana con il suo progetto capitalista neoliberale.

Detto in altre parole: si deve cogliere la differenza tra gli errori e le debolezze delle compagne e dei compagni di lotta e gli attacchi del nemico, bisogna inoltre saper individuare molto bene le quinte colonne nei processi rivoluzionari. Facendo tali distinzioni è molto importante non aggrapparsi ai propri principi individuali considerandoli come valori assoluti, i principi rivoluzionari devono sempre essere collettivi. Dall’altra parte troviamo la manipolazione mediatica. Ne è esempio il titolo di un giornale venezuelano che parlava di “detenzione illegale di un etarra”. Senza entrare nel merito della valutazione dei principi deontologici dei giornalisti, né della loro etica professionale,che lascia molto a desiderare, dobbiamo stare molto attenti all’influenza che hanno le loro menzogne e le loro mezze verità, che vengono ripetute mille volte, come disse Goebbels, per trasformarle in verità, e per suggestionare le nostre valutazioni, analisi ed opinioni. Coloro che strumentalizzano i mezzi di comunicazione per i loro propri interessi personali in quanto élite capitalista,  perseguono una strategia tesa a colpire la lettura critica della realtà di coloro che pensano di avere una visione progressista.


A.M.: Walter, tu quasi giustifichi quanto accaduto a causa della situazione molto difficile che si vive in Venezuela dove il governo è stretto tra il Regno spagnolo da un lato e le pressioni molto forti dell’ opposizione interna dall’altro. Ovviamente, a molti di noi, militanti, attivisti e solidali con le lotte di liberazione dei popoli, la tua espulsione ci ha spaventato da una parte e ci ha fatto riflettere dall’altra… la Spagna, inoltre, continua ad essere un partner economico molto importante per tutti i paesi dell’America latina. Come pensi si possano  coniugare la stabilità di un paese nell’ambito delle relazioni internazionali e gli scambi commerciali con la solidarietà rivoluzionaria?

W.W.: Soprattutto va tenuto presente che non può esserci alcuna stabilità in un mondo nel quale il Capitale ed il suo sistema sono egemoni poiché questi attori o fanno la guerra contro qualsiasi alternativa oppure se la fanno tra loro per l’egemonia. Il capitalismo è proprio questo per definizione. Non esiste nessuna formula o strumento etico che lo possa evitare.

Tuttavia a volte la tensione diminuisce oppure durante brevi periodi si crea una apparente stabilità. Il blocco socialista e l’Unione Sovietica hanno obbligato il capitalismo a sviluppare questi aspetti di stabilità (attraverso l’equilibrio nucleare, il modello keynesiano, la carta dei diritti umani e fondamentali dell’ONU, tra gli altri) ma da quando il modello socialista è stato fatto implodere, la strada è stata spianata verso la competitività totale. Ciò significa un aumento di instabilità globale, che si manifesta in focolai di guerre che sono aumentati considerevolmente ed aumenteranno ancora di più nei tempi a venire. Altra espressione è la cosiddetta lotta “antiterrorista” contro “l’asse del male” internazionale.

Pertanto si deve considerare la stabilità come un obiettivo tattico imprescindibile in alcuni momenti di un processo di resistenza di un paese di fronte all’imperialismo, ma mai come un fattore positivo o strategico in un mondo capitalista. Questo crea valutazioni contraddittorie rispetto a quando sia necessario o imprescindibile e benefico al processo rivoluzionario e quando invece favorisca il grande capitale. Tenendo presente questo possiamo confrontarci purché avvenga sulla base del rispetto nei confronti dell’autorità che ognuno ha sul suo proprio processo rivoluzionario. Vale a dire rispettare il principio di non ingerenza nelle questioni della sovranità nazionale. Questa è la base, il fondamento principale della solidarietà internazionalista.

Per questo dobbiamo rivalutare i principi di internazionalismo e solidarietà che attualmente sono concetti confusi dallo stesso sistema che fino a pochi anni fa li criminalizzava. Quando si sono resi conto che non potevano distruggere la solidarietà internazionalista come principio della sinistra, l’hanno assimilata per stravolgerne il contenuto e trasformarla in un valore che include nel suo discorso e nella sua ideologia persino l’estrema destra neoliberale. La concezione sbagliata del concetto di “solidarietà” è stata promossa dal sistema attraverso le ONG, che l’hanno introdotta nella sinistra, disarmandola. Oggi la solidarietà si è trasformata in un arma. Ciò è molto pericoloso per la sinistra. Quando cerchiamo di recuperare la solidarietà internazionalista come principio rivoluzionario, persino molta parte della sinistra critica combatte questo concetto con l’ erronea giustificazione che non si deve porre in pericolo la “stabilità” e non bisogna dare occasioni al sistema per reprimere l’avanzata della “nuova sinistra”. Il sistema non ha bisogno di scuse. Le usa se le ha e se non le ha, le inventa, sempre. In sintesi: non si deve, né si può mai coniugare la stabilità di un paese con la solidarietà rivoluzionaria. Quello che dobbiamo fare – soprattutto come sinistra europea – è imparare a rispettare i processi rivoluzionari di ogni popolo, soprattutto se non comprendiamo o ignoriamo le loro ragioni.


A.M.: Secondo quanto si legge in «Rebelión», “l’Ambasciata di Spagna in Venezuela ha riconosciuto di aver avuto qualche tipo di influenza nella detenzione e nell’espulsione. Hanno rivelato di aver collaborato con le autorità politiche venezuelane ed hanno affermato che la detenzione è una dimostrazione del tipo di cooperazione che Madrid si aspetta dal Venezuela”. Se non avevi alcun carico pendente in Spagna, non ti sembra che questo sia un ambiguo ricatto che il governo venezuelano non avrebbe dovuto accettare per non creare pericolosi precedenti e soprattutto per non mettersi allo stesso livello degli Stati Uniti che, come sappiamo, hanno  approntato “liste nere” di persone che per le loro idee e per le loro posizioni coerenti non possono mettere piede nel loro territorio?

W.W.: È un ricatto ma per nulla ambiguo, il quale dimostra che non ha nulla a che vedere con  questioni di giustizia o di legalità ma con interessi politici. Se il governo venezuelano avesse dovuto o non avesse dovuto accettare di sottomettersi a questo ricatto è qualcosa di cui si può discutere ma in ultima istanza sono i venezuelani e le venezuelane quelli che devono decidere e gli altri devono rispettare tale decisione. È pericoloso non tanto come precedente – giacché di cose di questo genere ne sono accadute numerose e più importanti, soprattutto tra i rivoluzionari colombiani, ma anche con i rifugiati baschi ed altri – ma il pericolo principale è la demotivazione, i conflitti, le frustrazioni nella stessa popolazione rivoluzionaria venezuelana. Il pericolo risiede nel fatto che molti rivoluzionari si rassegnino e si ritirino dalla lotta o che confondano il nemico, i principi e gli obiettivi prioritari della rivoluzione bolivariana.

Come internazionalista devo evitare che si utilizzi questo incidente per promuovere precisamente questo. Altra questione è che attraverso questo incidente e molti altri sui quali dobbiamo riflettere, possiamo creare un fronte internazionalista contro la legalizzazione delle liste nere, la lotta antiterrorista, la soppressione del diritto di asilo e tutte le altre espressioni controrivoluzionarie che si introducono come principi di uno stato di diritto quando con esso non hanno nulla a che vedere ma sono solo formule per imporre interessi del grande Capitale contro qualsiasi processo progressista, umano, socialista e rivoluzionario.


A.M.: Qual era il motivo del tuo viaggio a Caracas?

W.W.:Il motivo del viaggio era poter incontrare diversi politici e attori sociali che avevano mostrato interesse verso le opinioni e le analisi diverse da quelle trasmesse dai mezzi di comunicazione ufficiali e dagli agenti spagnoli sulla realtà del popolo basco. C’era anche l’intenzione di organizzare brigate internazionaliste con giovani disposti a formarsi come internazionalisti. Uno dei motivi del viaggio era inoltre la diffusione del processo democratico (Zutik Euskal Herria) iniziato alcuni mesi or sono dalla Sinistra Indipendentista Basca, caratterizzato dalla sua forma di dare soluzione ai problemi organizzativi, antirepressivi, politici ed economici e fare un bilancio di questa iniziativa di azioni unilaterali verso la risoluzione del conflitto. Conflitto che il governo spagnolo non vuole che si conosca, non vuole negoziare e rispetto al quale non propone alternative ma considera solo una soluzione finale in cui il popolo basco accetti di subire la sconfitta per mezzo della repressione militare, politica, giudiziaria, amministrativa e poliziesca.

Diverse entità spagnole dicono che stiamo ingannando la gente raccontando menzogne sulla esistenza del conflitto e del popolo basco. Questo è di fatto una mancanza di rispetto paragonabile solo con il reale “porqué no te callas?” diretto ai venezuelani e alle venezuelane: in questo caso poiché presuppone che i deputati, i parlamentari, i ministri, i politici, i dirigenti sociali e la gente in generale non siano in grado di rendersi conto quando qualcuno gli racconta falsità, che non siano capaci di riconoscere una verità da una menzogna e che non abbiano le loro fonti per replicare … in conclusione presuppone che siano idioti. Qualsiasi politico o politica venezuelana ha un livello professionale perfettamente paragonabile a quello di qualsiasi imprenditore, politico o diplomatico spagnolo. Qualsiasi cittadino o cittadina formatosi nel processo bolivariano ha più competenze dei cittadini spagnoli formatisi dalla Televisione Spagnola pubblica o privata, o da giornali come «El País», «El Mundo», «Hola» o «Interviu». In ogni caso questi imprenditori, politici o diplomatici spagnoli sono superiori solo nella loro boria reale, dimostrata dalla nobiltà della quale sono sudditi volontari. So che la mia opinione sul governo spagnolo e la società in generale non è molto lusinghiera per loro e che li può oltremodo infastidire, ma non posso cambiare tale opinione per un imperativo legale o per esigenze inquisitorie. Inoltre, se non fosse perché tentano di imporre la loro volontà e le loro decisioni attraverso la minaccia ed il ricatto, la violenza e la repressione (anche se legalizzata e istituzionalizzata) dove non gli compete – nel Paese Basco e sul popolo basco – non avrei motivo di parlare molto di queste cose.


A.M.: “Zutik Euskal Herria” (Euskal Herria in piedi) è una proposta della Izquierda Abertzale (Sinistra Nazionalista Basca) che propone un ambito democratico verso il superamento del conflitto. Cosa ci puoi dire sull’argomento?

W.W.: In verità parlare di Zutik Euskal Herria richiederebbe un’altra intervista e sarebbe molto importante e interessante poter approfondire e chiarire cosa è e cosa non è. Riassumendo, si tratta di una decisione di cambiamento strategico unilaterale della Izquierda Abertzale per riprendere l’iniziativa politica nel paese. È basata sull’analisi e sulla presa di decisione collettiva di tutti coloro che appartengono al così detto “ambiente terrorista”, che supera i settemila militanti e che si è realizzata durante molti mesi. Il processo è iniziato con la presa di coscienza del fatto che il governo spagnolo, che aveva lasciato il tavolo dei negoziati sulla risoluzione del conflitto alla fine del maggio 2007, non solo non era disposto a riprendere i dialoghi ma che era deciso ad applicare una “soluzione finale” repressiva e vendicativa. Aveva chiuso tutte le strade per l’ennesima volta. La situazione era bloccata. Non si poteva lavorare per una soluzione sensata, giusta e duratura.

D’altra parte alcune persone avevano analizzato il fatto che il governo spagnolo si era debilitato enormemente nello spazio politico, non aveva capacità per confrontarsi politicamente e democraticamente con la risoluzione del conflitto ed era questo che lo manteneva nella strategia criminale negando qualsiasi offerta che non significasse la sconfitta a causa della repressione politico-giudiziaria ed amministrativa dell’esecutivo. Quando abbiamo cominciato a discutere ed analizzare questo ci siamo resi conto che anche molte altre condizioni oggettive e soggettive erano cambiate o erano riuscite a cambiare notevolmente di forma. Era chiaro che per procedere verso un Ambito Democratico necessario a risolvere il conflitto politico era fondamentale agire politicamente in maniera unilaterale per il bene del popolo (vale a dire di noi tutti e di noi tutte) e nella certezza che ci fossero le condizioni per poter cominciare a raccogliere le forze dello spettro indipendentista e per la sovranità del nostro paese in assenza di violenza procedendo alla costruzione di un nuovo soggetto politico per i futuri negoziati e per la costruzione nazionale e sociale. Si è dibattuto fra tutti e tutte e si è arrivati alla decisione di procedere in questa direzione senza aspettare accordi o azioni del governo spagnolo né di altri.

Il governo spagnolo ha agito invece poi rapidamente con la detenzione dei coordinatori e dei  portavoce del dibattito, dei giovani, dei dirigenti, degli avvocati e dei familiari dei prigionieri e delle prigioniere politiche… sono aumentate le denunce di pene accessorie ai familiari, le percosse nelle carceri, le torture, la guerra sporca, il terrorismo di Stato. Tutto questo per paralizzare il dibattito, dividere, rompere e ristabilire lo scenario violento precedente. Ma ancora una volta non sono riusciti a fermare l’avanzata della Sinistra Abertzale. Ed è di questa avanzata, che continua da più di 50 anni verso l’autodeterminazione e la democrazia, che lo Stato ha vero terrore. Per questo manipolano, mentono, dicono che la iniziativa è una “trappola”, che si tratta sempre della stessa cosa, che è “per debolezza”, o “per tentare di evitare la sconfitta”, “per recuperare l’ opportunità di accedere ad un posto di consigliere o sindaco nelle prossime elezioni”… tutto questo è una menzogna e lo sanno.

L’obiettivo della Sinistra Abertzale è un altro: la risoluzione democratica del conflitto e la definizione di regole di confronto democratiche e con garanzie con le quali tutti i progetti politici possono difendersi e realizzarsi con l’unica condizione che prevede la libera volontà delle persone che vivono in Euskal Herria. Ciò non può non includere anche il progetto politico della Sinistra Indipendentista Basca che è Indipendenza e Socialismo.





Presentazione ALBA rivista: incontro internazionale con le Reti e le Organizzazioni sociali

0 commenti

Incontro internazionale con le Reti e le Organizzazioni Sociali

Presentazione della Rivista ALBAinFormazione

 

German Ferrer, Jhimy Arrieta, Luis Medina, facilitadores dell’ANROS (Associazione Nazionale delle Reti ed Organizzazioni Sociali del Venezuela), Antonio Alvarez Pitaluga, Professore dell’Università de L’Habana, Indira Pineda, RedPorTiAmerica (Capitulo Cuba). Maria Vittoria Tirinato, direttrice della rivista ALBAinFormazione — per l’amicizia e la solidarietà tra i popoli.

 

La partecipazione ed il protagonismo popolare sono elemento imprescindibile per costruire un mondo a misura di essere umano. Tessiamo la rete delle organizzazioni sociali, dei lavoratori, degli studenti, dei giovani, degli uomini delle donne, in Italia e nel mondo.

 

Sono invitati a partecipare le associazioni, i gruppi, i collettivi e le realtà sociali interessate a costruire l’amicizia e la solidarietà tra i popoli.

 

29 Gennaio 2010

ore 17,30

 

Centro Culturale “La Città del Sole” — vico Giuseppe Maffei a San Gregorio Armeno, 4

 

 

a seguire pizza fritta, birra e panzerotti

 


Nasce una nuova rivista: l’ALBA

2 commenti


Scarica AlbaAprile

E’ nata quest’anno l’ALBA, la nuova rivista per “l’amicizia e la solidarietà tra i popoli”, della cui redazione mi pregio di far parte.

La fotografia a lato  rappresenta la copertina del primo numero uscito nel mese di Aprile.

Qui di seguito sono riportati  alcuni stralci  dell’editoriale scritto da   Sergio Manes, direttore del Centro Culturale La Città  del Sole, che insieme all’Associazione “ l’Internazionale” cura la pubblicazione della rivista:

Il terreno principale di scontro diventa temporaneamente, allora, quello mediatico: è la guerra dell’informazione condotta con l’uso dosato di silenzi e di menzogne, le armi incruente che debbono preparare e legittimare l’uso di quelle di sterminio – bombardieri e truppe di liberazione – nella ennesima esportazione di libertà e democrazia, questa volta da parte dell’iperdemocratico Obama che diligentemente prepara il terreno suggerendo e avallando,  nei fatti, il colpo di Stato in Honduras, legittimando una ferocissima repressione preventiva in Perú contro i popoli indigeni o dislocando nella Colombia del fascista Uribe ben sette proprie basi militari da cui far partire al momento opportuno la crociata ”democratica”…

La scelta del Centro Culturale “La Città del Sole” e dell’Associazione “L’Internazionale” di dar vita a questo periodico è dovuta alla consapevolezza di doversi schierare in questa guerra dell’informazione. Siamo consapevoli che questo sarà un contributo piccolo, sicuramente inadeguato alla forza di convincimento dei media dell’avversario. Ma abbiamo l’ambizione di far conoscere ai lavoratori e ai giovani le straordinarie esperienze che i popoli latinoamericani vanno realizzando, fra mille difficoltà, non soltanto per la propria libertà, ma – nell’epoca della mondializzazione – anche per la nostra: il Venezuela, Cuba e gli altri paesi del Sud America – con le proprie diversità, ma anche con la comune tensione all’indipendenza e all’autogoverno – costituiscono uno straordinario laboratorio di ricerca  e di sperimentazione  per l’intera umanità che si prepara a conquistare – con la libertà, la partecipazione, la dignità – una dimensione umana al proprio futuro”.

La rivista Alba si prefigge pertanto lo scopo ambizioso di rappresentare un momento informativo qualitativamente importante per tutti coloro, singoli e realtà associative,  che hanno bisogno di sentire, vivere e percepire ancora oggi, in questa società sempre più guidata dalle fredde leggi economiche del mercato,  quell’internazionalismo solidale  che necessariamente deve essere il punto di partenza dell’impegno  politico e sociale di ogni militante.

L’America latina è un grande laboratorio. Da questa terra immensa e piena di contraddizioni sociali, economiche e politiche, nascono ormai quasi quotidianamente esperienze e proposte innovative che, paradossalmente, contrariamente a quello che è l’andamento generale della società capitalista e moderna, mettono al primo posto l’uomo, le sue necessità e i suoi bisogni. Non si sta idealizzando sicuramente quanto sta accadendo  in questa parte di mondo, ma  quello che avviene, che si percepisce e che si avverte,  può senza remore essere definito come un Umanesimo latinoamericano. Dove altrove si parla di crisi economica, di saggio di profitto, di prodotto interno lordo,di caduta delle quotazioni, dimenticando sempre più spesso  la dimensione umana e sociale in cui le nuove teorie e applicazioni economiche vanno ad  apportare  contributi e ad applicare modelli,   l’uomo in America latina ha ancora una valenza centrale e fondamentale. Probabilmente perché sono ancora molti, troppi i crimini che vengono commessi contro gli uomini in questa terra, probabilmente perché qui più che altrove la sopravvivenza  è una sorta di lotteria, e proprio perché qui si ha  ancora la necessità di conquistare diritti e confermare conquiste recenti,  in America latina   le passioni e le lotte, l’impegno politico e civile hanno ancora un senso. Se apparentemente potrebbe sembrare un discorso contraddittorio, tuttavia non lo è se si riflette sul fatto che dove l’ uomo soffre e lotta la sua umanità è ancora viva e tenace e dove invece il benessere materiale ed economico è una conquista generalizzata, è proprio lì che il capitalismo apre spazi per nuova disumana barbarie. Dall’America latina in definitiva esce il messaggio per cui ancora vale la pena combattere per i diritti negati. Non  a caso è la terra dove ancora lotta in armi,  contro una delle oligarchie più potenti e ricche, alleata con i trafficanti di droga più pericolosi del pianeta e appoggiata dalla prima potenza militare ed economica del mondo, la guerriglia più longeva e meglio organizzata militarmente dell’area.  Sto parlando delle FARC, le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia che  da oltre 50 anni sono in guerra permanente contro uno Stato criminale e terrorista. Non a caso in America latina, sopravvive la rivoluzione comunista più longeva e assediata del pianeta, la meravigliosa esperienza cubana che ancora oggi  tanti contributi importanti continua a proporre.

L’ Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America (ALBA) e  la Rivoluzione Bolivariana in Venezuela ne sono proprio esempi concreti.

L’ALBA  ha lo “scopo storico fondamentale di unire le capacità e le risorse dei paesi che la integrano, con la prospettiva di produrre le trasformazioni strutturali ed il sistema di relazioni necessarie per ottenere lo sviluppo integrale richiesto per continuare ad esistere come nazioni sovrane e giuste”, si legge in un documento pubblicato sulla pagina web dell’ALBA. (altro…)