Caracas, cierre campaña

16 commenti

  1. avatar
    Skeight ha detto:

    Ovviamente sul Corriere della sera si citavano i centomila scesi in piazza per il no, ma di quest’altra manifestazione non si è scritto nulla…

  2. avatar
    nino ha detto:

    il cne ha dato i risultati del referendum tenutosi ieri sulla riforma costituzionale:il no ha vinto con il 50,7%.Ripensando a tutto ciò che si diceva sul “dittatore” chavez,mi sembra che non sia mai avvenuto che un dittatore abbia ammesso una sconfitta e che la sua proposta sia stata respinta,anche se di poco.Si vede che è un “dittatore” democratico:una cosa nuova nel panorama internazionale.

  3. avatar
    nino ha detto:

    il cne ha dato i risultati del referendum costituzionale,tenutosi ieri a caracas,:il no ha vinto col 50.7%.Il presidente ha ammesso la sconfitta.Non mi capacito,però,come un “dittatore” possa perdere e soprattutto riconoscere ciò.Si vede che è un “dittatore democratico”

  4. avatar
    Skeight ha detto:

    La vittoria del no è una bella botta, e devo ammettere anche inaspettata. Però mi trovo d’accordo con Nino, adesso quelli che hanno accusato Chavez di ogni manipolazione dovrebbero chiedere tutti scusa…

  5. avatar
    mc ha detto:

    Caro Nino basta dare un’occhiata alla storia per capacitarsi. La sconfitta l’avevano ammessa anche i militari uruguayani nell’80 e Pinochet nell’88. Come loro, Chavez ha sopravvalutato il suo controllo sui meccanismi di potere e di consenso, nonche’ la sua personale popolarita’. E l’unico che si deve scusare e’ proprio lui. Io credo sia un bene per la sinistra e per il socialismo che io suoi progetti napoleonici siano stati sconfitti nelle urne. Chissa che dall’esprienza non esca un Chavez verbalmente piu presentabile e meno mussoliniano nei suoi atteggiamenti

  6. avatar
    Anonimo ha detto:

    Bye,Bye Melandri goodbye…!dove andrete a farli adesso i vostri esperimenti “sinistroidi”…?
    speriamo che almeno “el cerdo” adesso si ridimensioni un pó…da dare atto comunque la lezione di “democracia”…

  7. avatar
    nino ha detto:

    in venezuela,dove se no.Ti ricordo, anonimo, che nel parlamento bolivariano c’è un 98% di deputati chavisti.In tre anni,poichè il parlamento dura 5 anni ed è stato eletto nel 2005,si potranno fare molte leggi.Ricordo a cavallini,che i militari a cui si riferisce,per anni repressero nel sangue il popolo.Alla fine pensavano di averlo convinto con le brutte,e si sbagliarono.Chavez non mi risulta che abbia represso nel sangue nessuno,anzi.Da quando è arrivato alla presidenza,almeno una volta l’anno, ha tenuto democratiche elezioni.

  8. avatar
    Bruno ha detto:

    Ciao, carissima Annalisa:

    de la derrota de la reforma propuesta quedan tres lecturas.

    1) que Chavez es un democrata, aceptando la pirrica victoria de la oposicion. la gente que pregonaba que Chavez es un dictador, que no iba a aceptar los resultados si le eran adversos, no van a poder seguir utilizando esa tesis en el futuro, ese ridiculo argumento se les acaba de caer por su propio peso una vez mas (como el otro dia cuando acepto la decision del arbitro electoral sobre las firmas planas del Referendo Revocatorio), ha quedado demostrado que Chavez es un democrata y que acepta la voluntad del pueblo. en cambio a nadie en el mundo le quedo la impresion de que si ganaba el SI-SI la oposicion iba a respetar los resultados, nunca lo dijeron, es mas siempre se montaron sobre la matriz de opinion del fraude, que diferencia sobre quien es el democrata, no?

    2) quedo demostrado que la oposicion venezolana tiene un techo en cuanto a sus seguidores. en este referendo volvieron a sacar sus tradicionales 4 millones y tantos cientos de miles de votos, a pesar de la campana de terror y de desinformacion a la que sometieron a los venezolanos, no sumaron mayor cantidad de adeptos, lo que paso es que algunos miles de chavistas votaron en contra de la reforma y otros tantos millones de chavistas se abstuvieron de votar victimas de la campana de desinformacion, el analisis cierto es que la abstencion jugo en contra de la Reforma propuesta.

    3) ha quedado claro que el pueblo venezolano ha votado ‘por la reforma’ y no ‘contra Chavez’ o ‘por Chavez’, ha quedado claro que el resultado no ha sido un plebiscito en contra de Chavez, eso la opisicion lo ha reconocido, y ellos siempre jugaron la carta de que el referendo no era para elegir a un presidente sino para votar una propuesta de pais.

    4) me reconforta el “‘por ahora’ no se pudo” de Chavez en la aceptacion de la derrota. quiere decir que va a profundizar las medidas que supo

  9. avatar
    Bruno ha detto:

    la aceptacion de la derrota. quiere decir que va a profundizar las medidas que suponen una mejora sustancial en la calidad de vida de los venezolanos… y luego, bajo otras condiciones mas favorables, va a presentar de nuevo otra reforma revisada, mejorada, cuidando tecnicismos donde la oposicion no tenga oportunidad de demonizarla y menos de manipular a la opinion publica venezolana.

    el mejor aliciente que me ha dejado esta jornada de fiesta democratica, es que le hemos demostrado al mundo que Venezuela es una nacion profundamente democratica y que esas voces agoreras de que aqui no hay libertades civiles ni politicas, de que aqui se conculcan los derechos y las libertades, eran solo eso: voces agoreras lanzadas al vuelo para manipular y mentir sobre todo al mundo entero mas alla de a los propios venezolanos.

  10. avatar
    Die ha detto:

    Finalmente democrazia é fatta! non aggiungo altro: é successo cio che era giusto che succedesse.

    AnnaLisa mi aspettavo un post sulle tristi immagini di Ingrid&Co.
    Saluti

  11. avatar
    Anonimo ha detto:

    Die,chiedere alla Melandri di criticare le FARC é come sparare sulla croce rossa…

  12. avatar
    Francesco ha detto:

    Non speravo ed è andata. Certo alla “Pirrica” vittoria credono solo i chavisti ma a Caracas tutti sanno che i voti del nò sono una valanga. La morbida Tybisay Lucena ha obbedito e ha diffuso numeri falsi per alleviare la ferita. Non si capirebbe sennò come mai Il supremo abbia riconosciuto la sconfitta così in fretta. Carissimi, visto che il vs. hugo ha dato fino a ieri una connotazione plebiscitaria al referendum adesso ammetterete che in venezuela le cose cambiano. Il parlamento si dovrebbe sciogliere e tutte le forze politiche partecipare ad una costituente.

  13. avatar
    Roberto ha detto:

    la più elevata espressione democratica, il voto popolare e LIBERO, dimostra quanto in Venezuela non ci sia alcuna tirannia di sorta.democrazia non è stata fatta oggi, c’è sempre stata solo che voi cari amici forse avete un’idea un po distorta, l’unica democrazia è la VOSTRA democrazia, l’unica vittoria è la vostra vittoria.ammettere la sconfitta è stato un gesto di umilta ma i numeri in parlamento parlano chiaro e fino al 2012 resteranno questi, le riforme si faranno, non vedo perchè si dovrebbe sciogliere.

    e poi un’ultima richiesta, se posso permettermi.evitate di attaccare annalisa, da veri paladini della democrazia ammetterete che ognuno è libero di esprimere la propria opinione.

  14. avatar
    nino ha detto:

    francesco,penso che sia normale dopo una vittoria insperata essere un pò su di giri,ma tu,forse,esageri un pò,se pensi che un no alla riforma costituzionale si trasformi in uno scioglimento del parlamento nazionale.Anche perchè in base alla costituzione del 1999,che è in vigore,questo potere lo detiene il presidente chavez e non l’opposizione.Se l’opposizione è sicura di poter vincere qualsiasi elezione,perchè non chiede l’assemblea costituente,dato che per richiederla basta soltanto il 15% del corpo elettorale?.Vi sentite così forti da proporla?Penso di no.Questa volta vi è andata bene,la prossima non credo.

  15. avatar
    francesco ha detto:

    Il parlamento nazionale è l’espressione di uno virgola otto elettori su dieci. Ma sù sù! dei democratici come voi dovrebbero ammetterlo che è un po pochino per sventolare leggittimità a quel parlamento di alza manina ubbidienti! Non è serio! L’umiltà poi è l’ultima cosa che chavez possiede. Caro Roberto con te parlare del venezuela non è serio.

  16. avatar
    Annalisa ha detto:

    Die, ciao, non ho avuto il tempo e sinceramente nemmeno la voglia di scrivere un post sulla Betancourt. Mi lascia interdetta lo stupore sulle condizioni della Betancourt, come volevate trovarla dopo 5 anni di prigionia nella selva, sorridente e appena uscita dal parrucchiere? Posso solo dire, ho commentato già altrove mi sembra però, che se c’era qualche speranza per la sua liberazione, grazie al parapresidente che la Colombia si ritrova, la Betancourt nella selva ci rimarrà ancora per un pò. Perchè non scrivete lettere a lui invece di chiedere a me cosa ne penso delle sue condizioni?
    Cari saluti e un abbraccio, Die.

Lascia un commento Trackback URL: