Foro de Sao Paulo, ultimas incorporaciones

0 commenti

El 4 de agosto pasado en Sesión Plenaria presidida por el c. Valter Pomar, Secretario Ejecutivo del Foro de Sao Paulo y el Presidente de la República Plurinacional de Bolivia Evo Morales y representantes de partidos de izquierda, progresistas, humanistas y movimientos sociales de América Latina aprobaron la incorporación de tres partidos:

  1. Marcha Patriótica de Colombia,
  2. Frente Iguazu de Paraguay y
  3. Partido del Pueblo (PDP) del Perú Abrazos.

 


La Organización de los Estados Americanos, México y los migrantes

0 commenti

En el diciembre del año pasado la OEA (Organización de los Estados Americanos) recomendó a México la eliminación de las visas para las personas que provienen de su frontera sur, o sea desde Guatemala. El Salvador y Honduras. La medida se relaciona también con “el pacto por México” redactado por el nuevo presidente Enrique Peña Nieto y los demás partidos políticos.

¿Porque la OEA no recomienda la misma cosa también a los Estados Unidos ya que la gran mayoría de estos migrantes cruzan sus fronteras y entran a México con el propósito de seguir su viaje hacia Estados Unidos?


Organizzazione degli Stati Americani e migranti

0 commenti

Nel dicembre scorso, l’OSA (Organizzazione degli Stati Americani) ha consigliato al Messico di eliminare il visto per le persone provenienti da Guatemala, El Salvador e Honduras. Il tema rientra anche nel “patto per il Messico” redatto   dal nuovo presidente Enrique Peña Nieto e i dirigenti  degli  altri partiti politici.

Perché l’OSA non raccomanda la stessa cosa anche agli Stati Uniti dal momento che i migranti attraversano il Messico anche e soprattutto per poi proseguire verso questo paese?


Víctor Polay Campos: “Sul banco degli accusati. Terrorista o ribelle?” (Il libro– Capitolo III)

0 commenti

Qui parlavamo della decisione di pubblicare il libro di Víctor Polay Campos a puntate in questo sito.

INDICE /Dedica /Prologo /In memoria /Introduzione

Capitolo I

Capitolo II 

Capitolo IV

Capitolo V

Capitolo VI

CAPITOLO III

A NEMESI

“Nemesi” è il nome della dea greca della vendetta. Con questo appellativo la dittatura battezzò il centro di reclusione della Base Navale. Il suo obiettivo era intimorirci e renderci ancora più indifesi. Quando  arrivammo in questa prigione non sapevamo ancora che avremmo passato gran parte della nostra vita sotto il manto del silenzio e dell’isolamento in un regime di detenzione inumano.

Che succede con Polay?

Manuel D’Ornellas

 

Sull’Expreso, 14 ottobre 1993

Manuel D’Ornellas, riconosciuto uomo di stampa, fu editorialista del quotidiano Expreso per lunghi anni e referente importante della stampa nel nostro Paese. Rappresentava senza alcun dubbio un’opinione rilevante e senza sospetti di simpatie o vincoli con le organizzazioni armate e, al di là delle discrepanze, sapeva essere rispettoso con l’avversario che secondo lui meritava questo trattamento.

Riproduciamo questo articolo per compararlo con l’attuale atteggiamento dell’Expreso, che sta seguendo una linea politica giornalistica che propugna l’odio eterno e la divisione dei peruviani.

Molta gente che contempla attonita la caduta personale di Abimael Guzmán si chiede quale sarà l’attuale atteggiamento del suo omologo del MRTA, Víctor Polay Campos: anche lui si dedicherà a scrivere lettere condiscendenti come quelle quasi striscianti che è andato producendo l’ex “Presidente Gonzalo”?

Le informazioni di cui disponiamo indicano che no, assolutamente. Polay sta resistendo con maggiore stoicismo di Guzmán alla reclusione nello stesso carcere del Callao, sottopoto a condizioni carcerarie altrettanto rigorose di quelle imposte al dirigente senderista per meno tempo. (altro…)


“Colombia Invisible” largometraje de Unai Aranzadi. El nuevo teaser.

0 commenti

Musica cedida por Calle 13 para denunciar la muerte de un “falso positivo”


La CNDH-RD expresa solidaridad al periodista Fausto Rosario Adames

0 commenti

La Comisión Nacional de los Derechos Humanos condena las recientes amenazas denunciadas contra la vida del  estimados y valorado periodista, además que amigo,  Fausto Rosario Adames, el pasado 22 de junio.

La noticia de un plan orquestado para atentar a su vida y directo desde altos oficiales activos de la Policía Nacional y algunos abogados de nuestro país,  lleva,  a la vez que nos indigna como defensores de derechos humanos y ciudadanos,  a la memoria los terribles años de la dictadura trujillista y los doce años de Balaguer, cuando las voces disidentes y opositoras eran calladas con plomo y sangre, y que  tanta ignominia,  terror y daño han llevado a nuestro país.

Recordamos que no es la primera vez que la vida de Fausto corre severo peligro, hace tres años fue asesinado el ciudadano Sergio Rafael Rojas porque fue intercambiado por él y las circunstancias de ese delito nunca fueron aclarecidas por las autoridades ya que el autor del crimen  fue asesinado por miembros de la Policía Nacional en un “presunto intercambio de disparos”. (altro…)


Bertha Cáceres: E’ una lotta forte e pericolosa, ma degna, che rappresenta il retaggio che conserviamo di popolo ribelle

0 commenti

Bertha Cáceres — Foto di Giorgio Trucchi /Opera Mundi

Lo scorso 24 maggio, mentre si stavano  recando nella zona del Río Blanco,  dove da quasi tre mesi  la popolazione indigena di etnia lenca della zona si trova in mobilitazione pacifica  contro  l’approvazione del progetto idroelettrico Agua Zarca, la dirigente del Copinh (Consiglio Civico di Organizzazioni Popolari e Indigene dell’Honduras),  Bertha Cáceres[1] e il comunicatore Tomás Gomez,  furono arrestati – e rilasciati dopo 24 ore – nel corso di  un’operazione congiunta di esercito e polizia con l’accusa – falsa — di detenzione illegale di arma da fuoco.

Oltre all’evidente illegittimità della detenzione, effettuata senza ordine di cattura e con la costruzione di prove e testimonianze false contro Bertha, va ricordato che  sia la  dirigente indigena che altri membri del Copinh sono soggetti  dal 2009 alle misure cautelari di protezione emesse dalla Corte Interamericana dei Diritti Umani, a seguito delle numerose minacce di morte che hanno ricevuto fin dal colpo di Stato di quell’anno. (altro…)


¿Por qué clama el Catatumbo?

0 commenti

¿Por qué clama el Catatumbo?

por Annalisa Melandriwww.annalisamelandri.it

Los diálogos de paz de  La Habana, Cuba,  entre la guerrilla de las Fuerzas Armadas Revolucionarias de Colombia – Ejército del Pueblo (FARC-EP) y el gobierno colombiano, parecen haber  destapado en la tierra de Macondo una   inmensa Caja de Pandora.

Solo con soñar la paz, todo se  vuelve  posible.

No apenas en la isla caribeña, patria de nuestro padre  Fidel y de nuestra madre, la dignidad latinoamericana,  cuyo 60 aniversario celebramos justo en estos días,  las delegaciones han  abordado  el tema de la reforma agraria, eje neurálgico de la justicia social,   en Colombia, desde esa misma tierra   -cuya tenencia ahora el reto consiste en democratizarla,  cuyo trabajo es tiempo de dignificar– desde ese mismo elemento básico de la naturaleza,  surge el nuevo clamor del pueblo.

Los campesinos de  esa  polvorera  silente  que ha sido hasta hoy en día el Catatumbo,  reclaman,  piden  y gritan por  derechos ancestrales; reclaman,  piden y gritan todo lo que Catatumbo  está reclamando, pidiendo y gritando desde aquel  nefasto  29 de mayo de 1999,  cuando un estado asesino abrió las puertas de su más florida región a las garras sangrientas de su ejército aliado a la violencia paramilitar. (altro…)


In Cile gli studenti chiedono un nuovo “paradigma”

0 commenti

di Annalisa Melandri — in esclusiva per L’Indro — 3 luglio 2013

Sono tornati nuovamente a far parlare di sé gli studenti cileni, in mobilitazione da settimane.  Violente proteste degli studenti delle scuole secondarie e delle università  hanno preceduto le  elezioni primarie per la scelta dei candidati presidenziali che si sono tenute  proprio domenica scorsa.

Tuttavia, quella degli studenti cileni, può definirsi ormai una mobilitazione permanente.  (altro…)


Il Paraguay teme il nucleare argentino

0 commenti

di Annalisa Melandri — In esclusiva per L’Indro  — 10 luglio 2013

Santo Domingo - La decisione del Governo argentino di costruire una centrale nucleare  di nuova generazione nella Provincia di Formosa, a soli 35 chilometri dalla frontiera  con il  Paraguaynon  piace affatto alle autorità del piccolo Paese latinoamericano.

Un rapporto diffuso dal Ministero della Salute di Asunción e consegnato al Ministro degli Esteri, informa infatti che in caso di emergenza il Paese più colpito sarebbe proprio il Paraguay.
In particolare la radioattività, informa il rapporto, «potrebbe  contaminare le riserve d’acqua delle città che si trovano sulle rive dei fiumi Paraguay e Paraná», un bacino d’utenza di circa  tre milioni di persone.

Il Governo argentino ha annunciato la decisione a San Pietroburgo in Russia, durante la Conferenza Internazionale Ministeriale sull’Energia Nucleare nel Secolo XXI, senza tuttavia  informare le autorità del Paraguay che avrebbero, nel frattempo, redatto due note, una indirizzata a Yukiya Amano, direttore generale  dell’Organizzazione dell’Energia Atomica e una per il Ministro degli Esteri argentino Héctor Timermann, chiedendo maggiori informazioni rispetto al progetto.

Il quotidiano paraguayo ‘ABC Color’,  avrebbe inoltre  confermato la notizia, grazie anche a indiscrezioni trapelate dalle autorità locali di Formosa.

Il Presidente del Paraguay, Federico Franco, in conferenza stampa ha dichiarato di essere disposto anche a ricorrere alle istanze internazionali, prima l’OSA (Organizzazione degli Stati Americani) e poi l’ONU e  di  respingere «rispettosamente  ma energicamente» l’installazione di una centrale nucleare sulla linea di frontiera.
«L’Argentina, per una situazione meno importante, ha fatto reclamo a L’Aja» ha ricordato, riferendosi alla cosiddetta ‘crisi delle cartiere’  avvenuta nel 2006 tra Uruguay e Argentina, quando l’Uruguay decise unilateralmente di costruire due cartiere  sul fiume Uruguay, condiviso da entrambi i Paesi. L’ Argentina  ricorse allora alla Corte Internazionale dell’Aja, accusando il  Paese vicino di aver inquinato il fiume.

L’Argentina, con le sue tre centrali nucleari, di cui quella di Embalse è la più grande in America latina,  è un Paese leader nella regione per quanto riguarda l’utilizzo pacifico dell’energia nucleare. Attualmente il  Governo presieduto dalla Presidente Cristina Fernández è in fase di rilancio del  Piano Nucleare del 2006 con la ristrutturazione della  Commissione Nazionale per l’Energia Atomica, fondata nel 1950 e che  aveva risentito negli  ultimi anni della mancanza di investimenti e di risorse. Il Vecchio Piano Nucleare è diventato politica di stato nel 2009 e regolamentato da  una  legge.

Il reattore CAREM (Centrale Argentina di Elementi Modulari), un progetto di ultima generazione a bassa potenza (25MW) che verrà costruito a Formosa, è il primo disegnato completamente in Argentina.  Attualmente a Buenos Aires è in costruzione il suo prototipo.

 

 

 

 


Pagina 4 di 83« Prima...23456...102030...Ultima »