Annalisa Melandri



« | »

Scontri Università Autonoma di Santo Domingo: 50 fermati e 4 feriti

Fonte Foto: Noticias SIN

Aggiornamento: in questo momento, sono circa le 23.30, sono stati rilasciati circa 40 studenti e il padre Rogelio Cruz, sono in corso gli accertamenti per gli altri volti a dimostrare che non erano in possesso di armi da fuoco.

Scenario di guerra questo pomeriggio  presso l’Università Autonoma  di Santo Domingo (UASD) dove dopo 17 giorni, una  protesta  pacifica di studenti  si conclude violentemente con un saldo di 50 giovani fermati e almeno quattro feriti, due studenti e due  membri della sicurezza privata del Rettorato.

Il 3 luglio scorso,  il direttore del centro universitario, Mateo Aquino Febrillet, aveva annunciato aumenti delle tariffe di  circa 52 servizi offerti dall’università, iniziando dalle quote di iscrizione.

La notizia era stata accolta con varie forme di protesta da alcuni studenti, già esasperati dalle precarie condizioni in cui sono costretti a portare avanti gli studi: mancanza cronica di aule e  di arredo scolastico, indaguatezza del servizio mensa etc.

Inizialmente venne occupata la Vicedirezione, poi gli uffici dei pagamenti nei pressi dei quali installarono  tende da campeggio  e dove alcuni  studenti rimasero  in occupazione pacifica. Alcuni si sono anche crocifissi simbolicamente  come forma di protesta alternativa. Purtroppo senza ricevere nemmeno grande attenzione dalla stampa nazionale.

Il padre Rogelio Cruz, religioso dominicano da sempre vicino alle comunità più povere e ai settori giovanili e che appoggia la protesta degli studenti,  ha anche organizzato delle messe e delle vie crucis in solidarietà con il movimento studentesco.

Fonte foto: Noticias SIN Fino ad oggi tutto stava procedendo nell’ambito di una pacifica protesta studentesca. Questo pomeriggio gli studenti erano riuniti in una messa con padre  Rogelio Cruz, mentre nel Rettorato era riunito  il Consiglio Universitario  che stava decidendo le misure da adottare contro gli studenti.  La parola dialogo e conciliazione sicuramente non è stata pronunciata mentre  si prendeva la decisione di espellere dall’ateneo 8 studenti e di sospenderne altri 4. La notizia deve aver scaldato gli animi degli studenti contro i quali la sicurezza dell’ateneo ha risposto con le  pallottole. A questo punto è successo di tutto, veicoli  bruciati e danneggiati,  lancio di pietre, vetri rotti.

Circa  100 uomini in tenuta antisommossa della Polizia Nazionale hanno fatto irruzione nel centro universitario  chiamati dal rettore e dai funzioanri asserragliati all’interno dell’università e impossibilitati ad uscire.

Gli agenti, dopo aver distrutto gli oggetti degli studenti che avevano nell’occupazione, e cioè le suppellettili, le cucine  e le tende da campeggio, hanno  fatto  irruzione nei locali della Federazione degli Studenti con i lacrimogeni e hanno  tratto in arresto circa 50 studenti. Padre Rodelio Cruz li ha accompagnati in arresto volontario per vigilare sulla loro incolumità.

Elizabet Mateo,  giovane avvocata e presidente del Movimento Civico “Toy Jarto pero creo en mi país” (Sono stufo ma credo nel mio paese), e che era presente alla messa, ha raccontato sul suo  twitter in tempo reale proprio quanto stava accedendo:  “Por qué tiran con balas y no con salva? Quieren matar gente deliberadamente? Por qué la seguridad universitaria usa balas? Un funcionario de la rectoría me acaba de amenazar porque dije que vi todo y que no fueron los estudiantes” (Perché sparano con pallottole e non a salve? Vogliono deliberatamente uccidere? Perchè la sicurezza universitaria usa le  pallottole? Un funzionario del Rettorato mi minaccia perchè ho detto che ho visto tutto e che non sono stati gli studenti a sparare).

Il presidente della Federazione degli Studenti Dominicani (FED) Fernando Bonilla denuncia: “siamo stati doppiamente aggrediti. Ci aggredisce anche la stessa UASD  che con intolleranza non ci ha permesso di reclamare per i nostri diritti”.

Gli studenti hanno chiesto a gran voce, prima di essere portati via dalla polizia  “le dimissioni del Rettore per l’evidente incapacità nella gestione della situazione” e hanno avvisato che “non ci sarà pace fino a che questo non avverrà e fino a quando non verranno ritirati gli aumenti predisposti”.

Ben  al di là di quanto accaduto oggi e in queste ultime settimane,  il movimento studentesco dominicano è  in fermento da tempo per le voci insistenti che vedono  la privatizzazione dell’ateneo come unica possibilità di salvezza dalla gravissima  crisi economica nella quale versa da tempo. Fermento che si va a sommare a quello di tutti gli altri attori vincolati al settore educativo e che in diverso modo da anni stanno lottando contro la privatizzaione dell’educazione, peu un’educazione dignitosa e di qualità e per l’aumento degli investimenti in questo settore nelle voci del bilancio pubblicop.

Appena un mese fa la Coalición Educación Digna, che  riunisce le varie istanze presenti nel paese che lavorano in questo senso,  ha ricevuto a Washington il premio all’Impegno Civile da parte  del Diálogo Interamericano in una cermonia organizzata  nella sede dell’Organizzazione degli Stati Americani (OEA). en una ceremonia realizada en Washington, en la sede de la Organización de Estados Americanos.

Posted by on 20/07/2012.

Tags: , , ,

Categories: America latina, Featured, Miei articoli/Mis artículos, Repubblica Dominicana

One Response

  1. Non mi sbalordisce questo tipo di notizia in Santo Domingo. Salari minimi al limite dell’assurdo e investitori voraci che si divertono a sguazzare in quello che è ancora un paradiso d’investimento. Io stesso mi sono imbattuto in alcuni investitori italiani, ho visto come ragionano e ho visto, purtroppo, come stanno crescendo.
    E hanno il coraggio di alzare le tasse agli universitari allo stremo.
    Sono tutti stanchi e immaginiamoci come crescono e sviluppano la propria identità questi giovani, laddove anche le forze dell’ordine ti fermano ogni santo giorno per chiederti soldi, soldi, soldi.

    by Luca on ago 2, 2012 at 19:57

Leave a Reply

 

« | »




Articoli recenti


Pagine