Hezbollah destina 180mdd per la ricostruzione del Libano

0 commenti

Robert Fisk                                                                                     EN ESPAÑOL 
The Independent
27/08/06
Membri di Hezbollah hanno dato inizio ai pagamenti degli indennizzi ai libanesi che hanno perso proprietà a causa degli attacchi israeliani.
Zibqin, Sud del Libano, 23 agosto. Hezbollah ha sottratto protagonismo tanto all’Organizzazione delle Nazioni Unite quanto al governo libanese destinando centinaia di milioni di dollari, provenienti quasi sicuramente dall’Iran, ed alleviando la devastazione nel sud del Libano e nelle periferie distrutte a sud di Beirut. Questo massiccio sforzo per la ricostruzione è gratuito per migliaia di libanesi le cui abitazioni sono state distrutte o danneggiate dal feroce assalto durato settimane sul paese. Con questo la guerrilla si è assicurata la lealtà perfino dei più scettici membri della comunità sciita del Libano.
Hezbollah ha lasciato intendere chiaramente che non ha nessuna intenzione di disarmarsi come prevede la risoluzione ONU n. 1701 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, e questo mercoledì pomeriggioì il generale Alain Pellegrini, comandante della forza interna dell’Onu per il sud del Libano – nella quale confidano statunitensi e britannici per il ritiro delle armi dalla guerriglia– mi ha confermato personalmente nel suo quartier generale a Naqoura, che gli “israeliani non possono chiederci di disarmare Hezbollah”. Ha aggiunto che l’attuale “cessate il fuoco” è “molto fragile” e “molto pericoloso” e che disarmare Hezbollah non è previsto dal nostro mandato.
Per ora, in assenza totale della forza militare degli 8.000 uomini che aveva intenzione di unirsi a UNIFlL con un massiccio invio, Hezbollah ha già vinto la guerra per le “menti ed i cuori”. La maggior parte delle abitazioni nel sud ha già ricevuto o sta ricevendo, una sovvenzione iniziale equivalente a 12.000 dollari, sia per nuovo mobilio che per sostenere gli affitti delle famiglie mentre le brigate di costruzione di Hezbollah si occupano della ricostruzione delle loro abitazioni.
Il denaro è pagato in contanti, quasi sempre in banconote nuove da 100 dollari ed è ripartito tra 15.000 famiglie del Libano le cui proprietà sono state distrutte dagli israeliani. Fino a questo momento il conto ammonta a 180 milioni di dollari, ma sarà molto più alto una volta che la ricostruzione e gli altri indennizzi siano stati pagati.
Nei 20 chilometri quadrati di periferia al sud di Beirut che sono rimasti distrutti o seriamente danneggiati nei 35 giorni dei bombardamenti israeliani, 500 mila residenti, quasi tutti sciiti, hanno perso le loro abitazioni, ma il denaro sta giungendo in abbondanza. Per esempio uno sciita chiamato Hussein Selim, che era proprietario di quattro piani in un blocco di appartamenti ha già ricevuto 42 mila dollari in contanti come risarcimento per i suoi mobili ed altri oggetti. Inoltre Hezbollah ha promesso di ricostruire tutta l’area municipale con i suoi propri fondi o più probabilmente con quelli iraniani.
Un aspetto di questa promessa che risulta terrificante per coloro che credono nel cessate il fuoco dell’ONU è che Hezbollah ha incoraggiato la popolazione sciita ad affittare le loro abitazioni a Khalde, nel Sud di Beirut, poiché il gruppo armato vuole rimandare di un anno il progetto di ricostruzione della città per la sua convinzione che la tregua fallirà e che ci sarà un’altra guerra tra Hezbollah e Israele che distruggerà le abitazioni recentemente costruite
In lungo e in largo della devastazione del sud del Libano, Hezbollah ha visitato centinaia di migliaia di famiglie sciite chiedendo dettagli sulle loro perdite. In alcune occasioni, funzionari del governo libanese, dei quali diffida la maggior parte della popolazione locale, hanno conteggiato i costi della ricostruzione, ma l’unica cosa che hanno fatto le autorità della regione, fino a questo momento è stata quella di iniziare a riparare le reti idriche ed elettriche.
Ho incontrato scavatrici e camion della ditta di Hezbollah, Jihad al Bena, che liberavano dalle macerie le vie di un villaggio e abbattevano quello che rimaneva delle case distrutte. “Stiamo facendo questo senza chiedere nulla in cambio, ma sappiamo che ci pagheranno perché abbiamo fiducia nello sceicco Hassan” mi ha detto il capo di una ditta di costruzioni. Sayed Hassan Nasrallh, leader di Hezbollah, ha promesso di indennizzare tutti i sopravvissuti. Percorrendo centinaia di chilometri al sud del paese, l’immensità del lavoro di Hezbollah — e il fallimento del governo libanese — è evidente. Guardando verso le colline sassose e le campagne verdi del sud del Libano, i villaggi delle montagne sembravano intatti sotto il caldo sole di agosto. Ma avvicinandosi, si notano i campi inceneriti ed enormi aree grigie di macerie, che una volta erano abitazioni. Di alcuni villaggi come Bint Jbeil e Zibqin ad esempio, la metà è andata distrutta.
Hanno distrutto una moschea antica di mille anni.
A Zibquin c’è una rovina particolarmente significativa: i resti bombardati di una minuta moschea antica di mille anni che contiene secondo quanto credono i libanesi, il corpo di Zein Ali Yaqin, figlio del profeta Yacoub o Giacobbe secondo la fede ebraica, il quale è anche il nipote del profeta Ibrahim o Abramo.
Due dei figli di Abramo, Giacobbe e Ismail (o Ismaele) sono quelli che delimitano la rottura tra tra l’islamismo e l’ebraismo, perché il primo credette che Dio disse ad Abramo di sacrificare Ismaele, mentre il secondo affermava che era Yacoub/Giacobbe che doveva essere sacrificato.
Zein Ali Yaqin, che era un santo più che un profeta, godeva pertanto di un lignaggio ebreo notevole e nonostante questo, il feretro che contiene i suoi resti mortali è uscito dal pavimento di pietra del tempio a causa dei bombardamenti israeliani che imperversavano fuori.
Le esplosioni hanno causato il crollo della vecchia facciata e centinaia di pezzi di roccia che formavano un parete originaria della cupola verde della moschea sono caduti giù per i pendii della collina, mentre le pareti interne si frantumavano e i calcinacci precipitavano come una cascata sul telo che copriva la tomba.
“Gli israeliani hanno fatto questo ad uno di loro” dice Hussein Barakat camminando con difficoltà con il suo bastone. Barakat ha 69 anni ed è l’unico abitante che rimane a Zibqin, tutti gli altri sono fuggiti dal bombardamento israeliano. Ha un dito ferito ed è rimasto mezzo sordo per le esplosioni.
Continua il recupero dei cadaveri.
Questa settimana sta continuando il recupero dei corpi dei civili e dei combattenti di Hezbollah tra gli sgombri del Sud del Libano. Si è scoperto per esempio che quattro fratelli, tutti membri di Hezbollah, sono morti insieme sotto il fuoco israeliano nella zona est della città di Khiam. Alcune famiglie ancora cercano i loro parenti.
A Siddiqin , a est di Qana, ho conosciuto un commerciante che da ore cercava di trovare le rovine di due suoi negozi, che sembrava fossero state polverizzate dai bombardamenti aerei. Ma anche egli crede che “lo sceicco Hassan” li ricostruirà. Ad alcuni chilometri da lì ho incontrato una donna di 65 anni arrampicata come un gatto su di un tetto schiacciato di quella che era la sua casa, in cerca dell’oro di famiglia negli interstizi che rimanevano tra il cemento armato.
Sono i lavoratori dell’esercito di Hezbollah ai quali si è chiesto che ricostruiscano questi villaggi e a distanza di un anno il centro di B
eirut. L’apparato politico ed economico della guerriglia, così poderoso e disciplinato come il suo esercito, contatterà decine di migliaia di uomini per ricostruire ciò che sarà una città virtuale dentro Beirut e restituiranno all’attuale sud del libano devastato i villaggi agricoli e le piantagioni di tabacco che esistevano due mesi fa.

©The Independent
Traduzione dall’originale di Gabriela Fonseca
Traduzione dall spagnolo di Annalisa Melandri

Fonte :lafogata.org

Lascia un commento Trackback URL: