A 50 anni dall’ assassinio di Patrice Lumumba — iniziativa in Belgio

2 commenti

VERITA’, GIUSTIZIA, RISARCIMENTO PER IL POPOLO CONGOLESE

50 anni dopo il suo assassinio, perpetrato il 17 gennaio del 1961, Patrice Lumumba continua ad essere il simbolo della lotta panafricana per l’ indipendenza del Congo e per l’emancipazione dei popoli. La sua lotta continua ad essere fonte di ispirazione  in tutto il mondo. Il Primo Ministro del Congo, paese che aveva appena raggiunto l’indipendenza, eletto democraticamente dal popolo congolese  con grande sorpresa del governo belga che aveva organizzato le elezioni, venne ucciso sei mesi dopo, insieme ad altri suoi compagni, tra i quali  Joseph Okito, presidente del Senato, e  Maurice Mpolo, ministro dello Sport. Avevano osato liberare il loro paese dal giogo coloniale e neo-coloniale.

Sono numerose le prove delle responsabilitá  dei governi del Belgio e degli Stati Uniti  tra gli altri, nell’isolamento  e   nella caduta del governo di Lumumba e nell’ insediamento del generale Mobutu , dittatore corrotto al servizio dei governi occidentali e delle loro  multinazionali.

Per la democrazia del Congo e  per la democrazia belga consideriamo essenziale che cessi  la disinformazione e l’impunitá che riveste questi crimini contro l’umanità e che le vittime e le loro famiglie , ma anche il popolo belga  e congolese abbiamo finalmente diritto alla verità, alla giustizia e al risarcimento.

 

VERITA´!

-        Esigiamo che gli archivi coloniali siano resi pubblici completamente

-        Nessuna censura deve persistere  sulla responsabilità dello Stato belga e dei diversi attori che hanno partecipato in un modo o nell’ altro all’assassinio del primo ministro, Patrice Lumumba e dei suoi ministri e compagni

GIUSTIZIA!

-        I crimini contro l’umanità sono imprescrittibili, va fatta giustizia. Appoggiamo soprattutto la denuncia  presentata dalla familia di  Patrice Lumumba contro dodici belgi sospettati di aver partecipato al  sequestro, alla tortura e all’ omicidio di Patrice Lumumba e dei suoi compagni.

-        I meccanismi che debilitano la sovranità economica e finanziaria della Repubblica Democratica del Congo reclamata da Lumumba devono essere smantellati, la risoluzione approvata dal Senato del Belgio il 29 marzo del 2007  sul debito deve essere applicata e il saccheggio delle risorse naturali da parte delle multinazionali belghe e altri paesi deve cessare.

RISARCIMENTO!

-        Il governo belga e i differenti attori di questi molteplici omicidi devono riconoscere e ammette la loro responsabilità sia volontariamente che per azione della giustizia;

-        Chiediamo alle autorità che portino avanti una politica attiva di riabilitazione della memoria di Lumumba e dei suoi compagni e compagne che hanno lottato per l’emancipazione africana: correggendo i testi scolastici, organizzando una mostra sul tema nel 2011, aprendo una sezione speciale al Museo Reale dell’ Africa Centrale  a Tervuren e dedicando alla sua memoria un luogo o un’istituzione facilmente accessibile a Bruxelles;

-        Seguendo le raccomandazioni della commissione parlamentare belga del 2001 e le promesse delle autorità belghe, chiediamo che sia istituita la fondazione di Patrice Lumumba e che sia dotata di risorse adeguate tenendo in conto i  ritardi.

RIFIUTIAMO L’ IMPUNITA´

RENDIAMO OMAGGIO AI LOTTATORI PER LA LIBERTA´E L’INDIPENDENZA!

APPOGGIAMO LA LOTTA DEL POPOLO CONGOLESE PER LA SUA SOVRANITA´, INTEGRITA´DEL SUO TERRITORIO E LA DIFESA DELLE SUE RISORSE NATURALI!

 

Per appoggiare queste rivendicazioni convochiamo una manifestazione a Bruxelles Domenica 16 gennaio 2011

Ore 14 Place du Tr Trône (métro Trône)

 

 

 

 

 

  1. Bello il ricordo di Lumumba, Annalisa, peccato che sei stata l’unica, nessuno ha ricordato il cinquantenario della morte dell’eroe dell’Africa libera… Ciao!!!!

Lascia un commento Trackback URL: