Tony Guerrero: Luogo di ritiro(mercoledí 3 febbraio 2010)

0 commenti

 

tante notti di stelle senza nome, tanti effluvi di andate e ritorni … , (Tony Guerrero)


La ragazza che dà le pastiglie

ai tossicodipendenti i calmanti

ha un faccino d’angelo, mi ricorda

una mia fidanzata del tempo passato.

Ogni sera fa il suo giro di ronda,

la sua voce va rompendo il silenzio

ed io lascio lì quel che sto facendo

per vederla passare, un istante.

Lei non mi guarda mai negli occhi

dove molto nascosti conservo

tanti volti di epoche e mondi,

tante notti di stelle senza nome,

tanti effluvi di andate e ritorni … ,

la ragazza che dà le pastiglie.

(Tony Guerrero — traduzione dallo spagno Silvano Forte)

La pubblicazione di questa poesia, oggi giovedí 3 febbraio   rientra nell’ ambito dell’ iniziativa “Poesie per rompere silenzi” che  consiste nel pubblicare ogni giorno dal 26 gennaio al 12 febbraio la poesia corrispondente scritta da Tony Guerrero durante questi stessi giorni dell’ anno 2010. Tony è uno dei 5 cubani detenuti ingiustamente negli Stati Uniti e ha scritto queste poesie durante la sua detenzione in isolamento in una cella chiamata “il buco”. Diciotto lunghi giorni che lui stesso ha  detto essere sembrati un’ “eternità”.


Return to the Mobile Edition.

Lascia un commento Trackback URL: