Crisi commerciale dominico-haitiana

0 commenti

di Annalisa Melandri — in esclusiva per l’ Indro — 19 Giugno 2013

Potrebbe rappresentare il detonante di una crisi diplomatica tra i due Paesi, la decisione del governo di Haiti di bloccare il commercio di carne avicola e derivati,  provenienti  dalla confinante Repubblica Dominicana. La decisione è stata presa la settimana scorsa, sulla base di una presunta, quanto inverosimile, epidemia di influenza aviaria (H5N1)  presente in Repubblica Dominicana.

Vista da qui la situazione ha del paradossale. Non esiste infatti nessun caso  di influenza aviaria nel Paese,  come dichiarato anche dalla Organizzazione Panamericana della Salute e dalle autorità dominicane. La decisione, da parte delle autorità haitiane, presa su indicazione della ministra della Salute, Florence Guillaume Duperval - e qui sta il primo paradosso (altro…)


Banca del Sud: integrazione regionale in Sudamerica

0 commenti

di Annalisa Melandri — in esclusiva per L’Indro — 14 giugno 2013

Si è tenuta mercoledì scorso, presso la sede della Banca Centrale del Venezuela, a Caracas,  la prima riunione del Consiglio dei Ministri delle Finanze della Banca del Sud, nel corso della quale è stato  formalmente installato il consiglio di amministrazione  e sono stati messi a punto i meccanismi per la concessione dei primi crediti. Il presidente della Banca del Sud verrà invece designato di comune accordo dai capi di Stato dei paesi affiliati.  (altro…)


“Un incubo” la sparizione di persone in Messico

0 commenti

por Annalisa Melandri — in esclusiva per L’Indro  - 12 Giugno 2012

Affrontare un incubo. La sparizione forzata di persone in Messico’ questo è il titolo del nuovo rapporto di Amnesty International diffuso ai mezzi di comunicazione internazionali il 4 giugno scorso, che fa il punto e denuncia la gravissima  situazione della sparizione di persone nel paese. Tra il 2006 e il 2012, il «sessennio luttuoso»,  come le organizzazioni per la difesa dei diritti umani messicane definiscono il periodo di governo dell’ex presidente Felipe Calderón,  sono oltre 26mila le persone scomparse o delle quali non si sa più nulla,  secondo il registro della Procura della Repubblica. Sebbene già questo sia di per sé un numero  impressionante — oltre 4mila persone l’anno — si teme che  sia molto più alto, per l’approssimazione e per la mancanza di metodologia e procedure chiare e trasparenti nella raccolta dei dati da parte delle istituzioni pubbliche. (altro…)


Evo y su vuelo… qué revuelo!

0 commenti


Panama, la svolta energetica

0 commenti

di Annalisa Melandri — in esclusiva per L’Indro — 7 Giugno 2013

Sarà il Parco Eolico Penonomé, il primo in costruzione a Panama in una zona centrale del Paese,  il parco eolico più grande dei Caraibi e di tutta l’America centrale. Nel porto di Colón sono già stati scaricati i primi generatori, prodotti dalla  cinese Goldwind,  che con «l’operazione logistica più importante della storia di Panama dopo la costruzione del canale» come ha dichiarato il direttore dell’Unión Eólica Panameña, Rafael Pérez-Pire, verranno trasferiti fino a Penonomé per essere installati. Sono in totale 110, che verranno distribuiti su un’area d 19mila ettari e si prevede che la loro messa in funzione avvenga tra novembre e dicembre di quest’anno.

Vicente Prescott, segretario nazionale di Energia, ha dichiarato che si tratta di un “momento storico” per il Paese, che negli ultimi mesi si è trovato ad affrontare una gravissima  crisi energetica dovuta ad un periodo di forte siccità. Ha informato inoltre che il parco eolico genererà 200MW di energia pulita per il fabbisogno di circa 100mila famiglie, pari al 7 per cento del consumo totale. Il  75 per cento di questa energia  verrà prodotta in estate, proprio durante la stagione secca, che è anche  la più ventosa, permettendo un risparmio sulle risorse idriche del Paese. Anche l’impatto sull’ambiente è importante:  Panama riuscirà ad evitare l’emissione di oltre 450 mila tonnellate di carbonio.

La compagnia Unión Eólica Panameña, filiale locale della Unión Eólica Española,  che sviluppa il progetto,  ha investito nello stesso circa  440 milioni  di dollari ed ha in programma la produzione di oltre 350 MW di energia che verrà fornita da altri progetti  di parchi eolici le cui aree di installazione sono già state identificate. La produzione di energia elettrica a Panama per la maggior parte, circa il 60 per cento, avviene tramite centrali idroelettriche e dipende quindi dalle precipitazioni atmosferiche, per la restante parte proviene dai  combustibili fossili. Quest’anno, la peggior siccità mai registrata da oltre 15 anni, legata al fenomeno climatico  de El Niño, ha messo in ginocchio il Paese rendendo necessari razionamenti e limitazioni dell’uso di energia e la chiusura per  alcuni giorni di scuole  ed uffici.

Proprio per ridurre  la dipendenza  dall’energia idroelettrica, Panama sta investendo molto sulle energie alternative come eolico e fotovoltaico. Nel corso di quest’anno entrerà  in funzione infatti anche il primo parco solare, installato nel parco  nazionale Sarigua, che prevede inizialmente una  produzione  di 2,4 MW di energia, da raddoppiare nella seconda fase della sua realizzazione. Approvata a Panama inoltre un progetto di legge che ha come fine quello di ridurre la dipendenza dalle energie non rinnovabili tramite una serie di incentivi per l’installazione di pannelli solari o la costruzione di centrali per la produzione di energia pulita.

 


Brasile: indignati golpisti?

0 commenti

Ringrazio Alessandro Vigilante per la segnalazione


La Colombia punta alla Nato o viceversa?

9 commenti

di Annalisa Melandri — in esclusiva per L’Indro — 5 Giugno 2013

In queste ultime settimane, l’impressione che offre l’attento esame di alcuni avvenimenti di carattere non solo politico ma anche economico e strategico che hanno avuto luogo in America latina, è  che la Colombia sembra ormai decisa a volersi allontanare  il più in fretta possibile — a  passi lunghi e ben distesi — dal progetto di integrazione regionale che fu tanto caro a Hugo Chávez e Néstor Kirchner, gli ex presidenti di Venezuela e Argentina entrambi ormai scomparsi.

Prima a livello economico, con la costituzione e promozione dell’Alleanza del Pacifico, un progetto neoliberale (altro…)


Crisis comercial dominico haitiana ya es casi crisis diplomática. Entrevista a Hecmilio Galván

0 commenti

Por Annalisa Melandri — www.annalisamelandri.it

Podría convertirse  en una crisis diplomática entre los dos países, la decisión tomada por el  gobierno de Haití de  detener el comercio de pollos y huevos desde la vecina República Dominicana. La decisión fue tomada hace dos semanas, sobre la base de una presunta — cuanto inverosímil – presencia de  gripe aviar (H5N1) en la República Dominicana.

La  situación por algunos aspectos es paradójica. No hay, de hecho, ningún caso de gripe aviar en el país, como también  declarado por  la Organización Panamericana de la Salud y las autoridades dominicanas. La decisión de las autoridades de Haití, tomada por indicaciones  de la ministra de Salud Pública y Población, Florencia Guillaume Duperval — y esta es la primera paradoja — se adoptó sobre la base de una interpretación errónea de un comunicado del Ministerio de Comercio e Industria, que indicaba  la presencia de la gripe aviar en la República Dominicana. (altro…)


Reciclaje: una interesante experiencia comunitaria en la República Dominicana

0 commenti

 

Por Annalisa Melandri —  L’Indro - 8 de mayo 2013

Al parecer se trataría de una  cuestión muy marginal — y quizás lo sea — respecto a las problemáticas seguramente de mayor y más urgente impacto social y humano que aun hoy en día plagan  el Caribe y América latina,  sin embrago no debería subestimarse  por lo menos en cuanto a su proyección a largo plazo.

Si el reciclaje de la basura en el norte del mundo representa todavía un reto para  aquellos gobiernos que desean entrar en el Olimpo de la civilización, en el sur del planeta  respecto a ese tema  nos encontramos todavía a los albores de la modernidad.  Sin embargo algo se mueve.  (altro…)


[Cspaaal] La rivoluzione bolivariana e l’America Latina dopo Chavez. Incontro con Geraldina Colotti e Annalisa Melandri

0 commenti

Sabato 15 giugno 2013
@ Centro culturale Pablo Neruda
Via stradella 57d, Ronchi, Marina di Massa (MS)

LA RIVOLUZIONE BOLIVARIANA E L’AMERICA LATINA DOPO CHAVEZ

ore 17: Incontro con GERALDINA COLOTTI, giornalista del quotidiano il Manifesto, curatrice dell’edizione italiana di Le Monde Diplomatique e autrice del libro “Talpe a Caracas. Cose viste in Venezuela” e con ANNALISA MELANDRI, in collegamento dalla Repubblica Dominicana, curatrice del blog www.annalisamelandri.it

ore 20.30: Cena latino americana (richiesta prenotazione) e proiezione del video di Hebe de Bonafini a Massa nel 2003

Promo: CSPAAAL (Comitato di solidarietà con i popoli  dell’Asia, dell’Africa, e dell’America Latina), Centro culturale Pablo Neruda (Massa), Circolo Iskra (Viareggio)

Per ascoltare l’incontro in diretta via skype contattare areaglobale.skype

Il manifesto dell’incontro PDF

Download CSPAAAL, Resistenza senza confini, pag.4, 2009, PDF

AREAGLOBALE
Ne pas se raconter des histories
MOVIMENTO POLITICO

WEB: http://www.areaglobale.org
EMAIL: infoatareaglobaledotorg  (infoatareaglobaledotorg)  
FB: area.globale
TWITTER: areaglobale
SKYPE: areaglobale.skype


Pagina 10 di 174« Prima...89101112...203040...Ultima »